L'amplificatore Bluetooth a candele

Un'idea tutta italiana che non richiede batterie.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 14-10-2014]

pelty 3

Gli altoparlanti Bluetooth esistono in tutte le forme e dimensioni ma tutti hanno in comune un piccolo difetto: per funzionare hanno bisogno di una batteria, o di una presa di corrente.

Pelty, invece, ne fa a meno.

Realizzato dall'italiano Gianluca Gamba, è realizzato in ceramica e vetro ma ciò che lo caratterizza maggiormente è il fatto che per funzionare utilizza una fiamma, come quella di una candela.

Il nome stesso è un'allusione a come ciò sia possibile: Pelty sfrutta infatti l'effetto Peltier e l'intero dispositivo è, in effetti, una cella di Peltier cui è collegato l'altoparlante Bluetooth vero e proprio.

Gli inventori spiegano che normalmente l'efficienza ottenuta con questa tecnologia non è molto alta, ma l'utilizzo di un design che massimizza la differenza di temperatura e l'utilizzo di una camera in vetro permette di generare abbastanza elettricità per far funzionare l'altoparlante.

Sondaggio
Secondo te qual è tra questi il miglior smartphone del momento? Confronta i risultati con quelli del sondaggio precedente (primavera/estate 2014)
Apple iPhone 5S - 8.2%
Apple iPhone 6 - 14.2%
BlackBerry Q10 - 3.2%
Google Nexus 5 - 10.9%
HTC One M8 - 6.8%
LG G3 - 9.3%
Nokia Lumia 1020 - 4.1%
Nokia Lumia 1520 - 4.9%
OnePlus One - 6.5%
Samsung Galaxy Note 4 - 11.0%
Samsung Galaxy S5 - 20.9%
  Voti totali: 1762
 
Leggi i commenti (13)

Pelty utilizza delle candele specifiche progettate per integrarsi perfettamente con il design del dispositivo, ma in linea di massima qualunque candela va bene.

L'altoparlante da 3 pollici riesce a generare 95 db (a 50 centimetri di distanza), ossia quanto altri piccoli altoparlanti Bluetooth. L'articolo continua dopo il video.

La raccolta su Indiegogo, promossa per ottenere abbastanza fondi da utilizzare per la commercializzazione di Pelty, non è riuscita a raggiungere il risultato sperato (100.000 dollari); il sito ufficiale è però tuttora in attività e l'idea resta comunque interessante.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Per la precisione si è fermata al 40 % dell'obiettivo e, francamente, non mi stupisce affatto: non mi sembra che un pacco di candele e una scatola di cerini sia più comodo di alcune batterie di riserva... se proprio non c'è una presa di corrente... :roll: Leggi tutto
15-10-2014 19:27

Beh, è carino, per incuriosire la partner in una serata romantica... ;-) Mauro Leggi tutto
15-10-2014 00:57

geniale, già mi vedo gli strafighi che viaggiano con una cassa di candele di scorta, cosa certamente più pratica ed economica rispetto ad un caricabatterie
14-10-2014 16:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
In Parlamento una proposta di legge vorrebbe obbligare i nuovi esercizi pubblici (ristoranti, negozi e via dicendo) a mettere a disposizione gratis degli utenti la possibilità di navigare col Wi-Fi in Internet. Secondo te...
È una novità giusta e moderna.
È un obbligo (costoso) in più, da evitare.
Ottimo, ma si dovrebbero prevedere degli sconti fiscali per l'esercente.
La connessione sarà lenta, e poi con gli smartphone il Wi-Fi chi lo usa oggi?
Non mi interessa.
Non saprei.

Mostra i risultati (2646 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 28 giugno


web metrics