Fusione nucleare, Lockheed annuncia nuovi reattori senza scorie

Entro 10 anni avremo energia pulita e praticamente gratis.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-10-2014]

fusione nucleare lockheed

Energia pulita, praticamente illimitata e a costo zero o quasi: il sogno della fusione nucleare promette tutto questo, e Lockheed Martin pensa di riuscire ad arrivarci in appena 10 anni.

L'azienda ha infatti annunciato di essere al lavoro su un reattore compatto di nuova concezione.

«Il nostro progetto di fusione compatta combina diversi sistemi alternativi di confinamento magnetico, prendendo il meglio da ciascuno, e offre una riduzione delle dimensioni pari al 90% rispetto ai progetti precedenti» spiega Tom McGuire, capo del team che lavoro su questa idea.

McGuire è convinto che in meno di un anno potrà costruire il primissimo reattore compatto a fusione e che entro cinque anni il prototipo sarà completato; l'entrata in funzione del primo reattore "finito" è invece prevista tra una decina d'anni.

Il reattore di Lockheed sarebbe in grado di adoperare le infrastrutture attualmente utilizzate per le turbine a gas: ciò semplificherebbe e renderebbe molto più economica la costruzione e l'installazione, poiché si tratterebbe soltanto di sostituire le turbine con il reattore.

Sondaggio
Quale di queste tecnologie obsolete utilizzi di più?
Autoradio con mangianastri
Carta carbone
Ciclostile
Fax
Floppy disk
Lavagna luminosa a lucidi
Lettore di compact disc
Macchina fotografica a pellicola
Macchina per scrivere
Proiettore di diapositive
Registratore a cassette
Segreteria telefonica a nastro
Stampante ad aghi
Telefono a rotella
Videoregistratore VHS
Videotel
Walkie talkie
Walkman

Mostra i risultati (3979 voti)
Leggi i commenti (22)

Non tutti, però condividono le ottimistiche previsioni di Tom McGuire: per il professor Ian Hutchinson, del MIT, «per quel che posso vedere, non hanno fatto attenzione alla fisica di base della fusione nucleare».

Parlando al Washington Post, il professor Harald Griesshammer della George Washington University spiega che le ridotte dimensioni lo convincono poco. Gli attuali reattori in cui si sperimenta la fusione sono giganteschi: l'ITER, in costruzione in Francia e ideato per produrre 500 MW, è grande come 50 campi da calcio e il reattore in sé misura 90 x 130 metri.

La proposta di Lockheed occuperebbe appena 2 x 3 metri e arriverebbe a 100 MW. Il problema è che la reazione di fusione emette neutroni, che «bombardano le pareti del reattore, indebolendole» come spiega Griesshammer; per cui i reattori sono costruiti tenendo presente che bisogna realizzare delle pareti "robuste": di qui, le vaste dimensioni dei reattori attuali. L'articolo continua dopo il video.

Pensando al reattore di Lockheed, quindi, Griesshammer è perplesso: «È un progetto piccolissimo. Non sono sicuro di quanto possa essere stabile»; il professore teme infatti che ciò possa portare a incidenti.

Solo il tempo ci dirà se dietro le promesse di Lockheed ci sia della sostanza. Griesshammer, dal canto proprio, commenta: «Mi piacerebbe tantissimo se ci si riuscisse nei prossimi 10 anni. Ma sono molto scettico».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Stellarator, il reattore a fusione tedesco
Il minireattore a fusione del MIT
A Fukushima una barriera di ghiaccio come in Game of Thrones
La centrale nucleare immune a terremoti e tsunami
Tredicenne costruisce reattore nucleare nel garage di casa
Fusione nucleare in laboratorio, primo successo

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 15)

Non e proprio vero cio' che scrivi. P.es. e' gia' in vigore da un qualche anno una normativa europea che vieta la commercializzazione di motori elettrici che non soddisfino dei requisiti minimi in termini di efficienza; fra l'altro tale divieto e' presente anche in diverse nazioni extraeuropee ed in alcuni casi sono in vigore da prima... Leggi tutto
29-10-2014 21:54

Posso solo dire che sembra troppo bello per essere vero. :? In ogni caso fra un anno avremo già le prime risposte...
29-10-2014 19:04

Sì, però il gruppo che sta dietro al fantomatico reattore è la divisione SkunkWorks di Lockheed Martin, che in passato ha progettato ottimi aerei che hanno fatto la storia dell'aeronautica militare USA: U-2, SR-71 Blackbird, F-117 Nighthawk, F-22 Raptor. In particolare SR-71 ha operato dal 1964 al 1990, e nel 1976 ha segnato i record... Leggi tutto
29-10-2014 17:39

Invece che cercare nuove energie alternative, è sufficiente fare in modo che macchine e strumenti elettrici ne consumano meno. Ma chissà perché, da questo orecchio i "grandi" non ci sentono... :evil:
28-10-2014 17:29

Quante industrie erano in produzione il giorno di Pasqua e di pasquetta? Ricordiamoci che l'energia elettrica non serve solo per accendere le lampadine o per ricaricare il tablet... Leggi tutto
28-10-2014 13:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2564 voti)
Settembre 2020
Veicolo autonomo investe e uccide; guidatore accusato di omicidio colposo
Il bug più serio mai scoperto in Windows
Bug in Immuni vanifica l'efficacia dell'app
Facebook ti paga se disattivi l'account
Amazon cancella 20.000 recensioni fake
Samsung brevetta lo smartphone completamente trasparente
L'app che abilita il God Mode in Windows 10
Intel, i Core di undicesima generazione sorpassano Amd
Windows 10 e il bug che deframmenta di continuo gli Ssd
Agosto 2020
Windows 10 rimuoverà automaticamente le app meno utilizzate
Malware negli smartphone a basso costo ruba dati e denaro
Duplicare una chiave col microfono dello smartphone
Chrome, Url troncati per combattere il phishing
Tim e Wind Tre, crescono le tariffe
Il chip nel cervello di Elon Musk
Tutti gli Arretrati


web metrics