L'Occhio di Dio di Uber e il Garante della privacy

Uber spia movimenti di una giornalista americana attraverso l'app di Uber. In Italia che tutela c'è per la privacy dei clienti?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 21-11-2014]

Fotolia 58463981 Subscription Monthly XL

Chi non ricorda la famosa frase di tanti detective privati e della polizia americana, salendo su un taxi: "Prego,segua quella macchina".

Ma se invece di un taxi fosse un'automobile che presta i servizi di Uber, non ci sarebbe neanche bisogno di dirla e di seguire l'auto, perché pare che l'app di Uber abbia un tool dall'inquietante nome God View, cioè l'Occhio di Dio (a cui non sfuggirebbe niente) che registrerebbe tutti i movimenti di un cliente di un'auto Uber.

Lo ha scoperto una giornalista americana, a cui lo ha detto un manager di Uber, che gli ha mostrato come avesse spiato il suo tragitto su un mezzo collegato a Uber - senza il consenso della giornalista.

La cosa sta sollevando un gran polverone negli Usa. Uno dei manager dell'azienda avrebbe detto a una cena con giornalisti che Uber potrebbe raccogliere dossier sui giornalisti che criticano l'azienda, per esempio per alcuni episodi che hanno visto autisti di Uber colpevoli di molestie o violenza.

Questo fa nascere il sospetto che la possibilità di registrare i movimenti degli utenti del servizio possa essere utilizzata contro gli stessi, per siarli e ricattarli.

Sondaggio
Il Garante Privacy ha istituito - ormai da anni - un servizio che in teoria dovrebbe tutelare la privacy dei cittadini iscritti, vietando ai call center di chiamare i loro numeri telefonici. Secondo la tua esperienza, il Registro delle Opposizioni funziona?
Sì. Sono iscritto e non mi scocciano praticamente mai.
Non lo so. Non sono iscritto.
No. Sono iscritto e continuo a ricevere telefonate con proposte commerciali.

Mostra i risultati (2766 voti)
Leggi i commenti (29)

Uber ha annunciato di voler verificare con rigore se la modalità "God View" è stata usata da funzionari dell'azienda in modo illegittimo e contrario alla policy della stessa Uber, che non consente l'uso della registrazione degli spostamenti agli autisti e dovrebbe garantire la privacy dei clienti.

Sarebbe interessante conoscere l'orientamento del Garante della privacy nostrano in materia: in passato il Garante si era occupato dei taxi, le cui centrali radio registrano i numeri telefonici di chi chiama per prenotare un taxi, per evitare scherzi e false prenotazioni, obbligando alla cancellazione dei numeri entro un certo periodo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Le auto sperimentali a guida automatica di Uber

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 6)

{Mario Rossi}
Ciao ragazzi io lavoro al garante. Proporrò a chi di dovere di analizzare quest'app che non conosco. Qui a roma non credo che uber abbia molti utenti: con tre servizi di car-sharing le esigenze di mobilità alternativa iniziano ad essere dignitosamente coperte. Ma parlo per intuizione personale, in assenza di dati... Leggi tutto
24-11-2014 10:49

{vestorsk}
@Zievatron La fantasia di Orwell è stata superata anche in una cosa che ritengo sia il peggio del peggio: nel romanzo la gente era oppressa e se avesse potuto si sarebbe liberata di quel regime, mentre nella realtà di oggi la gente è contenta (anche se con qualche protesta sulla privacy) per quello che il regime sta... Leggi tutto
23-11-2014 20:45

Vice assistente agli addetti alla pulizia degli occhiali di Dio. :lol:
23-11-2014 13:46

Più che verificare l'illiceità o meno dell'uso del tool sarebbe molto più semplice rimuoverlo ma, se l'hanno progettato e inserito nell'app, penso sia proprio per usarlo quindi non credo affatto che a qualcuno in Uber interessi veramente fare questa verifica... :roll: In quanto la manager boccalone, se è tutto vero, gli converrà... Leggi tutto
23-11-2014 13:42

E' proprio vero che la realtà ha superato le fantasie di Orwell. :(
23-11-2014 01:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'affidabilità dell'informazione su internet?
La rete è piena di giornalisti non professionisti che scrivono per lo più sulla base del sentito dire, senza una reale verifica dei dati.
Può andar bene per farsi un'idea velocemente, ma è carente se dall'informazione si vuole approfondimento e commento.
L'informazione reperibile in rete è del tutto paragonabile per contenuti e affidabilità a quella dei media tradizionali.
La qualità dell'informazione su internet è certamente più varia di quella offerta dai media tradizionali, ma sapendo scegliere siti e fonti giuste può essere superiore.
Internet è l'ultima frontiera dell'informazione libera e non irreggimentata.

Mostra i risultati (3111 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics