Datagate, gli agenti della NSA spiavano anche mogli e fidanzate

Pubblicati i documenti che provano gli abusi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-12-2014]

nsagate spia mogli fidanzate

Non c'era soltanto capi di Stato e personalità di Paesi amici tra gli obiettivi spiati dalla NSA, l'agenzia degli Stati Uniti che si occupa della sicurezza nazionale, e venuti alla luce con il cosiddetto datagate (o NSAgate).

Le ultime informazioni rese pubbliche rivelano che gli 007 americani adoperavano le attrezzature messe a disposizione dall'agenzia per spiare anche mogli e fidanzate, e non solo.

Dopotutto, già Giovenale si chiedeva, non senza motivo, «Chi sorveglierà i sorveglianti stessi?»; chi possiede il potere può facilmente essere tentato di abusarne, e gli agenti della NSA di ciò hanno appena fornito la prova.

La notizia è stata diffusa dal Wall Street Journal, che ha avuto modo di setacciare i rapporti pubblicati dalla NSA stessa e relativi al periodo che va dal 2001 al 2013.

I rapporti sono stati pubblicati in risposta a una causa mossa facendo leva sul Freedom of Information Act, la legge che consente l'accesso agli archivi di Stato degli USA.

Tali documenti contengono diversi omissis ma sono sufficienti per evidenziare come l'attività di sorveglianza sia stata, negli anni, soggetta a diversi abusi.

Nel 2009, per esempio, un sergente dell'esercito è stato degradato per aver spiato la moglie tramite le infrastrutture della NSA, e un analista dell'agenzia stessa, nel 2011, «ha effettuato ricerche sul telefono della moglie, a insaputa di lei, ottenendo nomi e numeri di telefono dei suoi contatti per continuare a spiarli» come riporta il Wall Street Journal.

Sondaggio
Il Garante Privacy ha istituito - ormai da anni - un servizio che in teoria dovrebbe tutelare la privacy dei cittadini iscritti, vietando ai call center di chiamare i loro numeri telefonici. Secondo la tua esperienza, il Registro delle Opposizioni funziona?
Sì. Sono iscritto e non mi scocciano praticamente mai.
Non lo so. Non sono iscritto.
No. Sono iscritto e continuo a ricevere telefonate con proposte commerciali.

Mostra i risultati (2657 voti)
Leggi i commenti (29)

Per dolo o per disattenzione, i dati personali di moltissime persone presenti sul territorio degli USA negli anni presi in considerazione sono stati maneggiati dagli agenti senza che ce ne fosse un vero motivo; le cause di ciò vanno da ricerche superficiali, che hanno estratto dai database dell'agenzia molti più dati di quanti ne servissero, a consapevoli attività di spionaggio ai danni di persone del tutto innocenti.

Secondo Patrick Toomey, avvocato della American Civil Liberties Union, i documenti «mostrano come la NSA abbia fatto un uso improprio delle informazioni raccolte negli ultimi 10 anni. Rivelano come ci sia urgente bisogno di una maggior supervisione da parte di tutti e tre i rami del governo».

La NSA si difende affermando che i rapporti mostrano chiaramente come la maggior parte degli incidenti «coinvolgano errori umani o tecnici non intenzionali. Nei pochissimi casi in cui si rinviene l'abuso intenzionale dei sistemi di intelligence, è stata condotta un'indagine completa e approfondita e sono state intraprese azioni disciplinari o amministrative».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
NSA spiava anche tramite malware negli app store
La scatola nera che sorveglia il web
Amnesty International contro i governi che spiano i cittadini
Il Datagate si estende anche alla posta tradizionale
Datagate, Twitter denuncia FBI e governo americano
Spyware di stato: le app spione del governo
NSA: Google e Facebook sapevano tutto
Datagate, basta un crawler per beffare la NSA
Gli intellettuali contro il Datagate
Come l'NSA ha tradito la fiducia del mondo
Germania e Italia, due culture di fronte al Datagate

Commenti all'articolo (2)

E' proprio vero che l'occasione fa l'uomo ladro e ben pochi sfuggono a questo proverbio, in NSA, dove l'occasione pare sia più ghiotta, ancora meno. :roll:
5-1-2015 15:01

Come si fa a dare fiducia alle parole di chi ha appena tradito - spiando di nascosto, ed ammettendolo solo una volta scoperto con le mani nel vasetto della marmellata - la fiducia stessa? =) Leggi tutto
31-12-2014 09:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Chi di questi 10 non ha meritato il premio Nobel per la Pace?
Elihu Root, segretario di Stato USA, vincitore nel 1912, indagato per la repressione degli indipendentisti filippini.
Aristide Briand, politico francese, vincitore nel 1926, nonostante molti sostengano che gli accordi da lui voluti abbiano portato la Germania a tentare la successiva espansione verso est.
Frank Kellogg, vincitore nel 1929: la sua idea per evitare le guerre fu sconfessata di lì a breve dalla politica tedesca.
Carl von Ossietzky, giornalista tedesco, vincitore nel 1935 per aver rivelato la politica tedesca di riarmo in violazione dei trattati. Meritava il premio, ma la tempistica fu pessima: venne deportato in un campo di concentramento.
Nessuno: nel 1948 il premio non venne assegnato. Sarebbe potuto andare a Mohandas Ghandi, ma era stato assassinato e il Comitato non permise che il premio fosse assegnato alla memoria.
Henry Kissinger e Le Duc Tho, vincitori nel 1973 per aver negoziato il ritiro delle truppe USA dal Vietnam. Il primo però approvò il bombardamento contro la Cambogia; il secondo rifiutò il premio.
Yasser Arafat, Shimon Peres e Yitzakh Rabin, vincitori nel 1994, sebbene gli accordi di Oslo abbiano avuto effetti molto brevi.
Kofi Annan e le Nazioni Unite, vincitori nel 2001, investigato nel 2004 per il coinvolgimento del figlio in un caso di pagamenti illegali nel programma Oil for Food.
Wangari Muta Maathai, vincitrice nel 2004, convinta che il virus HIV sia stato creato in laboratorio e sfuggito per errore.
Barack Obama, vincitore nel 2009, appena eletto presidente degli USA.

Mostra i risultati (1754 voti)
Agosto 2019
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Windows 10, errori nel patch Tuesday di agosto
Il cavo USB che permette di violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
5G, miti da smontare e paure pilotate
VLC, panico nel Web per una falla estremamente grave
Tutti gli Arretrati


web metrics