Conosci i tuoi file?

Jpeg, Png e Gif sono i formati immagine più comuni: ecco quale utilizzare in base alle necessità.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-01-2015]

Le immagini sono diventate parte integrante dell'esperienza di ogni utente sin dalla comparsa delle prime GUI.

Lavorare con le immagini ora non è più esclusiva di pochi esperti e spesso ci si trova di fronte a formati diversi.

Senza le adeguate conoscenze è difficile stabilire quale formato è più adatto alle nostre necessità, sia che si tratti di un download dal web che propone diverse alternative, di un semplice scarabocchio con Paint o di un lavoro grafico più elaborato con programmi come Photoshop o GIMP, programma di elaborazione grafica con licenza Gnu.

Ad oggi Jpeg, Gif e Png sono i formati più frequentemente utilizzati e dunque più utili e interessanti da analizzare, così da capire qual è il più adatto in base alle circostanze.

Partiamo dal formato Jpeg che si presenta con l'estensione (suffisso preceduto da un punto al termine del nome del file) .jpg o .jpeg. Non esiste alcuna differenza fra .jpg e .jpeg: sono solo un modo diverso di chiamare lo stesso oggetto.

L'acronimo Jpeg (Joint Photographic Experts Group), pronunciato gei-peg, compare per la prima volta nel 1986. Usa un complesso algoritmo di compressione e può mostrare milioni di colori arrivando a una compressione del 60% - 75% dall'originale; è un formato 16-bit.

Per chiarire le idee, strumenti per la digitalizzazione delle immagini come fotocamere e scanner non producono immediatamente una riproduzione dell'immagine in formato Jpeg bensì una copia in un formato denominato Raw.

Raw significa grezzo, crudo, proprio perché ancora non processato: questo file viene poi elaborato dal processore e salvato sulle memoria. Per default i dispositivi solitamente non salvano una copia non processata in memoria, ma vi è la possibilità di farlo se interessati.

Sondaggio
Quale di queste affermazioni sul ruolo del digitale nella fotografia è secondo te più corretta?
Ha svilito l'arte fotografica. Oggi conta più essere bravi con i programmi di fotoritocco che dei buoni fotografi
L'era digitale è quella del falso. Praticamente non esiste foto su giornali, calendari e manifesti che non venga alterata al computer prima della pubblicazione.
Moderno strumento di democrazia, il digitale ha consetito di avvicinare per qualità il mondo degli amatori a quello dei professionisti.
I vantaggi economici e tecnici dello scattare in digitale hanno riportato interesse nella fotografia, che in ambito non professionale stava soccombendo sotto la diffusione delle videocamere.

Mostra i risultati (4552 voti)
Leggi i commenti (12)

Il formato Jpeg è assimilabile a quello Mp3 utilizzato per la musica: elimina alcuni dettagli e informazioni che l'occhio umano non è in grado di percepire, riducendo così le dimensioni del file. Per questo motivo è definito lossy, con perdite, appunto perché si omettono dei dettagli cercando di mantenere identica la qualità percepita.

Jpeg è lo standard per la maggior parte delle fotocamere digitali ed è il formato migliore quando si è interessati più alle dimensioni su disco che alla qualità dell'immagine. Non permette di creare animazioni, è il più adatto per digitalizzazioni come le foto e per mantenere una buona quantità di colori e di sfumature in chiaro-scuro con al contempo delle dimensioni ridotte.

Il formato Gif (Graphics Interchange Format), pronunciato come è scritto (spesso è pronunciato ghif, con la G dura), è stato creato nel 1987 per trasferire velocemente immagini attraverso le connessioni lente e si presenta come estensione .gif.

Questo formato usa solamente 256 colori in 8-bit e un processo chiamato dithering che permette di combinare due pixel di colore per crearne un terzo, così da ridurre i colori necessari e in parte le dimensioni del file finale.

Può essere interlacciato, ovvero l'immagine compare sul display integralmente con una risoluzione più bassa con pochi dettagli e poi gradualmente sempre più definita fino alla massima risoluzione quando viene caricata completamente; questo aveva senso soprattutto con i modem dial-up, quando i tempi di caricamento di un'immagine anche piccola potevano diventare importanti.

Con il formato Gif si possono creare animazioni e trasparenze a un solo bit, ovvero un colore può essere reso trasparente. Meno colori significa minori informazioni: il formato Gif occupa meno spazio di Jpeg.

Questo formato è il più adatto per lavori di grafica web che non necessitano di molti colori, per piccole icone e immagini animate: in generale per ciò che non richiede un alto grado di complessità.

Il formato Png (Portable Network Graphics), pronunciato generalmente piennegi o pi-en-gi, nasce negli anni novanta come alternativa al formato Gif per aggirare la decisione dei detentori del brevetto di richiedere royalty per ogni programma che lo utilizzasse.

Beneficia di caratteristiche sia di Gif che di Jpeg ed è molto versatile. È un formato lossless come Gif, cioè senza perdita di dati; può presentarsi in 8-bit (quindi 256 colori con 1 bit in trasparenza, creando immagini con dimensioni più contenute di Gif) oppure in 24-bit, spostandosi più verso Jpeg (con 16 milioni di colori ma senza compressione e quindi file più grandi del formato Jpeg).

Png permette di creare i canali alpha ovvero di lavorare con le trasparenze e con le scale di opacità: le immagini in Png possono essere apposte su qualunque sfondo mantenendo l'apparenza originale.

Grazie alla possibilità di usare canali alfa in qualunque situazione di necessità di trasparenze, sfumature e opacità, Png è probabilmente il formato migliore: è adatto anche al salvataggio di immagini ancora in fase di lavorazione e alle immagini complesse in cui non si vogliono perdere dati e le dimensioni del file non sono un problema.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Edoardo Prandin

Commenti all'articolo (3)

In ambito fotografico è sempre preferibile salvare le immagini in formato RAW ove disponibile o, se si vuole avere subito la disponibilità di una foto e si ha abbastanza memoria nella fotocamera, utilizzare l'opzione RAW+JPG. Con l'immagine in formato RAW, in post produzione, si ha sempre a disposizione lo scatto originale senza alcuna... Leggi tutto
1-2-2015 10:58

In ambito fotografico un problema del JPG e' proprio quello di supportare solo 8-bit (non 16). Le macchine fotografiche infatti scattano a 12 o 14 bit, ma poi, quando producono il jpg, sono costrette a rientrare negli 8-bit. Per quanto riguarda la compressione, la si puo' regolare a proprio piacimento. Si possono impostare livelli di... Leggi tutto
29-1-2015 17:37

{Cla}
Non di minore importanza che il formato JPG consente di scegliere quanta fedeltà all'immagine grezza si vuole conservare in fase di salvataggio dell'immagine stessa. Possono anche essere salvate in modalità 'progressiva', per avere una caratteristica simile a quella delle GIF interlacciate. Infine una... Leggi tutto
29-1-2015 15:35

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3699 voti)
Giugno 2020
Altro che Immuni: il Bluetooth va tenuto spento!
Maggio 2020
Windows 10, rilasciato l'update di maggio. Microsoft: ''Non aggiornate''
Immuni, rilasciati i sorgenti
Da Samsung lo smartphone da usare in guerra
Microsoft confessa: ''Sull'open source abbiamo sbagliato tutto''
Da OnePlus lo smartphone che vede attraverso gli oggetti (e i vestiti)
Windows 10, inizia l'abbandono dei 32 bit
Facebook, arriva la nuova interfaccia. Senza possibilità di fuga
UE, giro di vite sui cookie
L'app che snellisce Windows 10
Windows 10, l'aggiornamento di maggio uscirà con un bug
WhatsApp, finalmente arriva il supporto a più dispositivi
Aprile 2020
Windows 10 diventa più scattante con il May 2020 Update
Rubare i dati da un Pc sfruttando le vibrazioni delle ventole
Il software per impersonare gli altri su Zoom e Skype
Tutti gli Arretrati


web metrics