Tox, il malware in kit che ricatta l'utente

Chiunque può creare facilmente il proprio ransomware e darsi al crimine informatico.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-05-2015]

tox ransomware macafee

Sono lontani i tempi in cui per diffondere malware era indispensabile possedere serie conoscenze di programmazione e architettura dei sistemi: oggi chi vuole distribuire il proprio virus si può affidare tranquillamente a prodotti venduti in kit.

Finora l'unico tipo di malware per il quale non esistevano soluzioni già pronte era il ransomware, che è poi un rappresentante particolarmente odioso della categoria.

Il ransomware non si limita a fare danni o a sottrarre informazioni: blocca l'accesso ai dati contenuti nel computer, spesso cifrando i file dell'utente, e chiedendo un riscatto (ransom = riscatto) per restituire l'accesso.

McAfee ha di recente scoperto che ora chiunque può creare il proprio ransomware, e senza sborsare un euro, grazie a Tox.

Tox è infatti completamente gratuito: basta registrarsi al sito, inserire il valore del riscatto, dichiarare la propria "causa" e completare un Captcha: a quel punto verrà automaticamente confezionato un piccolo eseguibile (2 Mbyte) mascherato da screensaver per Windows e pertanto dotato dell'estensione .scr.

Sondaggio
Ogni quanto tempo il tuo Pc è affetto da malware?
Una o due volte l'anno.
Tre o più volte l'anno.
E' successo una volta e mai più.
Mai.

Mostra i risultati (2513 voti)
Leggi i commenti (34)

La distribuzione del malware spetta poi al committente, che deve avere un account Bitcoin tramite il quale ricevere il riscatto; di questo, il sito di Tox si tiene il 30%.

Tox si appoggia a TOR per garantire un certo anonimato e lo usa anche per controllare la diffusione del malware stesso così da non farsi scappare i pagamenti; secondo McAfee, è anche piuttosto bravo a non farsi scoprire una volta che si è installato sul computer della vittima.

A parte questo, il ransomware in questione non è particolarmente complesso e non ha un codice particolarmente efficiente; raggiunge però il proprio obiettivo, e potrebbe essere soltanto il primo esemplare di una nuova generazione di malware "su ordinazione".

tox 01
tox 02
tox 03
tox 04
tox 05

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il kit per creare ramsonware
I software di Adobe tra i più vulnerabili
Malware ricatta i videogiocatori
''Hacker buoni'' recuperano le chiavi per annullare l'estorsione
Il malware che usa Tor per ricattare l'utente
Cryptodefense, il malware sbadato
Quattro malware che attentano al portafoglio
Il falso antivirus che ti sequestra il Pc
Il virus che ti ricatta

Commenti all'articolo (1)

Immagini dell'intero disco fisso almeno 1 volta alla settimana: santa cosa. Io uso Ax64 Time Machine, un programma che vale tanto oro quanto pesa.
26-5-2015 14:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto dura in media la batteria del tuo smartphone?
Mezza giornata, talvolta meno
Da mattina a sera
24 ore
Un giorno e mezzo
Un paio di giorni
Tre giorni
Quattro o cinque giorni
Una settimana
Di più

Mostra i risultati (3755 voti)
Gennaio 2020
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Tutti gli Arretrati


web metrics