I tweet di Google

10 acquisizioni fallite che avrebbero cambiato la storia dell'informatica.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-10-2015]

google twitter

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
10 acquisizioni fallite che avrebbero cambiato la storia dell'informatica

6. Facebook e Snapchat

Dopo essere diventata il gigante che conosciamo, anche Facebook ha iniziato a guardarsi intorno alla ricerca di realtà interessanti da attirare nella propria orbita.

Se con WhatsApp tutto è andato come Zuckerberg sognava, con Snapchat le cose sono andate diversamente.

Nel 2012, il social network in blu offrì 3 miliardi di dollari per l'acquisto di Snapchat e, per convincere il CEO di questa Evan Spiegel, spiegò che era sul punto di rilasciare un clone chiamato Poke.

Spiegel rifiutò di vendere, e Poke si risolse in un flop. Oggi Snapchat vale 16 miliardi di dollari grazie alla lungimiranza del suo CEO che, per spiegare il proprio rifiuto, dichiarò: «Ci sono pochissime persone al mondo in grado di dar vita a un business come questo. Io credo che venderlo per ottenere un guadagno a breve termine non sia molto interessante».

7. Micosoft e Netflix

Tra i tentativi (falliti) di acquisizione avanzati da Microsoft una menzione merita quello avanzato nei confronti di Netflix.

Sondaggio
In quale di questi campi necessiti di maggiore aiuto per il tuo business online personale o aziendale?
SEO, ranking e analytics.
Link Html, generazione sitemap, metatag e generazione QR Code.
Logo, foto, grafica e temi.
Progettazione del sito e organizzazione.
Normativa fiscale.
Soluzioni di pagamento, Paypal e Google Merchant.
Business plan.
Creazione del negozio virtuale o dell'app.
Pagina Facebook collegata.
Pagine di affiliazione.

Mostra i risultati (410 voti)
Leggi i commenti (2)

Nel 2012 si diffusero le voci che volevano un accordo tra le due aziende ormai imminenet e, in risposta, le azioni di Netflix salirono del 13%: pare che allora Microsoft abbia offerto 90 dollari per azione.

Alla fine però Netflix decise di non lasciarsi acquisire e, a oggi, continua a crescere, come il valore edlle sue azioni.

8. Twitter e Google

Per molti anni Twitter è stato un boccone prelibato: dopo aver fatto gola a Facebook, che però non è riuscita nel proprio intento, ha attirato l'attenzione di Google.

Nel 2009 il colosso di Mountain View si fece avanti offrendo una cifra non resa pubblica ma superiore alla proposta di Facebook di 500 milioni di dollari in azioni (sopravvalutate).

La piattaforma di microblogging resistette però alle lusinghe e oggi vale, secondo alcune stime, intorno ai 30 miliardi di dollari.

Ti invitiamo a leggere la pagina successiva di questo articolo:
Chi vuole un Samsung BlackBerry?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A inizio millennio per lavorare nella new economy bisognava trasferirsi nelle grandi città, soprattutto Milano. Oggi la banda larga si è diffusa, ci sono nuove piattaforme di collaborazione ed è cambiato l'approccio al lavoro. Alla luce di questo...
Abito in una grande città e qui rimarrò.
Abito in una grande città ma sto valutando di trasferirmi in provincia.
Abito in provincia e non mi sposterò di certo.
Abito in provincia ma sto valutando di trasferirmi in una grande città.
Abitavo in una grande città ma mi sono trasferito in provincia.
Abitavo in provincia ma mi sono trasferito in una grande città.
Città o provincia non fa grande differenza, ma mi sono trasferito (o sto valutando di trasferirmi) all'estero.

Mostra i risultati (1622 voti)
Settembre 2022
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics