Il monumento dedicato a Edward Snowden

E agli altri protagonisti del datagate: Julian Assange e Bradley Manning.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-09-2015]

statue datagate ginevra

Da oggi a venerdì 18 settembre sulla piazza delle Nazioni di Ginevra saranno esposte le statue in bronzo di Julian Assange, cofondatore di Wikileaks, di Bradley Manning e Edward Snowden, autori delle rivelazioni bomba sullo spionaggio di massa dei servizi segreti militari militari statunitensi note come datagate.

Ogni statua è collocata in piedi su una sedia ed è opera dello scultore italiano Davide Dormino, il quale ha voluto rendere omaggio a tre persone «che hanno scelto di dire la verità», come egli stesso ha dichiarato. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Wikileaks (con il suo fondatore Julian Assange)...
Ŕ un sito pirata, pericolo per l'occidente.
Ŕ un paladino della libera informazione e della trasparenza.

Mostra i risultati (3208 voti)
Leggi i commenti (7)
La scelta della Svizzera per l'esposizione dell'opera è motivata dal fatto che, in questo momento, il Parlamento elvetico sta discutendo una legge per tutelare i whistleblowers, ossia quanti rilevano e denunciano fatti irregolari nella propria azienda e perciò rischiano il licenziamento.

Il monumento comprende anche una quarta sedia, lasciata volontariamente vuota, sulla quale può salire «chiunque abbia qualcosa da dire».

Il monumento, che è intitolato Anything to say? (Qualcosa da dire?) è già stato presentato a Berlino e Dresda e alla fine del mese sarà trasferito a Parigi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
Magistratura USA: intercettazioni NSA furono illegali
Snowden: la CIA violava le SIM card già dalla fabbricazione
Datagate, gli agenti della NSA spiavano anche mogli e fidanzate
Il Datagate si estende anche alla posta tradizionale
Datagate, Twitter denuncia FBI e governo americano
NSA: Google e Facebook sapevano tutto
Datagate, basta un crawler per beffare la NSA

Commenti all'articolo (1)

{Glok}
Oppio per il popolo. Gli accordi TTIP stanno andando nella direzione esattamente opposta alla "libertà di spifferamento" (che non è l'oscena delazione verso cui stanno andando invece i sistemi fiscali dei vari paesi, primo, come sempre per le cose negative, l'italia).
19-9-2015 17:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1837 voti)
Dicembre 2019
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Tutti gli Arretrati


web metrics