OCSE: Il computer in classe non aiuta gli studenti

La tecnologia da sola non basta a dare agli alunni le competenze necessarie: bisogna riformare l'insegnamento.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-09-2015]

scuola computer ocse

Da più parti, specialmente negli ultimi anni, si è insistito nel somministrare alla scuola una iniezione di tecnologia, favorendo l'uso dei Pc, dei tablet, dei libri elettronici e di Internet.

Tuttavia, nonostante gli sforzi tutta questa attività pare non aver portato a risultati positivi per quanto riguarda il miglioramento nell'utilizzo di tali tecnologie da parte degli alunni: le scuole italiane offrono un ampio parco di infrastrutture che in teoria dà agli studenti la possibilità di trascorrere molto tempo a contatto con la tecnologia, ma non sembra trattarsi di un tempo ben sfruttato.

Ad affermarlo è un'indagine dell'OCSE realizzata per valutare l'istruzione e le competenze informatiche degli studenti. È proprio dai dati raccolti che è emerso come dal punto di vista della presenza delle attrezzature l'Italia non sia messa male, anzi: per esempio, nelle nostre scuole c'è 1 PC ogni 4,1 studenti quindicenni, mentre la media OCSE è di 1 PC ogni 4,7 studenti.

Tuttavia, soltanto il 66,8% degli alunni italiani usa quei PC durante l'orario scolastico, mentre la media è del 72%. «La quantità non basta, servono anche qualità ed esperienza» è la conclusione dell'OCSE, che può effettuare confronti con Paesi in cui il tempo dedicato all'utilizzo di Internet a scuola è ridotto rispetto a quello rilevato in Italia, ma i risultati nei test sono migliori.

Per esempio, in Giappone gli studenti passano 11 minuti al giorno utilizzando Internet a scuola, mentre la media OCSE è di 41,9 minuti; eppure i test di comprensione scritta su supporto elettronici danno gli studenti giapponesi al quarto posto a livello mondiale. Questo tipo di test tiene conto della capacità di filtrare le informazioni che si possono ottenere dal web, separando quelle utili, rilevanti e autorevoli da quelle dubbie, sbagliate o inutili.

L'OCSE rileva poi anche che sebbene quasi il 99% dei ragazzi italiani possieda un computer a casa, soltanto il 49,1% di essi lo adopera per fare i compiti (la media OCSE è del 54,9%). Inoltre, il numero di minuti passati dai quindicenni a navigare in Internet è inferiore a quello della media: 93 minuti contro 104.

L'OCSE ritiene che le cause delle prestazioni non eccezionali degli studenti italiani per quanto riguarda la conoscenza e l'uso proficuo delle attuali tecnologie sia da ricercare anche in un uso sbagliato di esse, sia da parte degli studenti stessi che da parte degli insegnanti.

Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2672 voti)
Leggi i commenti (15)

Tali tecnologie comportano infatti metodi nuovi di interazione tra insegnante e studente, se le si vuole adoperare al meglio: applicarle alle modalità tradizionali di interazione significa non utilizzare al meglio né quelle modalità, nate in un periodo in cui i computer non c'erano o non si usavano e che danno il loro meglio senza strumenti elettronici, né le tecnologie stesse.

«Apporre le tecnologie del ventunesimo secolo alle abitudini di insegnamento del ventesimo secolo non fa altro che ridurre l'efficacia dell'insegnamento» sostiene l'OCSE. «Se gli studenti usano gli smartphone per copiare e incollare risposte prefabbricate alle domande è improbabile che ciò li aiuti a migliorare. Se vogliamo che gli studenti diventino più furbi di uno smartphone dobbiamo considerare più seriamente le pedagogie che usiamo per insegnare. La tecnologia può coadiuvare un modo di insegnare già ottimo, ma un'ottima tecnologia non può sostituire un modo pessimo».

Oltre a spendere per dotarsi di strumenti moderni, se vogliono vedere dei risultati i sistemi scolastici devono quindi investire pesantemente nella formazione degli insegnanti e nell'elaborazione di nuove strategie per trarre il meglio da quanto l'informatica può offrire alla scuola.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Finlandia, addio al corsivo a scuola: sostituito da tastiera e touch screen
Regolamento AGCOM, offline le tesine scolastiche
Il ministro Carrozza contro la scuola digitale
Scuola, hackerare i voti sul registro? In Italia è facile

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

uno degli aspetti per cui mi piace questo forum e' la pacatezza e ragionevolezza dei partecipanti. sempre in merito alla medesima scuola, toccasse a me, inizierei dagli insegnanti. Che prospettiva lavorativa ha un laureato in filosofia, lettere, matematica? Ovviamente l'insegnamento, ma chi dice che sappia insegnare? Per quanto... Leggi tutto
21-9-2015 19:42

@benedetto Premesso che, come ho già detto, non ho esperienza diretta ma solo indiretta, tengo a precisare il mio post precedente poiché era troppo stringato. Io non sono fra quelli che imputano i problemi della scuola pubblica italiana agli insegnanti certo, come in tutti gli ambienti lavorativi anche nella scuola ci saranno... Leggi tutto
20-9-2015 11:03

sempre da marito di insegnante ma, credo/spero, oggettivo: - se i ragazzi sono maleducati è colpa della scuola - se c'e' bullismo e' colpa della scuola - se i ragazzi non imparano e' colpa della scuola - se i ragazzi non hanno una cultura generale e' colpa della scuola io inviterei a riflettere sugli strumenti che un insegnante ha per,... Leggi tutto
20-9-2015 09:10

Direi che il nodo della questione è questo e la mia impressione, pur non avendo esperienza diretta ma basandomi sulle notizie e su quanto mi raccontano gli amici che hanno figli che frequentano vari tipi di scuola pubblica, non mi fa essere ottimista in merito. La vedo nera come Danielix... :cry: Leggi tutto
19-9-2015 14:01

Quando me l'ha raccontato è stata ovviamente la prima cosa che ho pensato, che non fosse stato proprio “involontariamente” ma, tant'è, per me non era quella la questione importante ;) Leggi tutto
18-9-2015 21:32

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di queste previsioni si realizzerà per prima?
La maggior parte degli acquisti avverrà attraverso il web.
Ci sarà in media uno smartphone per ogni abitante del pianeta.
Le aziende utilizzeranno Facebook e Twitter come mezzo principale di assistenza ai clienti.
La maggior parte dei nostri dati saranno sul cloud, non sui nostri Pc.
La maggior parte degli utenti accederanno al web tramite rete mobile.

Mostra i risultati (2197 voti)
Settembre 2021
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Windows 11, svelata la data di lancio
Agosto 2021
La barra di Windows 11 è di proposito peggiore di quella di Windows 10
Violati i server TIM, password degli utenti a rischio
Windows 11, disponibile la prima ISO ufficiale
Microsoft: disabilitate il sistema di stampa di Windows (di nuovo)
Google taglia gli stipendi a chi sceglie il telelavoro
Gli iPhone scansioneranno tutte le foto alla ricerca di pedopornografia
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 26 settembre


web metrics