Pirateria, Bing fa meno paura di Google

Quando si tratta di far rimuovere i contenuti illegali, le major paiono quasi ignorare il moqore di Microsoft.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-10-2015]

bing google pirateria

Non occorre molta immaginazione per sapere quale sia il motore di ricerca più usato: come gli ultimi dati di comScore confermano, Google resta saldamente in prima posizione raccogliendo il 63,8% delle preferenze.

In seconda posizione troviamo Bing, il motore di ricerca di Microsoft, usato per un non disprezzabile 20,6% delle ricerche.

Entrambe le aziende - Google e Microsoft - pubbicano periodicamente i cosiddetti Rapporti sulla trasparenza, nei quali sono contenuti i dati relativi alle richieste di rimozione di link a materiale pirata ricevute.

Di recente Microsoft ha pubblicato un aggiornamento del proprio rapporto, dal quale emerge una situazione interessante.

Stando ai numeri pubblicati, Nei primi sei mesi del 2015 Bing ha ricevuto oltre 1 milione di richieste di rimozione, per un totale di circa 24,5 milioni di indirizzi sospetti; di questi, Microsoft ha accettato di eliminarne più di 22 milioni.

Sondaggio
Il file di cui hai bisogno si trova su di un sito di file-sharing. Quando clicchi per scaricarlo, hai l'opzione di effettuare il download a velocità normale o di provare gratis il download ad alta velocità. Quale opzione scegli?
Utilizzo l'opzione velocità normale
Perché aspettare? Vado per l'opzione ad alta velocità
Scarico il file da un'altra fonte
Non uso questo genere di siti Internet

Mostra i risultati (1786 voti)
Leggi i commenti (4)

Si tratta di numeri elevati, che tuttavia impallidiscono di fronte a quelli presentati da Google. Sebbene i due motori di ricerca indicizzino grosso modo le medesime informazioni, i detentori del copyright sono decisamente più attivi nei confronti di Google.

Se mediamente a Bing viene chiesto di eliminare 4 milioni di indirizzi ogni mese, Google ogni 30 giorni deve occuparsi di un numero di indirizzi per lo meno doppio, se non triplo; ci sono mesi, come lo scorso settembre, in cui all'azienda di Mountain View viene chiesto di cancellare dal proprio database oltre 51 milioni di URL.

microsoft takedowns

Bing non ospita meno link a materiale pirata rispetto a Google; tuttavia per qualche motivo quest'ultimo è ritenuto più preoccupante e riceve un'attenzione ben maggiore da parte dei detentori del diritto d'autore, ossia sostanzialmente le grandi case discografiche e cinematografiche.

Naturalmente è sempre possibile che, non appena gli utenti in cerca di materiale gratuito e non esattamente legale si renderanno conto di questa disparità di trattamento, Bing veda aumentare il numero di persone che lo usano per trovare contenuti illegali, e di conseguenza le major inizino a prestare un po' più di attenzione anche a Microsoft. Per adesso, tuttavia, Bing è quasi una sorta di "zona franca" per i pirati.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Warner Bros si autodenuncia come sito pirata
Google, rimossi mezzo miliardo di link pirata
RapidGator cancellato da Google
Google rimuove otto link pirata al secondo
Google fa sparire The Pirate Bay

Commenti all'articolo (4)

Non sembrerebbero così poco svegli, se le richieste di rimozione hanno un costo e la maggior parte di queste richieste viene fatta Google (il triplo rispetto a quelle fatte a Bing) lo fanno per massimizzare il risultato in base alla spesa visto che Google ha il triplo di utenti rispetto a Bing.
25-10-2015 18:06

dunque, il 63% di bacino di utenza google è più del triplo del 20% del bacino di utenza bing, come dice l'articolo le richieste di cancellazione da parte delle Major sono il doppio o il triplo nei confronti di google (rispetto alle richieste fatte a bing). È vero che parliamo degli stessi link, ospitati da entrambi, ma non credo possa... Leggi tutto
23-10-2015 09:42

{W3C_Freedom}
Il fatto è che di Bing non fotte niente a nessuno, proprio perché è un search engine della Microsoft. Ci sono diversi search engines fra cui: link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/228531]link[/url] [url=http://forum.zeusnews.com/link/228532]link[/url] dunque non v'è un solo motivo per perdare la propria identità dato i propri... Leggi tutto
23-10-2015 00:34

{Andrew}
link THIEF!
22-10-2015 17:39

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanità, in ambito scientifico?
Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale è solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietà intellettuale è uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti più truci.
Lo scenario più probabile è un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirà i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'è il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanità.

Mostra i risultati (1528 voti)
Aprile 2021
Windows 10 rileverà la presenza dell'utente davanti al computer
Yahoo Answers chiude i battenti per sempre
Aggiornamento urgente per iPhone e iPad
Marzo 2021
La macchina di Anticitera
Hacker contro Richard Stallman, la macchina del fango
Robot assassini crescono
Tracker nelle app: cosa sta succedendo in Rete?
Recupero IVA: oltre il 50% non viene rivendicata
Quiz: sei in una zona senza copertura cellulare
Bitcoin, un dilemma etico
Hackerate 150mila videocamere di sorveglianza, tra cui quelle di Tesla
Personal killer robot
La “truffa alla nigeriana” è un classico. Del sedicesimo secolo
Hard disk a confronto con SSD nei data center
Sciami di router nelle nostre case conoscono la nostra posizione
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 aprile


web metrics