Lo smartphone a scuola e le sanzioni agli studenti

Molti genitori insorgono contro l'applicazione di sanzioni ai loro figli da parte degli insegnanti per l'uso del telefonino a scuola.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 09-11-2015]

smartphone

Recentemente abbiamo visto il caso della scuola media torinese che ha visto coinvolti molti studenti che usavano il telefonino impropriamente; qualche giorno fa c'era stato un caso simile in una scuola media, con l'uso del telefonino in palestra e in aula.

Contro questi ragazzi sono stati assunti provvedimenti disciplinari che una parte dei genitori ha contestato duramente e ha dichiarato di essere pronto a impugnare in sede legale, prima davanti al dirigente dell'Ufficio Scolastico Provinciale e poi Regionale. Ma i genitori si spingerebbero anche davanti al TAR, poiché la scuola pubblica è una pubblica amministrazione contro i cui provvedimenti un cittadino può ricorrere appunto agli organi della giustizia amministrativa, in primo grado il TAR e in secondo grado il Consiglio di Stato.

È legittimo punire con sanzioni come la sospensione uno studente che scatta foto o realizza video in scuola e poi le posta su un social network, condividendole con gli altri studenti e poi con tutto il mondo?

Innanzitutto, a prescindere dall'utilizzo di mezzi come lo smartphone che può riprendere e condividere persone dell'ambiente scolastico e pubblicizzarle, agli studenti non è consentito prendere in giro i propri insegnanti in pubblico, né mancare di rispetto mettendone in discussione il ruolo in forme non rispettose. Atteggiamenti di questo tipo hanno sempre comportato motivo di sanzioni disciplinari anche in epoca pre-smartphone: semmai il postare foto e filmati facendoli diventare di dominio pubblico aggrava i comportamenti e costituisce un'aggravante per le sanzioni.

Anche il prendere in giro i propri compagni di scuola superando certi limiti di leggerezza, buongusto o rispetto, per diventare una forma continua di molestia, che rende la vita difficile al soggetto che subisce (soprattutto se si tratta di un ragazzo oggetto di derisione sistematica, per la sua razza, lingua, aspetto fisico, classe sociale, religione o non religione, orientamento sessuale, modo di vestire, portare i capelli) è sempre stato - o avrebbe dovuto essere - sanzionato dai superiori scolastici con adeguate sanzioni, anche disciplinari. Il riprendere atteggiamenti bulleschi con lo smartphone e pubblicizzarli rende ancora più grave il comportamento e quindi la sanzione.

Fin qui si tratta di concetti che dovrebbero essere scontati e pacifici; ma veniamo all'uso vero e proprio dello smartphone da parte dei giovani. Se ragazze e ragazzi si fotografano in pose discinte, o addirittura nudi nello spogliatoio della palestra o della piscina, o mentre compiono atti sessuali, essi, che ne siano consapevoli o meno, stanno realizzando dei contenuti audiovisivi pedopornografici, che poi vengono condivisi a pagamento o gratis in Rete.

Forse inconsapevolmente, i ragazzi commettono quindi i reati di produzione e diffusione di materiale pedopornografico, anche se si autoritraggono e se sono consenzienti. La scuola non può non aggiungere alle eventuali sanzioni, decise dalla giustizia minorile (se i ragazzi hanno superato i 14 anni) o dalla giustizia per adulti (se gli studenti hanno superato i 18 anni) una sua autonoma sanzione disciplinare interna per un reato commesso all'interno dell'edificio scolastico, durante l'orario scolastico o immediatamente prima o dopo l'orario ma sempre all'interno della scuola.

Sondaggio
Quale di questi consigli daresti per primo a tuo figlio?
Comunica solo con persone che conosci.
Non condividere messaggi o immagini offensive.
Scegli un nome utente appropriato.
Non condividere informazioni personali.
Seleziona le foto con attenzione.
Ricorda che tutto ciò che condividi è permanente.
Segnala tutto ciò che ti mette a disagio.
Il mio consiglio è un altro: lo esprimo utilizzando i commenti nel forum qui sotto.

Mostra i risultati (1866 voti)
Leggi i commenti (32)

A questo si aggiunge che un decreto ministeriale del Ministero dell'istruzione, ispirato dal Garante della privacy, chiede che in tutte le scuole, pubbliche e paritarie, si approvi un regolamento per cui non si possa usare lo smartphone per riprendere le lezioni, né i professori né gli studenti: questi ultimi, essendo minori non potrebbero essere fotografati o filmati senza una liberatoria dei genitori. Il Ministero chiede che questo divieto venga inserito all'interno del regolamento di cui ogni scuola deve dotarsi, approvato dal consiglio di istituto.

Sarebbe bene che ci fosse nel regolamento anche l'indicazione delle sanzioni da comminare a chi viola questo o altri divieti. Ma anche senza un'indicazione precisa, va da sé che il regolamento è vincolante per tutte le componenti scolastiche, docenti e non docenti, come ausiliari (cioè bidelli) e personale di segreteria, e naturalmente gli studenti.

Chi viola il regolamento scolastico, se docente, incorrerà nelle sanzioni disciplinari previste per i pubblici dipendenti. Gli studenti saranno invece sanzionati con punizioni che non possono più essere corporali (fortunatamente), ma prevedano la sospensione dalle lezioni per periodi più o meno lunghi, e in casi gravissimi l'espulsione dalla scuola.

Il fatto che un regolamento scolastico non preveda esplicitamente la sanzione per l'uso dello smartphone (ma solo il divieto) non comporta che chi lo viola non debba essere punito, come sta sostenendo qualche genitore.

La violazione del divieto di filmare e di riprendere abusivamente le lezioni, cosa diversa se viene fatto dalla scuola stessa o con il consenso del dirigente scolastico, e i docenti che le tengono, può configurare anche la violazione dell'articolo 4 dello Statuto dei lavoratori, che vieta al datore di lavoro di registrare di nascosto con mezzi audiovisivi il lavoratore (e il docente è un lavoratore). È vero che, se a farlo sono gli studenti, non è il datore di lavoro; ma al datore di lavoro, in questo caso la scuola e il dirigente scolastico, è in capo l'obbligo di vigilare ed evitare che questo accada, anche da parte di terzi.

Nel caso dei genitori di minori che filmano e fotografano indebitamente scene e personaggi scolastici, e poi li postano sui social network, i genitori potrebbero essere accusati di omesso controllo della condotta dei loro figli. Questo per due motivi: prima di tutto perché non è difficile controllare lo smartphone stesso e i profili dei ragazzi, e poi perché a pagare il traffico telefonico di prassi sono gli stessi genitori.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pier Luigi Tolardo

Approfondimenti
22 ragazzi sospesi da scuola media per aver fotografato i professori
Scuola fotoshoppa studentesse poco vestite in foto di classe
Telefonini in aula? Sì ma con cautela

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 24)

Dai genitori di guardi Iddio, che dai bambini mi guardo io... E' il succo del pensiero di mia moglie, insegnante elementare da quest'anno in pensione: ad ogni inzio di nuovo ciclo, ogni volta cioè che ricominciava dalla prima, la sua preoccupazione più grande non erano i 25 bambini nuovi (...quelli entro Natale avrò imparato a... Leggi tutto
16-11-2015 14:01

Purtroppo è così... :incupito:
14-11-2015 14:17

Infatti, affermavo anche di essere d'accordo con i post precedenti. Personalmente spero che quei genitori che stanno ricorrendo in sede legale si vedano negati il ricorso con accollamento dei costi giudiziari. Purtroppo dipende molto dal giudice che si troveranno di fronte, ma spero abbia più giudizio di loro e che valuti la sentenza... Leggi tutto
13-11-2015 19:41

Capisco il tuo legittimo dubbio però, come del resto concludi anche tu in questo stralcio del tuo post, in questi casi il ruolo del genitore deve essere correttivo. Il problema è che quei genitori intenzionati ad impugnare in sede legale o a ricorrere al TAR avverso alle sanzioni irrogate dall'istituto scolastico vengono profondamente... Leggi tutto
13-11-2015 19:09

Questo dovrebbe essere il comportamento di un genitore responsabile! Quoto! Leggi tutto
13-11-2015 19:04

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di queste previsioni ritieni che diventerà realtà per prima?
Si potranno trapiantare organi di ricambio cresciuti in laboratorio.
I computer svilupperanno capacità creative, riuscendo a creare vere opere d'arte senza intervento umano.
Il teletrasporto delle persone diventerà realtà.
Su Marte e sui pianeti abitabili si costruiranno colonie nelle quali si potrà vivere per lunghi periodi.
Riusciremo a controllare il tempo atmosferico, cancellando siccità, inondazioni e catastrofi naturali.

Mostra i risultati (2101 voti)
Giugno 2021
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Arriva Android 12, più veloce, più personalizzabile e più attento alla privacy
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Bambini e smartphone, 1.500 euro di multa ai genitori che non li sorvegliano
Aprile 2021
Office manda in pensione Calibri: quale nuovo font preferite?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 giugno


web metrics