Il drone che lancia palle infuocate per spegnere gli incendi

Crea dal cielo incendi controllati per evitare quelli selvaggi e combattere le piante infestanti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-11-2015]

drone incendiario

All'Università del Nebraska-Lincoln hanno preso molto sul serio l'idea di "combattere il fuoco con il fuoco.

Alcuni ricercatori stanno infatti lavorando alla costruzione di un drone il cui scopo è dare vita a incendi controllati scagliando piccole sfere infuocate: palline di plastica contenenti un liquido speciale che si infiammano quando toccano terra. Il tutto per prevenire incendi disastrosi.

Secondo Dirac Twidwell, uno dei ricercatori, il problema del crescente numero degli incendi selvaggi che devastano grandi zone è causato in parte dall'abbandono della pratica di usare incendi controllati dall'uomo per gestire gli ecosistemi: il drone permette di riprendere quest'abitudine in tutta sicurezza e potendo anche agire in zone impervie, che diversamente sarebbero irraggiungibili.

Twidwell spiega che negli incendi controllati viene dato fuoco a porzioni di distese erbose secondo un piano ben preciso, e che tale tecnica è largamente riconosciuta come un mezzo efficace per eliminare le specie invasive consentendo a quelle native di riappropriarsi della zona oltre che ridurre il rischio di incendi incontrollati.

Se tale sistema è stato progressivamente abbandonato è perché i rischi percepiti per la sicurezza hanno spinto in tal senso, ma i ricercatori basano la propria proposta su uno studio in base al quale gli incendi controllati si dimostrano meno pericolosi delle altre tecniche normalmente usate.

Sondaggio
Quando devo spostarmi, lo smartphone mi viene comodo soprattutto per...
Consultare le previsioni del tempo.
Navigare le mappe di una città online.
Consultare le informazioni relative a negozi, bar e ristoranti della zona.
Consultare le informazioni relative al trasporto pubblico (autobus, treni, aerei e via dicendo).
Prenotare un taxi o una macchina Uber o un car sharing.

Mostra i risultati (1025 voti)
Leggi i commenti (5)

L'uso dei droni, poi, ridurrebbe ulteriormente gli eventuali rischi rispetto all'accensione manuale del fuoco. Non a caso, in alcune zone si usano gli elicotteri per dar vita agli incendi, ma questa soluzione è troppo costosa: un drone è decisamente più economico.

È nata così l'idea di un drone che spara della "palline da ping-pong" piene di permanganato di potassio in polvere. Prima del lancio, in ogni pallina viene iniettato del glicole liquido, il quale dà il vita a una reazione chimica che produce una fiamma dopo diversi secondi: giusto il tempo necessario per lanciare il proiettile e fargli toccare terra.

Programmando il volo di un drone si può ottenere una lancio molto preciso e, di conseguenza, rispettare lo schema secondo il quale si vuole che si sviluppi l'incendio.

Secondo i ricercatori i droni incendiari potrebbero essere ottimi per combattere la proliferazione del cedro rosso orientale, una specie di alberi molto invasiva cui diversi esperti danno la colpa per la sparizione di ampie zone erbose (ora "colonizzate", appunto, dal cedro rosso) e degli animali che in esse vivevano.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il miniestintore tascabile
NASA: la Terra è il pianeta del fuoco
Un sensore brucerà gli incendi sul tempo

Commenti all'articolo (1)

Ho la strana impressione di sentire odore di disastro ambientale. ehehe Droni che lanciano palle di fuoco per controllare gli incendi? E.. chi controlla gli incendi creati dai droni? Qui siamo alla pazzia pura o oggi è il primo di Aprile? Gli incendi " controllati" sono quelli appiccati dai contadini e che appunto vengono... Leggi tutto
14-11-2015 00:40

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, gli autovelox e i sistemi automatici di rilevamento...
Contribuiscono a rendere più sicure le strade.
Sono dei mangiasoldi utilizzati senza ritegno dalle amministrazioni locali.
Vanno evitati e contrastati con tutte le tecnologie a disposizione.

Mostra i risultati (7588 voti)
Aprile 2020
Coronavirus, ragazzini si divertono a creare malware in tema
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics