Nanotubi in carbonio nei bambini con l'asma

Penetrano nei polmoni trasportando con sé gli inquinanti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 16-12-2015]

nanotubi carbonio polmoni asma

Siamo abituati a sentire parlare dei nanotubi di carbonio come di strutture quasi "miracolose", che permettono avanzamenti importanti in vari campi, dall'informatica all'elettronica, dalla realizzazione di nuovi tessuti fino alle tecnologie mediche.

Ora una ricerca condotta presso l'Università di Paris-Saclay, in Francia, ha scoperto una potenzialmente preoccupante presenza dei nanotubi di carbonio all'interno dei polmoni dei bambini con l'asma.

Lo studio, condotto da Fathi Moussa, ha studiato le vie aeree di 64 bambini parigini affetti da asma scoprendo nei campioni di fluido prelevati da ognuno dei nanotubi di carbonio. Inoltre in altri cinque bambini i nanotubi sono stati scoperti all'interno dei macrofagi prelevati dai polmoni.

La provenienza di queste particelle non è chiara, sebbene i ricercatori abbiano notato come i nanotubi di carbonio siano comunemente presenti nei gas di scarico dei veicoli e nella polvere della città di Parigi. Il loro legame con l'asma, inoltre, non è provato, tuttavia il professor Moussa afferma che non si può sottolineare questo dato.

La presenza dei nanotubi nei macrofagi ha come effetto una riduzione dell'efficacia di questi ultimi nello svolgere il loro lavoro, fenomeno che può rendere ancora più vulnerabili le persone con l'asma.

Sondaggio
Qual è la cosa più importante per te in un sito Internet?
Estetica
Interattività
Contenuti
Usabilità
Gratuità

Mostra i risultati (2833 voti)
Leggi i commenti (10)

Inoltre - spiega sempre Moussa - l'ampia superficie offerta dai nanotubi offre la possibilità ad altre molecole di aderire a essa: ciò potrebbe consentire agli inquinanti di arrivare in profondità nei polmoni e anche di attraversare le membrane cellulari.

La questione ha bisogno di ulteriori studi per essere approfondita ma alcuni ricercatori, come James Booner della North Carolina State University affermano che è presto per incolpare i nanotubi di carbonio dei problemi di respirazione riscontrabili in chi vive in città. Il fatto è che altri studi relativi all'inquinamento non sono riusciti a individuarli e, secondo lo studioso, «c'è un elevato grado di incertezza su ciò che sono davvero queste strutture, soprattutto quando si parla di materiale proveniente dalle cellule dei polmoni dei pazienti».

A queste considerazioni vanno aggiunte quelle di Jonathan Grigg dell'Università Queen Mary di Londra, secondo il quale «stiamo respirando nanotubi da molto tempo» ed è ragionevole ipotizzare che i combustibili fossili siano una delle fonti, ma è anche improbabile che essi abbiano lo stesso effetto cancerogeno delle particelle d'amianto, che sono molto più grandi e possono restare intrappolate nei polmoni. Tuttavia «c'è sicuramente ancora molto lavoro da fare».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

A me, francamente, questo sembra uno studio del "forse è vero ma non posso provarlo e nel dubbio lo dico lo stesso" simile all'inoltro la - forse - bufala ma comunque anche se la inoltro non fa male. Ritengo che per fare affermazioni del genere sia necessario avere un grado di certezza assai elevato - superiore almeno al 95 %... Leggi tutto
23-12-2015 10:31

{Stepan}
Fra OGM, nanotecnologie, radioonde, cibo snaturato, acqua e aria contaminati, sterminio di quantità enormi di specie animali e vegetali, ecc. stiamo combinando disastri immani che i nostri figli pagheranno a caro prezzo. Probabilmente Google invece gongolerà: con i nanobot iniettabili che sta sperimentando, in futuro... Leggi tutto
16-12-2015 21:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto spendi di elettricità ogni mese?
Meno di 30 euro
Tra 30 e 50 euro
Tra 50 e 75 euro
Tra 75 e 100 euro
Tra 100 e 150 euro
Più di 150 euro

Mostra i risultati (2828 voti)
Ottobre 2022
DALL-E diventa libero e gratuito: immagini sintetiche per tutti
Settembre 2022
Google ti avvisa se i tuoi dati finiscono nel web
La “tanica di benzina” per le auto elettriche
La strana storia dell'utente HME2 di Arpanet
LibreOffice diventa a pagamento
2022, fuga dall'open source
Dati a spasso nel cloud
Di chi sono i tuoi dati quando muori?
Smartphone, l'UE vuole pezzi di ricambio disponibili per almeno 5 anni
Ex designer di Microsoft demolisce il menu Start di Windows 11
Auto Hyundai “hackerata”
Agosto 2022
Genitori indagati dopo aver mandato foto dei figli ai medici
DuckDuckGo, la protezione delle email è per tutti
Il computer portatile economico che fa a meno del monitor
Microsoft avvisa: attenzione all'aggiornamento KB501270
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 6 ottobre


web metrics