Arriva la conferma: TOR è stato violato dall'FBI

Ricercatori pagati dal governo USA hanno crackato la rete e permesso di chiudere Silk Road 2.0.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-02-2016]

tor violato

Ricordate Silk Road 2.0, il sito chiuso dall'FBI nel 2014?

A quel tempo, s'era detto che gli investigatori statunitensi erano riusciti a identificare l'amministratore perché questi era stato tanto sciatto nella gestione della propria privacy virtuale da lasciare numerosi indizi circa la propria identità reale.

In realtà le cose erano un po' più complicate di così: qualcuno già allora sospettava che l'FBI avesse utilizzato un team di esperti informatici per violare TOR e ottenere così i dati necessari.

Ora quel sospetto è diventato una certezza. Un giudice federale ha ufficialmente confermato che un gruppo di ricercatori del Software Engineering Institute della Carnegie Mello University è stato assunto dal governo USA proprio allo scopo di crackare TOR.

L'unica differenza rispetto all'ipotesi iniziale è che non è stato l'FBI a pagare i ricercatori, ma il Dipartimento della Difesa, e i risultati sono poi stati girati agli investigatori federali.

Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! È molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona così
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
È una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (1913 voti)
Leggi i commenti (6)

Per ottenere il proprio scopo, i ricercatori della Carnegie Mellon hanno creato diversi nodi TOR appositamente utilizzati per vanificare i servizi di anonimizzazione, sfruttando alcune vulnerabilità al tempo presenti in TOR.

Il Progetto TOR, dal canto proprio, ha già dichiarato che quelle falle sono state da tempo chiuse e che per gli utenti non c'è più pericolo.

«La rete TOR è sicura e soltanto di rado è stata compromessa» si legge nel comunicato ufficiale. «Il SEI della CMU ha violato la rete all'inizio del 2014 gestendo dei relay e alterando il traffico degli utenti. Quella vulnerabilità, come ogni altra vulnerabilità, è stata corretta non appena è stata scoperta. La rete TOR resta il modo migliore di cui gli utenti dispongono per proteggere la propria privacy e la propria sicurezza mentre comunicano online».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Deep web e dark web
Sequestrato Silk Road 2.0
TOR sotto attacco, anonimato in pericolo
Chiude Black Market Reloaded, sito concorrente di Silk Road
Chiuso Silk Road, l'Amazon della droga

Commenti all'articolo (4)

L'argomento è da esperti, ma ritengo che uno tiene aggiornato Tor, lo lancia da CD e comunica magari crittografando *soltanto* con il soft standar in dotazione e non usando le ciufeche commerciali anche di gran nome, rimarrà virtualmente impossibile da intercettarsi e men che meno da decrittarne i contenuti. Perché il provider al... Leggi tutto
3-3-2016 19:35

Concordo, è chiaro che se uno sta su tor solo per farsi i fatti suoi nessuno metterà in campo grandi risorse per intercettarlo; ma se uno è un terrorista o un pirata audio/video allora sì che arriva la cavalleria! Leggi tutto
1-3-2016 10:50

Sono d'accordo merlin, aggiungerei solo l'adeguata motivazione al tempo ed alle risorse adeguate.
29-2-2016 19:09

Avendo tempo e risorse adeguate, qualsiasi serratura può essere aperta. La sicurezza consiste nell'obbligare all'impiego spropositato di grimaldelli in rapporto ai fattori tempo e utilità del risultato; senza contare che, nelle more, il fabbricante avrà prodotto un cassaforte ancora più robusta della precedente. Restringendo il discorso... Leggi tutto
26-2-2016 07:21

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quanto spendi di elettricità ogni mese?
Meno di 30 euro
Tra 30 e 50 euro
Tra 50 e 75 euro
Tra 75 e 100 euro
Tra 100 e 150 euro
Più di 150 euro

Mostra i risultati (2667 voti)
Agosto 2020
Mozilla licenzia il 25% dei dipendenti
Falla nei chip Qualcomm, a rischio centinaia di milioni di smartphone
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Tutti gli Arretrati


web metrics