Morto l'inventore della chiocciolina nell'email

Ray Tomlinson inviò la prima email al mondo nel 1971.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-03-2016]

ray tomlinson chiocciolina morte

L'invenzione che l'ha reso famoso ha compiuto 40 anni nel 2011. Il 5 marzo 2016 Raymond Samuel Tomlinson, autore del primo client email e prima persona a usare la chiocciolina, è morto a 74 anni per un attacco di cuore.

L'abitudine di scambiarsi messaggi tra utenti di un singolo computer esisteva già quando Tomlinson, nel 1971, scrisse il primo client email per Arpanet (l'antenato di Internet), con lo scopo di poter inviare messaggi non soltanto agli altri utenti del medesimo computer, ma anche ad altri utenti della rete.

Possiamo quindi dire che l'email come la intendiamo oggi sia nata con Tomlinson, poiché prima di lui era possibile inviare messaggi soltanto agli utenti locali.

Allora esisteva un programma chiamato SNDMSG che permetteva di scrivere e inviare un messaggio alla casella di posta di un altro utente. Tomlinson vi aggiunge le funzioni di un altro programma, CPYNET, creando la prima mailbox come la conosciamo.

Serviva poi un modo per distinguere i destinatari locali, ossia altri utenti della stessa macchina, dai destinatari remoti, su altre macchine della rete.

Sondaggio
Che cosa utilizzi prevalentemente per la posta elettronica?
Una webmail
Un client di posta
Entrambi

Mostra i risultati (2722 voti)
Leggi i commenti

Tomlinson ebbe l'idea di utilizzare il simbolo che noi chiamiamo chiocciolina per indicare l'host al quale il corrispondente utente poteva essere trovato, inaugurando una convenzione che è tuttora in vigore.

La scelta del simbolo è stata tutt'altro che casuale e diventa più evidente se si conosce il suo nome in inglese: at, proprio come la preposizione.

«Lo scopo del simbolo at (in inglese) era di indicare il prezzo unitario (per esempio, 10 esemplari @ 1,95 dollari)» scriveva Tomlinson sul proprio sito nei primi anni 90. «Ho usato il segno at ("a, presso", NdR) per indicare che l'utente era "presso" qualche altro host anziché trovarsi sul computer locale».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Gmail ti avvisa se i tuoi contatti usano posta elettronica non sicura
Microsoft Send trasforma l'email in una chat
L'e-mail compie 40 anni e non li dimostra

Commenti all'articolo (4)

Veramente pare che si chiami proprio at sign link Leggi tutto
9-3-2016 19:25

Infatti il titolo riporta: Leggi tutto
9-3-2016 19:24

{Guerrino}
lo usavano i veneziani della serenissima repubblica veneta Leggi tutto
8-3-2016 17:40

a-tailed, *a* con la coda Leggi tutto
8-3-2016 10:22

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3981 voti)
Agosto 2020
Che cosa succede dentro a uno pneumatico quando si viaggia?
Chrome permetterà di modificare le password salvate
Red Hat: Non installate quella patch
Il dispositivo che assorda gli Amazon Echo
Luglio 2020
La vecchia raccolta di Cd e Dvd potrebbe essere in pericolo
5G: come eliminare il 90% delle emissioni
Bloatbox ripulisce Windows 10 dalle app indesiderate
Non coprite quella webcam
Falla nei caricabatterie: telefoni e tablet a rischio incendio
Windows 10, come aggirare il bug che segnala la mancanza di connessione
Windows 10 e l'aggiornamento che risolve tutti i bug
Razzismo: via i termini blacklist, master e slave dal kernel Linux
WindowsFX, la distribuzione Linux per chi vuole lasciare Windows 10
Come disinstallare il nuovo Edge da Windows 10
Iliad diventa operatore di rete fissa
Tutti gli Arretrati


web metrics