Hackera un Chromebook e vinci centomila dollari da Google

Raddoppia il premio per chi riesce a violare il portatile di Big G.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 02-04-2016]

taglia hacker chromebook

Centomila dollari: è questa l'entità del premio che Google consegnerà a chi scoprirà una falla di sicurezza in un Chromebook.

L'anno scorso il gigante di Mountain View offriva 50.000 dollari a chi fosse riuscito a scoprire una «falla persistente» ma nessuno è riuscito ad aggiudicarsi la taglia.

Quest'anno Google ha deciso di raddoppiare la posta. «Grandi ricerche meritano grandi ricompense» scrive Nathan Parker, Chrome Defender per conto di Google, sul blog ufficiale. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Stai creando un nuovo account su un sito. Come sarà la tua password?
Ho una sola password per tutti i miei account
Ho varie password che uso a rotazione quando devo creare un nuovo account
Ho un template per le password che modifico per ogni account
Creo una nuova password, assicurandomi che sia robusta

Mostra i risultati (1602 voti)
Leggi i commenti (12)
Chi vuole garantirsi la somma deve scoprire una vulnerabilità, utilizzabile da una sessione Guest, tale da permettere al codice usato per sfruttarla di restare operativo sul Chromebook anche dopo un riavvio: è questo che si intende per «persistente».

Per chi decide di puntare un po' più in basso ci sono sempre i premi più contenuti per gli altri tipi di falle, indicati nell'apposita pagina delle ricompense.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Falla di Facebook permetteva di rubare gli account: risolta
1 milione di dollari a chi viola iOS 9
BSA ricompensa con denaro le spie su Facebook
Da Facebook e Microsoft moneta sonante per gli hacker
Google ricompensa gli hacker con dollaroni sonanti
Chrome, 3.133 dollari per correggere un bug
Google ricompensa chi trova bug in Chrome

Commenti all'articolo (1)

O sono moooooolto sicuri del Chromebook o, finalmente, abbiamo trovato un'azienda che vuole premiare in modo adeguato chi scopre le falle non come le elemosine date fino ad oggi...
11-4-2016 19:23

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2676 voti)
Ottobre 2021
FreeOffice 2021, la suite gratuita compatibile con Microsoft Office
Apple presenta i MacBook Pro con il notch
UE, addio all'anonimato per i domini Internet
Windows 11 è disponibile. Ecco come installarlo anche senza TPM
I disservizi di Facebook costano a Mark Zuckerberg 6 miliardi
Pesa di più una chiavetta USB piena di dati o una vuota?
Settembre 2021
iPhone 14: un progetto completamente nuovo
Microsoft cede: Windows 11 si installa anche su hardware incompatibile
Windows 10, l'update di settembre impedisce di stampare
Truffatori scavalcano le difese informatiche nella maniera più semplice
Apple svela gli iPhone “più Pro” di sempre
Ripristinare il vecchio menu Start in Windows 11
Uno spot mette Windows 11 KO
L'auto elettrica di Apple
Microsoft non bloccherà Windows 11 sui PC non supportati
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 ottobre


web metrics