Google brevetta l'adesivo per i pedoni investiti dalle auto

Restano attaccati al cofano e così non vengono sbalzati lontano.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-05-2016]

googlecar

Un pedone che viene investito da un'auto non deve preoccuparsi soltanto per l'impatto: un ulteriore pericolo, che a volte può addirittura essere maggiore del primo, proviene dalla possibilità di venir sbalzato lontano a causa dell'urto, magari verso gli altri veicoli che sopraggiungono.

Google ha pensato di risolvere questo problema brevettando un'idea piuttosto originale: uno strato adesivo da applicare sulle auto, così che i pedoni eventualmente investiti non vengano scagliati lontano.

«La copertura adesiva posta nella zona frontale del veicolo può attivarsi al contatto ed essere in grado di aderire al pedone quasi istantaneamente» si legge nel brevetto.

Ciò «può aiutare a contenere i movimenti del pedone, che può venir trasportato sulla parte frontale del veicolo fino a che il guidatore (o il veicolo stesso nel caso di veicoli autonomi) reagisce all'incidente e frena» continua la descrizione. «In questo modo sia il veicolo che il pedone possono riuscire a fermarsi in maniera più graduale rispetto a quanto succederebbe se il pedone venisse sbalzato lontano dal veicolo».

Sondaggio
Qual è la più grande inquietudine che hai a casa e che la domotica potrebbe risolvere?
Sentirsi insicuri in casa quando si è lì da soli.
Che le persone lascino le luci accese quando non serve.
Dimenticarsi se le porte sono state chiuse a chiave o se le finestre sono state chiuse a dovere.
Familiari anziani non autosufficienti quando in casa sono soli.
Preoccuparsi della sicurezza quando siamo lontani.
Perdere tempo a girare per casa ad accendere o spegnere le luci.
Preoccuparsi che le attrezzature della cucina (per esempio il forno) siano state lasciate accese accidentalmente.
Preoccuparsi che la casa sembri vuota quando siamo lontani.
Possibili incidenti nelle zone della casa che non sono adeguatamente illuminate durante la notte.
La casa è troppo calda o troppo fredda per il dovuto comfort.

Mostra i risultati (1060 voti)
Leggi i commenti

Google non è la prima azienda a preoccuparsi di come proteggere i pedoni investiti: Volvo, per esempio, qualche tempo fa ha ideato gli airbag esterni che riducono gli effetti dell'impatto con i veicoli sollevando il cofano, un'idea che Google stessa ha preso in considerazione, seppur applicandola diversamente.

Nel caso del gigante di Mountain View, poi, la preoccupazione per i pedoni va di pari passo con la promozione dei veicoli autonomi: se riuscirà a dimostrare che sono dotati di tutte le più avanzate tecnologie di sicurezza il grande pubblico e (soprattutto) gli enti preposti a omologarli per la circolazione saranno più propensi ad accettarli.

google adesivo pedone

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 9)

come dire: il principio della carta acchiappamosche applicato ai pedoni.
5-6-2016 07:36

Credo proprio ti sia concesso...
30-5-2016 08:05

E se proprio il pedone ti da fastidio, un colpo di tergicristalli e via il problema... Mi è concesso affermare che il tema della sicurezza stradale sta decadendo alla farsa?
29-5-2016 23:54

Se il veicolo, dopo aver investito il pedone ed averlo incollato su paraurti e cofano centra anche un albero l'eliminazione del pedone risulta poi perfetta... :roll:
29-5-2016 17:38

Lo strato adesivo si dovrebbe attivare solo se un pedone viene colpito... :wink: Ma metti pur che il veicolo tamponi a sua volta...si farebbe un panino... :?
25-5-2016 19:53

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è lo strumento di informazione di cui ti avvali di più?
I media tradizioniali (Tv, radio, stampa, ecc.)
Internet, soprattutto i siti autorevoli (Repubblica, Corriere, ecc.)
Internet, soprattutto i siti indipendenti o di controinformazione
Internet, soprattutto i social network (Twitter, Facebook, ecc.)
Non mi fido di nessun media e credo solo a quello che vedo

Mostra i risultati (3162 voti)
Agosto 2022
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 12 agosto


web metrics