Volvo, entro la fine dell'anno le auto si parleranno

Tutti i modelli della serie 90 sapranno comunicare tra loro, migliorando la sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2016]

volvo xc90

Per migliorare la sicurezza sulle strade, specialmente in vista dell'arrivo dei veicoli senza guidatore, certamente è utile che le auto siano equipaggiate con sensori che permettano loro di "vedere" l'ambiente circostante.

Forse più importante ancora però sarebbe avere auto in grado di comunicare tra loro.

Volvo di ciò è convinta, e per questo ha annunciato che entro la fine del 2016 i modelli della seria 90 - ossia le Volvo S90, V90 e XC90 - saranno dotate di una tecnologia che consenta loro di comunicare senza fili, sviluppata insieme a Ericsson.

I veicoli in tal modo attrezzati potranno inviare e ricevere avvertimenti sulle condizioni della strada ma anche su ciò che essi stessi stanno facendo: per esempio, se un'auto si trova a dover frenare improvvisamente può anche comunicare quanto sta avvenendo a quella che la segue, e questa può iniziare a sua volta a frenare molto più rapidamente di quanto possa fare un essere umano.

Le comunicazioni inviate e ricevute in questo modo non avvengono direttamente tra i veicoli, ma sono gestite da un'infrastruttura cloud: Volvo ritiene che questo sia il sistema migliore, poiché non richiede che le auto abbiano una linea di vista né altri apparecchi per la comunicazione senza fili a corto raggio.

Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual è il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google è veramente brutta! Più che un auto è un'ovovia.
Ci toglierà il piacere di guidare e la nostra vita sarà un po' più triste.
Avrà un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarà maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi più lunghi o più lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non è chiaro di chi sarà la responsabilità civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
Sarà esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocità o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno più: già immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (2000 voti)
Leggi i commenti (21)

Invece, dovranno essere dotate di una connessione a Internet. L'efficienza delle comunicazioni, secondo l'azienda svedese, migliorerà di pari passo con la diffusione di questa tecnologia, poiché l'analisi dei dati permetterà di mettere a punto il sistema.

«Usiamo un sistema basato sul cloud perché così non abbiamo necessità di un collegamento diretto tra i veicoli» ha spiegato il CEO di Volvo, Hakan Samuelsson, ad Automotive News. «Ciò ci consente di analizzare le informazioni e di individuare la distribuzione ideale alle altre auto».

auto comunicano

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
In vendita il SUV di Volvo a guida semiautomatica
Volvo promette l'addio agli incidenti mortali entro il 2020
Con Volvo controlli l'auto dallo smartwatch
Volvo punta sui magneti per l'auto senza conducente
Il progetto di Volvo per l'auto senza conducente
Volvo presenta l'auto a prova di incidente
L'utilizzo di Linux fuori dall'informatica

Commenti all'articolo (3)

Considerato il livello di attenzione - ad essere buoni primordiale - che tutti i fabbricanti di automobili hanno fino ad oggi dimostrato di avere nei confronti della sicurezza informatica delle proprie creature, mi sembra di avere a che fare sempre più con dei pazzi schizofrenici che pensano solo alla profilazione dei clienti. Il dramma... Leggi tutto
16-10-2016 14:45

Fra quanto leggeremo che i server della Volvo sono stati violati e che tutte le auto serie 90 hanno effettuato una frenata di emergenza e non sono più ripartite? In uno scenario del genere, in caso di incidenti chi risponde? IMHO questa mania del cloud a tutti i costi sta facendo perdere il senso della realtà e, anche peggio, della... Leggi tutto
9-10-2016 11:28

{frei}
"Volvo ritiene che questo sia il sistema migliore, poiché non richiede che le auto abbiano una linea di vista né altri apparecchi per la comunicazione senza fili a corto raggio". La spiegazione è fumosa e non regge, anzi, è addirittura assurda, specialmente alla luce del loro stesso esempio. E se... Leggi tutto
7-10-2016 15:06

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali autorizzazioni hai concesso alle applicazioni presenti sul tuo dispositivo mobile?
Non limito l'accesso alle app sul mio dispositivo
Di solito concedo le autorizzazioni su richiesta e non ci penso più
Concedo le autorizzazioni a seconda dell'applicazione e delle sue funzionalità
Non posso modificare le autorizzazioni delle applicazioni

Mostra i risultati (1070 voti)
Giugno 2021
Google Workspace diventa gratuito per tutti
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Gli hard disk al grafene sono 10 volte più capienti
Microsoft nasconde la fotocamera sotto lo schermo che forma il logo di Windows
Il nuovo Windows 10 si svela a fine mese
Nuova tecnica contro il ransomware: ingannare il sistema di pagamento
Maggio 2021
Malvivente condannato grazie a una foto delle dita pubblicata online
Annunciata la prossima generazione di Windows
Guidi male? Forse è un primo segno di demenza
Scarsità di chip, televisori più cari del 30%
Arriva Android 12, più veloce, più personalizzabile e più attento alla privacy
Nella Tesla schiantatasi con “nessuno” al volante c’era qualcuno al volante
WhatsApp, funzionalità ridotte se non si vogliono regalare i dati a Facebook
La scorciatoia da tastiera che scongela il Pc
Bye bye, Emotet
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 giugno


web metrics