Un sensore nel cervello per tornare a camminare

Sperimentata sulle scimmie una tecnica per aggirare le lesioni del midollo spinale, e ridare speranza alle persone paralizzate.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-11-2016]

scimmia paralizzata

Un gruppo di ricercatori del Politecnico Federale di Losanna (Svizzera) è riuscito a far camminare di nuovo due scimmie i cui arti inferiori erano paralizzati a causa di lesioni nella colonna vertebrale.

Tomislav Milekovic, capo del team, spiega: «Il midollo spinale è, in un certo senso, un'estensione del cervello», il cui compito è trasmettere gli impulsi dal cervello ai muscoli. La presenza di lesioni, però, blocca i segnali. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
Quali sono i principali ostacoli che ti frenano nell'acquisto di prodotti per una smart home?
Non ne capisco molto di prodotti per la domotica.
Semplicemente non sono interessato a comprare prodotti per la domotica.
Non vedo molti benefici dai prodotti per la domotica.
I prodotti per la domotica sono troppo costosi.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica in negozio.
Non ho mai visto un prodotto per la domotica online.

Mostra i risultati (913 voti)
Leggi i commenti (17)
In base a questa premessa, gli scienziati hanno realizzato un'interfaccia artificiale che permettesse al cervello di comunicare con il midollo, aggirando le lesioni tramite una serie di sensori.

Parte di questi sensori sono impiantati nel cervello, dove captano i segnali del movimento. Questi segnali vengono inviati in modalità wireless a un computer esterno, che li decodifica e li invia ad altri sensori impiantati sottopelle nelle vicinanze colonna vertebrale, nella zona deputata al movimento delle zampe inferiori (che corrisponde a quella deputata al movimento delle gambe negli esseri umani).

Due sono le novità importanti introdotte da questo sistema: la prima è la modalità di comunicazione senza fili, la seconda è l'utilizzo di sensori che non sono posizionati direttamente nel midollo spinale (operazione rischiosa) ma semplicemente nello strato più esterno del midollo.

scimmie paralizzate sensori cervello

Inoltre, i ricercatori spiegano che l'utilizzo di un computer esterno non è essenziale: viene adoperato perché è il modo più semplice per variare i parametri al volo e controllare l'andamento dei test ma nulla vieta, per il giorno in cui questa tecnologia si potrà applicare agli esseri umani che hanno perso l'uso delle gambe, di inviare i segnali direttamente dai sensori del cervello a quelli della colonna vertebrale.

«Non è irragionevole ipotizzare di poter vedere le prime dimostrazioni cliniche di interfacce tra il cervello e il midollo spinale entro la fine del decennio» ha commentato Andrew Jackson, un ricercatore non coinvolto nello studio ma che valuta molto positivamente le scoperte dei colleghi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Entro dieci anni gli hacker ci ruberanno i ricordi dal cervello
Il chip nel cervello che restituisce il senso del tatto
Tetraplegico muove di nuovo la mano grazie a impianto neurale
Paralizzati muovono gambe e braccia via Bluetooth
Uomo paralizzato riprende a camminare, cautela
Il braccio robot controllato dal pensiero
Un esoscheletro per tornare a camminare
Ragazza in coma e poi paralizzata per un hamburger

Commenti all'articolo (2)

Se dovesse funzionare penso che potrebbe migliorare la qualitÓ della vita di molte persone che oggi, a causa di incidenti sono paraplegiche e forse anche dei tetraplegici... a prescindere dalle possibili speculazioni dei transumanisti...
19-11-2016 14:17

{julian}
I transumanisti ci andranno a nozze...
15-11-2016 12:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Considerando costi, tempi di realizzazione e possibili conseguenze, su quale fonte di energia alternativa ai combustibili fossili bisognerebbe maggiormente puntare?
Solare
Eolica
Geotermica
Biomasse
Idrogeno
Nucleare
Idroelettrica

Mostra i risultati (6443 voti)
Settembre 2019
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
Tutti gli Arretrati


web metrics