Il Dark Web è in via di estinzione?

Rispetto a un anno fa, soltanto il 15% dei siti nella rete TOR è ancora operativo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-03-2017]

dark web

Nonostante il nome "oscuro", il dark web è meno misterioso di quanto a prima vista possa sembrare.

Accedervi non è un compito impossibile grazie a strumenti per così dire già pronti quali TOR Browser, che si incarica di stabilire una connessione alla rete TOR senza che l'utente debba perdersi nei parametri di configurazione.

Tutto ciò serve per dire che fare un censimento del dark web, o per lo meno di quella parte che si appoggia a TOR, non è impossibile.

Proprio di questo si occupa l'OnionScan Report, che nell'aprile 2016 ha effettuato un conteggio e scoperto che i servizi operanti nel dark web, all'interno della rete TOR, erano circa 30.000.

A poco meno di un anno di distanza, OnionScan ha effettuato un'altra scansione e scoperto un dato sorprendente: la maggior parte dei siti censiti l'anno prima sono spariti, e ne restano soltanto circa 4.400.

Parte della colpa di questo calo improvviso è dovuta alla violazione, avvenuta nel mese di febbraio, di Freedom Hosting II, il maggiore servizio di hosting per il dark web.

I responsabili dell'attacco sono riusciti a sottrarre 1.000 Gbyte di dati e a mettere fuori uso il servizio: con lui, secondo le stime degli esperti, è sparito dal 15% al 20% dei siti.

«Riteniamo» - scrivono gli autori di OnionScan Report - «che la caduta di Freedom Hosting II non solo abbia causato la rimozione di migliaia di siti attivi ma possa aver anche avuto conseguenze su altri servizi di hosting».

Sondaggio
Vuoi effettuare un acquisto online. Il sistema di pagamento richiede l'inserimento dei dati della carta di credito. Quali precauzioni prendi affinché sia una transazione sicura?
Nessuna precauzione. I siti Internet delle grandi compagnie sono ben protetti
Inserisco tutti i dati della carta utilizzando la tastiera virtuale
Digito e poi cancello i dati della carta più volte così il virus si confonde
Aumento il livello di protezione dell'antivirus
Utilizzo la modalità di navigazione in incognito del browser
Uso un proxy anonimo
Controllo di aver digitato il sito Internet correttamente e se si tratta del sito giusto

Mostra i risultati (1523 voti)
Leggi i commenti (16)

Inoltre «l'improvvisa sparizione di Sigaint, un servizio di email crittografata, può essere associato con il declino di alcuni dei servizi nascosti».

Oltre a rivelare il declino del deep web, OnionScan indica anche un altro dettaglio non indifferente: gli autori stessi sottolineano come la capacità di effettuare un rilevamento dei siti teoricamente "nascosti" indichi che c'è qualche debolezza nelle loro capacità di volare al di sotto dei radar.

Addirittura, in circa un migliaio di casi il censimento del dark web ha permesso di risalire agli indirizzi IP unici da cui operano i siti, a causa di errori di configurazione e alla diffusione incontrollata di informazioni che sarebbero dovute restare segrete.

Infine, se il dark web che vive in TOR ha ultimamente subito un duro colpo, non bisogna tuttavia dimenticare che esistono altri servizi pensati per aggirare la censura e che costituiscono altre vie per comunicare in anonimato e sicurezza, come Freenet o I2P.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (4)

In generale ritengo che chi utilizza TOR lo fa per ragioni specifiche e ben precise - che siano esse legate ad aggirare particolari censure del paese dove vivono o a mascherare attività illecite più specifiche è indifferente per questa mia considerazione - e non per altre ragioni non meglio identificate che lo portano a perdere interesse... Leggi tutto
18-3-2017 14:19

{utente anonimo}
Non mi riferivo certo a JavaScript, né ho detto che l'accesso sia impossibile, ma è fortemente ostacolato dalla CDN che usate, notoriamente aggressiva nei confronti della rete TOR. Per quanto riguarda l'ultimo punto, è molto semplice, con l'aumentare di siti non fruibili tramite TOR, cala anche... Leggi tutto
11-3-2017 13:45

Non mi pare un ragionamento del tutto corretto. Se con siti s'intende che quei siti hanno funzioni realizzate in JavaScript, che di default in TorBrowser è disattivato, non direi che essi "scoraggiano l'accesso tramite TOR". Non abilitare i linguaggi di scripting è una buona abitudine per chi tiene all'anonimato, ma chi lo fa... Leggi tutto
10-3-2017 22:35

{utente anonimo}
Si potrebbe aggiungere alle cause anche la presenza di un certo numero di siti non nel dark web, ma che scoraggiano l'accesso tramite TOR. Zeusnews per esempio ;)
10-3-2017 16:51

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A Milano l'Ecopass si è trasformato in congestion charge: si paga per accedere al centro anche se si ha un'auto poco inquinante. Sei d'accordo?
Sono favorevole a questo modello, per le grandi città: bisogna usare meno l'auto.
Sono contrario in generale: non serve, è solo una tassa per spillare quattrini ai cittadini.
Era meglio il vecchio modello, in cui le auto meno inquinanti non pagavano (o pagavano di meno).
Il problema non mi tocca: non vivo e non vado mai né a Milano né in altre grandi città.

Mostra i risultati (2439 voti)
Luglio 2022
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 3 luglio


web metrics