Uber e car sharing, impatto dirompente sull'acquisto di auto

E sui modelli di proprietà.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-05-2017]

carsharing

Secondo una nuova indagine di Capgemini, effettuata su oltre 8.000 consumatori in otto mercati chiave a livello globale, più di un terzo degli acquirenti di automobili (34%) vede oggi il servizio taxi e il ride-sharing come una valida alternativa all'auto di proprietà.

Se da un lato la vendita di auto nuove continua a crescere in modo esponenziale, i nuovi dati dimostrano un cambio di strategia dei principali produttori di auto, che stanno già investendo in servizi di car sharing con lanci, acquisizioni o partnership per adeguarsi al cambiamento delle abitudini dei consumatori.

Buone sono le notizie per quanto riguarda il modello di vendite tradizionale del settore automotive, di fronte a una crescita esponenziale dei servizi di car sharing e ride-sharing. Più della metà degli intervistati percepisce i servizi taxi e di ride-sharing - ad esempio Uber, Didi e BlaBlaCar - come complementari all'acquisto di un'auto nuova (56%).

La percentuale di coloro che considerano i servizi legati alla mobilità complementari rispetto all'acquisto di un'auto aumenta tra gli acquirenti di auto più giovani - di età compresa tra i 18 e i 34 anni (64%) - e tra quelli dislocati nei mercati emergenti cinese (77%) e indiano (63%). La rilevanza degli investimenti fatti dalla maggior parte dei player dell'industria car sharing trova conferma nel fatto che due terzi dei consumatori (66%) afferma che il brand rappresenta un fattore chiave nella scelta del programma di car sharing preferito, indicando che queste strategie potrebbero diventare parte integrante del nuovo ciclo di vendita di auto.

Altri risultati del rapporto mostrano il più ampio impatto causato da un rapido aumento delle competenze tecnologiche e della consapevolezza dei consumatori sulle abitudini di acquisto.

Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1664 voti)
Leggi i commenti (18)

Gli optional di guida autonoma restano un selling point rilevante per i consumatori. Con la guida assistita, che sta diventando un optional di serie sui modelli di auto tradizionali e grazie ai report periodici sui test relativi ai nuovi veicoli autonomi, l'81% degli intervistati è disposto a pagare costi aggiuntivi per la funzione di guida autonoma.

La Cybersecurity è divenuta oramai un fattore determinante nell'acquisto di un'auto. Nel 2015, un terzo degli intervistati era preoccupato in relazione alla sicurezza informatica. Dopo ulteriori attacchi alle piattaforme del settore automotive da parte di hacker professionisti, i consumatori di oggi vogliono essere rassicurati dai produttori sulla sicurezza delle auto, con oltre due terzi degli acquirenti (68%) che sostiene che la "resilienza informatica" di un'auto sarebbe in grado di influenzarne l'acquisto.

L'interesse dei consumatori ad acquistare automobili a marchio tech è in aumento, nonostante la scarsità di sostanza. Dopo 18 ulteriori mesi dalle indiscrezioni secondo cui Google o Apple starebbero per lanciare automobili sul mercato, c'è stata una crescita dell'interessamento dei consumatori rispetto a quanto rilevato dallo studio del 2015 (49%): ben oltre la metà dei consumatori (57%), infatti, si dichiara ora aperta all'acquisto di un veicolo prodotto da un colosso della tecnologia come Apple o Google.

La fiducia dei fruitori di veicoli autonomi è suddivisa tra esperti e nuovi player. Dato che le aziende "tech" hanno condotto diversi test pubblici sui veicoli autonomi, è importante sottolineare che la metà dei consumatori (51%) si fiderebbe maggiormente di auto con funzioni di guida autonoma prodotte dalle case automobilistiche piuttosto che da aziende leader della tecnologia.

Le preoccupazioni relative al trattamento dati stanno diminuendo, dal momento che i consumatori prediligono le auto dotate di connessione per dispositivi mobili. La familiarità con altri dispositivi connessi e il compromesso tra condivisione dei dati, maggiore personalizzazione e servizi migliori stanno spostando le abitudini dei consumatori verso le auto "connesse".

La maggior parte dei consumatori sarebbe disposta a condividere i dati relativi al proprio veicolo (89%) e al conducente (76%) mentre l'auto è connessa. Per fare un confronto, in uno studio analogo del 2015 l'80% degli intervistati aveva dichiarato che avrebbe condiviso i dati liberamente o con alcune restrizioni, sottolineando la costante disponibilità a condividere informazioni.

La domanda di mercato online - presso le concessionarie virtuali - sta sfidando il modello di vendita tradizionale. Influenzati senza dubbio dal continuo interesse per le tecnologie dirompenti e dall'utilizzo di concessionarie virtuali da parte di alcuni importanti produttori di auto, i consumatori stanno richiedendo metodi alternativi presso cui reperire informazioni tramite OEM e rivenditori, come ad esempio presentazioni di veicoli in realtà virtuale (62%), live chat (43%) e video blog a cura dei clienti (36%).

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Tempo 20 anni e le auto individuali saranno un ricordo. La tecnologia di guida autonoma sta facendo passi da gigante, in prima linea Waymo, la divisione di Google/Alphabet che si occupa di questo. Il modello verso cui stiamo andando è un auto a richiesta, che invece di stare ferma ad occupare un parcheggio quasi tutto il giorno se ne va... Leggi tutto
19-5-2017 13:47

Io l'ho sempre sostenuto: se i taxi costassero come all'estero e ce ne fosse la disponobiltà (e non il numero chiuso) chi te la fa fare di avere la seconda macchina ? A tutt' oggi ancora non capisco perchè da casa mia alla stazione con uber ho speso 5 euri e dalla stazione a casa ne ho spesi 10: 7,5 segnava il tassametro il tassita l'ha... Leggi tutto
18-5-2017 19:23

{fermi}
Un fisco esoso (con conseguente svalutazione immediata del veicolo appena uscito dal concessionario), burocrazia oltre ogni limite e relativi costi, complicazione costruttiva (artificiale) dei motori, programmi di manutenzione assurdi, in quanto denunciano la fragilità degli automezzi sottoposti a obsolescenza programmata, sono le... Leggi tutto
17-5-2017 21:47

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Il numero di multe per l'utilizzo di smartphone alla guida è aumentato del 18% nel primo semestre 2017. Il direttore del servizio di Polizia Stradale propone il ritiro della patente fin dalla prima infrazione, con una sospensione di un minimo di 15 giorni. Sei d'accordo?
No

Mostra i risultati (777 voti)
Settembre 2017
Il primo smartphone con Linux davvero libero
Falla nel Bluetooth, vulnerabili 5 miliardi di dispositivi
Se il robot sessuale diventa un terminator
I consigli di Linus Torvalds per gli hacker
L'appuntamento online più imbarazzante della storia?
Bug in Android Oreo consuma tutto il traffico dati
Addio torrent, i pirati ora sono su Google Drive
YouTube Mp3 si arrende alle major
iPhone 8, Apple fissa la data di lancio
Agosto 2017
Il BlackBerry che soppianterà iPhone e Galaxy
40 anni di ''segnale Wow''
Antibufala: Barcellona, venditori ambulanti preavvisati dell’attentato!
Il ''cop button'' di iOS 11 dà manforte ai criminali
Motorola brevetta lo schermo che si ripara da solo
Accesso a reti Wi-Fi
Tutti gli Arretrati


web metrics