Windows 10 su Arm? Intel non ci sta

E velatamente minaccia: Qualcomm farà la fine di Cyrix e Transmeta.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2017]

windows 10 qualcomm intel

Il binomio tra il sistema operativo Windows e i processori Intel è tanto solido e vecchio da aver una parola macedonia tutta sua che lo indica: Wintel.

Con l'imminente arrivo di Windows 10 S, però, questo sodalizio apparentemente inattaccabile potrebbe iniziare a scricchiolare: quella specie di Windows 8 RT rivisto e corretto potrebbe portare definitivamente Windows sulle Cpu Arm.

Se quindi Qualcomm, maggiore produttore di questo tipo di processori e già partner di Microsoft nel progetto "Windows 10 su Arm", può felicemente esultare, Intel non fa certo i salti di gioia. Però pensa di avere un asso nella manica.

Dato che per far funzionare Windows 10 su Arm Qualcomm ha lasciato intendere che userà tecnologie che emulano i processori x86, Intel si sta preparando a giocare la carta della proprietà intellettuale.

«Ci sono state voci secondo le quali alcune aziende potrebbero cercare di emulare il set di istruzioni x86, che è di proprietà di Intel, senza l'autorizzazione di Intel» ha scritto il capo degli avvocati di Intel, Stephen Rodgers, sul sito dell'azienda.

«Noi non accettiamo la violazione illegale dei nostri brevetti, e ci aspettiamo in pieno che le altre aziende continuino a rispettare i diritti di proprietà intellettuale di Intel» si può leggere ancora.

Per sottolineare la propria posizione, Rodgers fa anche un elenco dei nemici sconfitti in passato, aziende che avevano tentato di imboccare la strada dei processori x86-compatibili: nella lista ci sono Cyrix, Chips and Technologies, Transmeta e anche AMD, che se non è defunta non ha comunque la diffusione di un tempo.

Transmeta, in particolare, viene citata come il caso più recente, senza dimenticare l'esito dell'intera vicenda: «Transmeta non ha avuto successo dal punto di vista commerciale, ed è uscita dal mercato dei microprocessori 10 anni fa».

Sondaggio
Quale è il motivo principale della tua scelta di cambiare fornitore di ADSL o di fibra ottica?
Maggiore velocità
Tariffe più convenienti
Tv in aggiunta
Telefonia mobile in aggiunta
Altro

Mostra i risultati (1690 voti)
Leggi i commenti (8)

Avere Windows 10 sui processori Arm porterebbe vantaggi interessanti per gli utenti: Windows potrebbe girare su dispositivi più leggeri, meno avidi di energia e che integrano la connettività 5G LTE di Qualcomm, azienda i cui ultimi prodotti sono già costruiti a 10 nanometri (mentre l'ultima generazione dei chip Intel è a 14 nanometri).

Non solo tablet o convertibili, ma anche veri e propri laptop potrebbero un domani funzionare con Windows 10 e un SoC Qualcomm con architettura Arm: una minaccia intollerabile al monopolio di fatto di Intel.

Quello del gigante dei chip ha insomma tutta l'aria di un tentativo di intimidazione: è chiaro che il colosso di Santa Clara spera di vederlo funzionare, perché in caso contrario dovrebbe mettersi d'impegno a combattere Qualcomm.

Quest'ultima opzione potrebbe essere, per Intel, un serio problema: non soltanto Qualcomm non è Transmeta e, rispetto a quest'ultima, dispone di molte più risorse, ma dietro Qualcomm c'è Microsoft, la quale è molto impegnata nel veder funzionare Windows 10 su architettura Arm.

Dalla parte di Qualcomm ci sono poi anche grandi nomi come Lenovo, HP e Asus: se si arrivasse allo scontro, se ne vedrebbero delle belle.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

Probabilmente fanno solo la voce grossa per avere qualcosa in cambio, credo che una guerra dei brevetti non convenga a nessuna delle aziende citate per cui troveranno sicuramente un accordo che le soddisfi tutte... ai danni degli utenti e clienti probabilmente. :roll:
25-6-2017 16:39

{Stefano}
Se l'esperimento funzionasse e Windows girasse bene su Arm, la soluzione potrebbe essere semplice: Qualcomm potrebbe comprare Amd con i suoi brevetti e le sue licenze.
12-6-2017 18:22

{packard}
Intel ha il grosso merito di aver avviato una produzione industriale di chip popolari, che gli altrimenti intelligenti dell'IBM si sono lasciati soffiare, insieme al sistema operativo che ha iniziato la fortuna di Microsoft (come curiosità, in assoluto l'azienda più saccheggiata è stata la Xerox, a cui... Leggi tutto
11-6-2017 21:11

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3966 voti)
Giugno 2022
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Toyota: cartucce di idrogeno per alimentare auto, case, droni
Maggio 2022
La Rete esce da TIM: nasce la Open Access italiana
DuckDuckGo consente a Microsoft di tracciare gli utenti
Russi saccheggiano trattori ucraini, che vengono brickati da remoto
Necrofinanza e criptovalute: lo scoppio di Terra/Luna
Pwn2Own 2022, Windows 11 e Ubuntu cadono il primo giorno
Migliaia di siti sono keylogger nascosti
Radio a onde corte: davvero?
UE, tutte le chat saranno esaminate in cerca di pedopornografia
Le IA di Facebook e Twitter contro la disinformazione russa
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 29 giugno


web metrics