Windows 10, rubate parti del codice sorgente

Ora si teme un'ondata di attacchi basati su falle finora sconosciute.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-06-2017]

win10 rubato codice

Il primo a segnalare l'accaduto è stato The Register: immagini e codice di Windows 10 sono stati sottratti a Microsoft e messi online.

Per la precisione si tratta di 32 Tbyte di dati, composti da immagini di installazione pubbliche e riservate, ma anche parti del codice sorgente relativo allo stack dei driver: c'è il codice relativo agli stack Usb e Wi-Fi, ma anche quello che gestisce i dispositivi di memorizzazione, lo standard Plug and play e i processori Arm.

Non sembra, invece, che sia stato sottratto il codice del core del sistema operativo.

Mentre la notizia si diffondeva e BetaArchive, il servizio su cui i file erano stati caricati, rimuoveva gli archivi, Microsoft non poteva far altro che confermare il furto, considerato più grave di quello avvenuto nel 2004 ai danni del codice di Windows 2000.

La sottrazione del codice è grave, ma anche quella delle immagini di installazione non è da sottovalutare: spesso si tratta di immagini usate per i test, che includono i simboli privati di debug usati dagli sviluppatori e dai quali eventuali hacker potrebbero trarre preziose informazioni.

Sondaggio
Che cosa utilizzi prevalentemente per la posta elettronica?
Una webmail
Un client di posta
Entrambi

Mostra i risultati (2818 voti)
Leggi i commenti

A Redmond la paura principale è che qualcuno possa trovare delle falle ancora sconosciute e presenti nelle versioni di Windows 10 attualmente in circolazione. Le immagini sono infatti per lo più relative alla versione di Windows 10 nota come Redstone 2, ossia il Creators Update: un'edizione ormai ben diffusa.

È il punto debole della politica di security through obscurity (la sicurezza attraverso la segretezza) seguita da Microsoft e, in generale, da chi scrive codice closed source: quando viene meno l'obscurity, è facile che venga meno anche la security.

È bene inoltre sottolineare che, sebbene i file sottratti siano stati resi pubblici soltanto ora, sembra che il furto sia avvenuto già lo scorso marzo, quando ci furono voci di una violazione dei server di Microsoft su cui vengono sviluppate le build di Windows.

Tuttavia, dato che l'intera faccenda è ancora poco chiara, è anche possibile che furto e violazione non siano direttamente collegati: il primo potrebbe essere avvenuto grazie alla forzatura dei sistemi di qualche partner del gigante di Redmond, come peraltro già successo in passato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows XP, il codice sorgente finisce in Rete
FBI, meglio un pedofilo in libertà che rivelare l'hack di TOR
Rilasciato il codice sorgente del CP/M
NSA chiese a Torvalds di mettere backdoor su Linux
Ritrovato il codice sorgente smarrito di Prince Of Persia
Doom 3, il codice adesso è open
Google abbandona Windows: "Non è un sistema operativo sicuro"
Microsoft ha copiato codice GPL?
Reso illegalmente pubblico il sorgente di Windows

Commenti all'articolo (2)

Certo che farsi rubare anche solo parti di codice sorgente è decisamente piuttosto grave...
14-7-2017 19:19

In quanto membro di BetaArchive, pregherei di leggere questo post: link Pepe
27-6-2017 08:57

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
La società di consulenza McKinsey ha individuato 12 tecnologie "dirompenti", capaci di dare una spinta all'economia, migliorando produttività, favorendo i consumi e trasformando completamente la vita quotidiana. Quale sarà la più importante?
Internet Mobile
Software in grado di prendere decisioni autonome
Internet delle cose
Tecnologia cloud
Robotica avanzata
Auto che si guidano da sole
Genomica di nuova generazione
Batterie di nuova concezione
Stampa 3D
Materiali evoluti (grafene ecc.)
Metodi avanzati per trovare ed estrarre gas e petrolio
Energie rinnovabili

Mostra i risultati (3012 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 21 gennaio


web metrics