Windows 10, Creators Update per tutti

Varato il nuovo piano degli aggiornamenti: ogni versione di Windows 10 riceverà supporto per 18 mesi.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-07-2017]

windows10update

Lo scorso marzo, Microsoft ha rilasciato il Creators Update (Windows 10 versione 1703), corposo aggiornamento di Windows 10 pubblicato in base al modello Windows as a Service.

Tale update non è però stato messo immediatamente a disposizione di tutti: invece, nei mesi successivi alla pubblicazione iniziale, il colosso di Redmond ha fatto in modo che esso fosse disponibile un po' per volta.

In questo modo, stando ai dati di AdDuplex, al 18 luglio il 50% dei computer del mondo che utilizzavano Windows 10 era aggiornato al Creators Update, mentre il 46% era fermo all'Anniversary Update (Windows 10 versione 1607).

Il restante 4% era diviso tra la versione originale di Windows 10 (1507), le build del programma Windows Insider e il November Update (Windows 10 versione 1511).

Ora, a quattro mesi circa dal rilascio iniziale, Microsoft ha finalmente aperto le cateratte: il Creators Update è adesso disponibile per tutti i Pc compatibili (affermazione che quindi esclude, almeno per il momento, quelli con processore Atom Clover Trail).

Il rilascio pubblico del Creators Update ha anche una certa importanza ulteriore: inaugura ufficialmente una la politica dei rilasci di Windows e Office.

Con il debutto del modello Windows as a Service, capire fino a quando una data versione del sistema sia supportata può essere problematico: il vecchio modo di procedere (cinque anni di supporto principale e cinque di supporto esteso) non sta più in piedi.

Per gli utenti, però, è importante sapere fino a quando la versione da loro utilizzata continuerà a ricevere gli aggiornamenti di sicurezza.

Dopo averci pensato su un po', Microsoft ha alla fine trovato la quadratura, decidendo che d'ora innanzi esisteranno due canali per gli aggiornamenti: il Semi-Annual Channel e il Long-Term Servicing Channel.

Ogni rilascio di Windows e Office potrà appartenere a uno dei due canali, che ovviamente presentano caratteristiche diverse per quanto riguarda il supporto e il rilascio degli aggiornamenti di sicurezza.

Sondaggio
Come ti colleghi a Internet da casa?
Fibra ottica 300 Mega o superiore
Fibra ottica 100-200 Mega
Fibra ottica 20-50 Mega
Fibra ottica 10 Mega
Adsl 20 Mega o superiore
Adsl fino a 10 Mega
Adsl fino a 5 Mega
Adsl fino a 2 Mega
Smartphone
Chiavetta
Via Satellite
Wi-Max

Mostra i risultati (3279 voti)
Leggi i commenti (22)

Le versioni appartenenti al Semi-Annual Channel (Sac) saranno aggiornate due volte l'anno (a marzo e a settembre), e ogni rilascio sarà supportato per 18 mesi.

Le versioni appartenenti al Long-Term Servicing Channel (Ltsc), invece, avranno un supporto "vecchio stile": cinque anni più cinque anni.

Un esempio dovrebbe chiarire meglio. La versione di Windows 10 denominata Anniversary Update è da oggi considerata una Ltsb: se non servono le nuove funzioni, non è quindi strettamente necessario aggiornarla al Creators Update, poiché riceverà aggiornamenti di sicurezza sino al 2021 come supporto principale (con aggiornamenti che riguardano la sicurezza e la qualità del sistema), e fino al 2026 come supporto esteso (soli aggiornamenti di sicurezza).

Invece, il Creators Update è una Sac: questa particolare versione di Windows 10 sarà supportata per 18 mesi (dunque fino a settembre 2018), e poi non riceverà più gli aggiornamenti di sicurezza. Ma a quel punto saranno già usciti il Fall Creators Update (Windows 10 versione 1709) e l'aggiornamento di marzo 2018, cui tutti gli utenti saranno invitati ad adeguarsi.

Microsoft sostiene che le versioni Ltsc siano principalmente dedicate alle macchine «con scopi speciali», come quelle usate per gestire le apparecchiature mediche, industriali o finanziarie.

Le aziende in generale dovrebbero, invece, seguire il canale Semi-Annual Channel e i suoi aggiornamenti semestrali, avendo cura però di programmare l'update dei Pc in modo da distribuirlo a tutte le macchine soltanto quando ci sia la certezza che non vi siano malfunzionamenti o regressioni: la sovrapposizione tra i periodi di supporto di due rilasci successivi di questo canale serve proprio a permettere alle aziende di programmare con calma il passaggio.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Windows 10, termina il supporto per alcune versioni
Microsoft cancella Paint e Outlook Express da Windows
Windows 10 abbandona gli Atom Clover Trail
Windows 10, rubate parti del codice sorgente
Microsoft: ''Sì, disabilitiamo gli antivirus. Per il bene degli utenti''
Windows 10, un assaggio del Fall Creators Update

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Mi sembra che questo nuovo metodo di gestione degli aggiornamenti, al contrario della semplificazione declamata da M$ quando ha introdotto sul mercato W10, sia decisamente assai pi¨ complicato, farraginoso e di difficile comprensione rispetto al precedente.
10-8-2017 16:58

Oppure, piu' semplicemente, l'HW dei nuovi PC diventa di anno in anno piu' performante e gli OS (ma pure i SW di terzi) le sfruttano. Leggi tutto
31-7-2017 18:41

Beh, di Linux ce ne sono tanti, alcuni adatti a macchine vecchie e poco potenti. Altre distribuzioni sono adatte a pc nuovi o recenti, o con hardware prestante. Difficile anche confrontare una qualsiasi versione Linux (per pc poco potenti o anziani) con kernel e software recenti, con XP, un sistema operativo fuori supporto, e adatto,... Leggi tutto
31-7-2017 18:25

Mi sembra ancora tutto molto fumoso...fin'ora si era appreso che semplicemente ogni build aveva supporto 18 mesi, una volta uscita la nuova. Ora hanno complicato le cose. Secondo me, prima di fasciarci la testa dovremo aspettare di avere nuove notizie. Se davvero la Anniversary Update (la 1607) Ŕ una ltsc (supportata 10 anni in tutto)... Leggi tutto
31-7-2017 18:13

{cab ina}
Ormai all M$ passano la maggior parte del tempo a giocare con la burocrazia. Uso XP, 10 e Linux, e sebbene ci siano delle differenze di possibilità e per quanto riguarda Linux una minore "intelligenza" dell'interfaccia grafica, in realtà per quello che faccio, cioè un po' di fotoritocco, CAD 2D e... Leggi tutto
30-7-2017 22:41

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Come vedi il futuro dell'umanitÓ, in ambito scientifico?
Il futuro Ŕ nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietÓ intellettuale Ŕ solo il canto del cigno: infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrÓ pi¨ essere detenuto da pochi potenti.
Per tutelare ricerche che richiedono investimenti cospicui, la proprietÓ intellettuale Ŕ uno strumento equo e ragionevole. Lo strapotere attuale della grande industria va solo limitato nel tempo ed emendato dagli aspetti pi¨ truci.
Lo scenario pi¨ probabile Ŕ un doppio binario tra scienza proprietaria e open source. La prima coprirÓ i settori che richiedono investimenti a lungo termine, la seconda quelli in cui la cooperazione raggiunge i risultati migliori.
Il potere si concentra dove c'Ŕ il denaro. Volenti, o nolenti, i big dell'economia mondiale si accaparreranno tutte le fonti di conoscenza, e sapranno farle fruttare a dovere, per il bene dell'umanitÓ.

Mostra i risultati (1557 voti)
Gennaio 2022
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Novembre 2021
L'app va in crash, e la Tesla non parte più
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 20 gennaio


web metrics