Visitare Chernobyl con la realtà virtuale

Il Chernobyl VR Project porta indietro nel tempo fino al 26 aprile 1986.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-08-2017]

chernobyl vr project

A oltre trent'anni dal famigerato disastro disastro di Chernobyl, la zona maggiormente colpita dalle radiazioni è tuttora disabitata, e lo sarà per molto tempo ancora.

L'accesso alla cosiddetta zona di alienazione, che comprende tutte le aree poste in un raggio di 30 km dalla centrale nucleare, è attentamente sorvegliato e permesso soltanto a chi vi lavora o vi si deve recare per motivi scientifici o documentaristici, e anche in questi casi per periodi di tempo limitati.

In questa zona si trova anche la città di Pripyat, diventata suo malgrado famosa per i suoi edifici spettrali, dove ancora si possono vedere gli oggetti abbandonati dalla popolazione in fuga (per lo meno, quelli che hanno resistito allo sciacallaggio), come congelati nel tempo.

Per rendersi conto di persona della portata del grave incidente nucleare oggi si può effettuare una visita virtuale a Pripyat grazie all'ultimo titolo per PlayStation VR, il Chernobyl VR Project, che sarà presto disponibile.

I realizzatori del progetto hanno ottenuto il permesso di recarsi sul posto per ottenere immagini e scansioni a 360 gradi e tridimensionali della città ucraina abbandonata. Con questo materiale hanno costruito un tour virtuale di dell'area di Pripyat e della zona intorno a Chernobyl.

Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (582 voti)
Leggi i commenti (12)

«Lo sviluppo» - spiegano gli autori - «si è concentrato sulla trasmissione di come fosse davvero trovarsi lì. Si torna indietro nel tempo fino al 26 aprile 1986 per testimoniare le storie dei cittadini e dei lavoratori di Chernobyl».

Chernobyl VR Project è disponibile anche Samsung Gear VR, Htc Vive e Oculus Rift.

Qui sotto, il trailer.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) sotto o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

NO QUESTO ARTICOLO NON MI E' PIACIUTO. MI HA LASCIATO DELL'AMARO IN BOCCA . MA SERVE PER RIFLETTERE SU COME NOI ESSERI UMANI ABBIAMO IL POTERE DI DISTRUGGERE QUESTO NOSTRO UNICO PIANETA ABITABILE. :(
27-8-2017 17:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News (P.Iva 06584100967). Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale diventerÓ realtÓ per prima?
Le aule intelligenti: conosceranno gli alunni e offriranno un'esperienza di apprendimento personalizzata ed efficace.
Torneremo a fare la spesa sotto casa: i negozi uniranno la varietÓ degli acquisti online al piacere di fare acquisti direttamente in un posto conosciuto.
Useremo il DNA per stabilire terapie su misura: cloud computing e computer congnitivi rendereanno l'esame del DNA veloce ed economico.
Un guardiano digitale sostituirÓ le password: conoscerÓ le nostre abitudini e individuare i tentativi di furto d'identitÓ.
Smart City: le cittÓ faranno arrivare sugli smartphone dei cittadini informazioni personalizzate basate sulle abitudini e le preferenze degli abitanti stessi.

Mostra i risultati (1057 voti)
Novembre 2017
Attenzione: il set-top box con Kodi può ucciderti
Monaco abbandona Linux e LibreOffice e torna a Windows
iPhone X paralizzato dal freddo: lo schermo smette di funzionare
In prova: Amazon Fire Tv Stick - Basic Edition
iPhone X, campione di fragilità
Licenziato per aver detto la verità
Arriva il DVB-T2, dovremo cambiare il televisore: come scegliere quello giusto
Windows 10 non sarà più gratuito
Ottobre 2017
Youtuber svela l'iPhone X in anteprima e fa licenziare il padre da Apple
Amazon Key dà al corriere le chiavi di casa
Come far risorgere le app cancellate dal Fall Creators Update
Malware per violare i bancomat in vendita nel dark web
Ceo di GitHub: i programmatori sono condannati all'estinzione
Il ransomware per Android che blocca lo smartphone due volte
Il falso Adblock che ha ingannato decine di migliaia di utenti
Tutti gli Arretrati


web metrics