Visitare Chernobyl con la realtà virtuale

Il Chernobyl VR Project porta indietro nel tempo fino al 26 aprile 1986.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-08-2017]

chernobyl vr project

A oltre trent'anni dal famigerato disastro disastro di Chernobyl, la zona maggiormente colpita dalle radiazioni è tuttora disabitata, e lo sarà per molto tempo ancora.

L'accesso alla cosiddetta zona di alienazione, che comprende tutte le aree poste in un raggio di 30 km dalla centrale nucleare, è attentamente sorvegliato e permesso soltanto a chi vi lavora o vi si deve recare per motivi scientifici o documentaristici, e anche in questi casi per periodi di tempo limitati.

In questa zona si trova anche la città di Pripyat, diventata suo malgrado famosa per i suoi edifici spettrali, dove ancora si possono vedere gli oggetti abbandonati dalla popolazione in fuga (per lo meno, quelli che hanno resistito allo sciacallaggio), come congelati nel tempo.

Per rendersi conto di persona della portata del grave incidente nucleare oggi si può effettuare una visita virtuale a Pripyat grazie all'ultimo titolo per PlayStation VR, il Chernobyl VR Project, che sarà presto disponibile.

I realizzatori del progetto hanno ottenuto il permesso di recarsi sul posto per ottenere immagini e scansioni a 360 gradi e tridimensionali della città ucraina abbandonata. Con questo materiale hanno costruito un tour virtuale di dell'area di Pripyat e della zona intorno a Chernobyl.

Sondaggio
Una ricerca dell'UniversitÓ di Lund (Svezia) mostra che avere un bambino costa al Pianeta l'emissione di 58,6 tonnellate di CO2 l'anno. In proporzione, si tenga conto che non avere l'auto fa risparmiare 2,4 tonnellate di CO2, l'essere vegani 0,8 tonnellate ed evitare un viaggio aereo 1,6 tonnellate. Lo studio conclude che una famiglia che sceglie di avere un bambino in meno contribuisce alla riduzione di emissioni di CO2 quanto 684 teenager che decidono di adottare un comportamento ecologista per il resto della vita. Cosa ne pensi?
╚ corretto. Far˛ meno figli.
Sono pazzi questi svedesi.

Mostra i risultati (1112 voti)
Leggi i commenti (14)

«Lo sviluppo» - spiegano gli autori - «si è concentrato sulla trasmissione di come fosse davvero trovarsi lì. Si torna indietro nel tempo fino al 26 aprile 1986 per testimoniare le storie dei cittadini e dei lavoratori di Chernobyl».

Chernobyl VR Project è disponibile anche Samsung Gear VR, Htc Vive e Oculus Rift.

Qui sotto, il trailer.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (2)

{Oggi Ŕ un altro po}
Disabitata ma turistica: link Sicura con le dovute precauzioni.
12-11-2018 20:22

NO QUESTO ARTICOLO NON MI E' PIACIUTO. MI HA LASCIATO DELL'AMARO IN BOCCA . MA SERVE PER RIFLETTERE SU COME NOI ESSERI UMANI ABBIAMO IL POTERE DI DISTRUGGERE QUESTO NOSTRO UNICO PIANETA ABITABILE. :(
27-8-2017 17:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Immaginiamo un mondo popolato dalle auto di Google: senza pilota, senza sterzo e senza pedali. Qual Ŕ il maggior svantaggio? (vedi anche i vantaggi)
L'auto di Google Ŕ veramente brutta! Pi¨ che un auto Ŕ un'ovovia.
Ci toglierÓ il piacere di guidare e la nostra vita sarÓ un po' pi¨ triste.
AvrÓ un costo non sostenibile per la maggior parte degli utenti.
Ci sarÓ maggior traffico: con un'auto senza pilota il trasporto privato verrebbe incentivato rispetto al trasporto pubblico.
Il Gps incorporato potrebbe non essere efficiente, costringendoci a fare percorsi pi¨ lunghi o pi¨ lenti o addirittura non portandoci mai a destinazione.
Ho timori soprattutto per la privacy: le auto di Google potranno collezionare dati su come mi sposto e quando.
In caso di incidente con nessuno al volante, non Ŕ chiaro di chi sarÓ la responsabilitÓ civile. E a chi tocca pagare l'assicurazione? All'utente o a Google? O allo Stato?
SarÓ esposta ad attacchi hacker o terroristici: di fatto avremo minore sicurezza sulle strade.
Se il sistema prevede un urto inevitabile, potrebbe trovarsi di fronte a scelte etiche insormontabili. Uccidere un anziano o un bambino? Due uomini o un bambino? Un uomo o una donna? Uscire di strada o urtare altri veicoli o pedoni? Andare addosso a un SUV o a un'utilitaria?
Rispetto alle auto tradizionali impiegheranno troppo tempo ad arrivare a destinazione, non potendo superare i limiti di velocitÓ o fare manovre azzardate.
I tassisti non esisteranno pi¨: giÓ immagino le loro legittime proteste.

Mostra i risultati (1822 voti)
Settembre 2019
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Windows 10, errori nel patch Tuesday di agosto
Tutti gli Arretrati


web metrics