Microsoft rilascia SQL Server per Linux, Stallman la attacca

Per il padre del software libero il gigante di Redmond finge di amare Linux, ma vuole distruggerlo.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 26-09-2017]

stallman microsoft linux

Microsoft ama Linux: l'aperta dichiarazione d'amore risale a qualche anno fa, quando il colosso di Redmond decise di non considerare più il sistema del pinguino come un deprecabile nemico da abbattere, ma come un alleato.

Alcuni si sono convinti della sincerità di Microsoft, che per dar prova della propria volontà nel tempo ha iniziato a contribuire a progetti open source su GitHub, è entrata nella Linux Foundation e ha pubblicato il Windows Subsystem for Linux (WSL), con cui è possibile eseguire diversi programmi appartenenti alle maggiori distribuzioni Linux all'interno di Windows 10.

Ora, in occasione della Ignite Conference, ha annunciato SQL Server 2017 per Linux, una mossa ventilata già oltre un anno fa con la benedizione di Red Hat e Canonical.

Mentre accadeva tutto questo, altri sono sempre rimasti sospettosi, convinti che non sia l'atteggiamento di Microsoft nei confronti di Linux a essere cambiato, ma la strategia: anziché un attacco frontale, il gigante avrebbe cercato di farsi amico il pinguino per poi pugnalarlo alle spalle.

Di quest'avviso pare essere anche Richard Stallman, che in un'intervista ha svelato chiaramente la propria posizione: è convinto che Microsoft stia agendo per abbracciare ed estinguere il mondo del software libero.

«Sembra proprio che sia così. Ma non riuscirà a estinguerci tanto facilmente, perché le nostre ragioni per usare e sviluppare il software libero non si limitano a una convenienza pratica» ha dichiarato Stallman.

Il cuore del movimento del software libero è infatti la libertà (di eseguire, di copiare, di distribuire, di studiare, di modificare e di migliorare il software), e Windows è l'esatto contrario di questo concetto.

«Noi vogliamo la libertà» ha affermato Stallman. «E Windows è l'esatto opposto di un uso libero dei computer».

Sondaggio
Quale tra questi due candidati assumeresti?
Il primo ha più esperienza e competenze specifiche.
Il secondo è particolarmente brillante e ha un grande potenziale.

Mostra i risultati (812 voti)
Leggi i commenti (2)

Il WSL e l'arrivo di SQL Server per Linux sarebbero, in questa visione, un ulteriore passo verso il seppellimento del free software: abituandosi a usare gli strumenti di Linux sotto Windows, o familiarizzando con il software closed source in ambiente open source, gli utenti verrebbero sempre più spinti verso l'abbraccio soffocante di Microsoft, dal quale alla fine non riuscirebbero più a liberarsi.

Si tratta di una posizione opposta rispetto a quella di Mark Shuttleworth, CEO di Canonical (l'azienda che sviluppa Ubuntu): «Non è che Microsoft ci stia rubando i giocattoli» ha ribattuto Shuttleworth. «Più che altro li stiamo condividendo con Microsoft per regalare a chiunque la migliore esperienza possibile».

«Molti nostri utenti già lavorano su molte diverse piattaforme e molti diversi dispositivi, con Ubuntu che siede alla pari con altre tecnologie. Personalmente, mi aspetto che WSL abbia un impatto molto positivo sullo sviluppo dell'open source» conclude Shuttleworth.

Al di là delle questioni tecniche, per Stallman quel che è importante è il principio alla base di ogni scelta, che la collaborazione con i sistemi chiusi snaturerebbe.

«La questione importante è ciò che possiamo fare, e ciò che dobbiamo fare, per una società libera» afferma il padre del software libero.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Azure Sphere OS, la prima versione di Linux targata Microsoft
Microsoft entra nella Linux Foundation
25 anni di Linux
Microsoft annuncia SQL Server per Linux

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 10)

MariaDB è il fork opensource di MySQL e volendo esiste anche Firebird che è il fork di Interbase e comunque MySQL community continua ad essere GPL Leggi tutto
3-10-2017 16:55

L' unica decisione spetta al mondo libero nato per contrastare i codici chiusi e "lo smercio di fruibilità", il mondo open è nato con dei valori. Immagino che Stallman abbia le sue ragioni e tutti questi anni non hanno mai dato torto alle sue idee che qualcuno bolla come strmpalate, gnu e kernel linux ne è la prova... ... Leggi tutto
29-9-2017 13:31

adesso sto fuori dal giro db, ma maria a che punto è?
29-9-2017 12:23

My sql e oracle non sono Open source, da quando oracle ha acquistato SN non c'è più un DB open adeguato(rimane solo postgresql ma lo usano in pochi). se oracle gira su Linux non vedo perché non debba girare sql server Leggi tutto
28-9-2017 17:39

Non vedo perché Microsoft non dovrebbe tentare di vendere i suoi prodotti ovunque questo sia possibile. Saranno poi i responsabili delle infrastrutture tecniche a decidere se è il caso di mettere MSSQL su Linux, usare altri DBMS o se magari provare a spostare alcuni MSSQL da Windows a Linux...
28-9-2017 16:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Cosa pensi dei siti che conoscono la tua ubicazione e che ti mostrano annunci pubblicitari in base ai siti Internet che visiti o alla cronologia delle tue ricerche?
Mi piace! È molto comodo
Non mi piace molto questo meccanismo ma Internet funziona così
Utilizzo opzioni specifiche del browser per salvaguardare la mia privacy e per evitare che i miei movimenti vengano controllati
Ho installato una speciale applicazione o un plug-in per evitare che i siti Internet ottengano la mia cronologia di navigazione e le mie ricerche
È una questione che non mi ha mai interessato

Mostra i risultati (1465 voti)
Luglio 2018
Google accusa la UE: Android rischia di non essere più libero
L'attacco che inganna il GPS con mappe false e manda fuori strada
Adesso che si fa? Strategie mitiganti
Bollette di 30 giorni, ma a vincere sono sempre i gestori telefonici
L'industria petrolifera semina disinformazione sulle auto elettriche
The Firefox Monitor ti svela se i tuoi dati sono stati hackerati
Giugno 2018
Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento
Usare la batteria dello smartphone per rubare i dati
Bug in Windows 7, Microsoft si arrende e toglie il supporto alle vecchie CPU
PeerTube: come YouTube, ma senza censura e basato su BitTorrent
Come si fa a leggere i messaggi cifrati di WhatsApp e Telegram? Non è difficile
Come sarebbe Windows 7 se fosse nato nel 2018?
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Come si riconosce un video Deepfake? A occhio
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Tutti gli Arretrati


web metrics