L'update di macOS che riapre la falla in High Sierra

Se si installa macOS 10.13.1 dopo la patch relativa all'ultimo bug, la vulnerabilità ricompare.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-12-2017]

macos high sierra bug

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
Falla in macOS, chiunque può accedere senza password

Non è ancora finita la storia del bug imbarazzante in macOS, che consentiva a chiunque di accedere come root senza nemmeno dover inserire una password.

Pare che tutto dovesse concludersi con il rilascio della patch ma invece, non appena la correzione è stata pubblicata, gli utenti hanno iniziato a notare che la falla veniva sì chiusa, ma in compenso smetteva di funzionare la condivisione dei file.

Così Apple ha dovuto rilasciare un secondo aggiornamento, e finalmente pareva che la vicenda fosse risolta.

Invece poi è arrivato macOS 10.13.1, e i guai sono ricominciati: l'aggiornamento del sistema infatti vanifica il lavoro della patch, riaprendo la falla.

Sembra che Apple avesse in mente un ordine ben preciso per l'installazione dei due aggiornamenti (la correzione del bug e quello complessivo del sistema) ma si sia scordata di informarne gli utenti.

Sondaggio
Qual è la cosa più importante per te in un sito Internet?
Estetica
Interattività
Contenuti
Usabilità
Gratuità

Mostra i risultati (2763 voti)
Leggi i commenti (10)

Quanti che installano prima macOS 10.13.1 e poi la patch non riscontrano problemi: alla fine del processo nel loro Mac non c'è più traccia della vulnerabilità che era presente invece in macOS 10.13.0.

Chi invece installa prima la patch e poi l'update del sistema si trova ad avere a che fare nuovamente con il bug: per eliminarlo è necessario installare un'altra volta la patch.

C'è poi un altro dettaglio importante che non è stato comunicato: per completare l'installazione della correzione è necessario riavviare il sistema.

Dato che molti utenti non spengono il proprio Mac per giorni o addirittura settimane, limitandosi ad affidarsi alla sospensione, ecco che il bug resta attivo anche se la patch è stata installata, poiché è il riavvio che la rende efficace.

Conscia dei problemi e della confusione che questo scenario ha generato negli utenti, Apple ha aggiornato la pagina di supporto relativa, che ora contiene tutte le informazioni necessarie.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (1)

Bontà loro! :wink: E c'è gente che continua a pagare fior di quattrini per questa serie di figuracce che farebbero impallidire anche M$... :umpf: Leggi tutto
6-12-2017 19:15

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è il motivo principale che ti può far desistere (oppure no) dal compiere un acquisto online?
La scarsa accessibilità del sito di ecommerce.
I tempi di consegna non certi.
La scomodità di dover rimanere a casa o di dover concordare la consegna con il corriere.
La possibilità che il pacco vada perso, se la spedizione non è tracciata.
La poca fiducia riposta nel negozio online.
Il prezzo maggiore del prodotto.
Le spese di spedizione elevate.
Il sovrapprezzo applicato per la spedizione contrassegno.
La scomodità di dover rispedire il pacco qualora la merce ricevuta sia danneggiata o difettosa.
La maggior difficoltà a far valere le condizioni di garanzia.
L'impossibilità di trattare sul prezzo o di chiedere uno sconto.
La poca fiducia riposta nei sistemi di pagamento online disponibili.

Mostra i risultati (2323 voti)
Luglio 2021
Windows 10, svelato l'aggiornamento 21H2
Zitto zitto, il Parlamento Europeo vara la sorveglianza di massa di tutte le email
La UE ci riprova col caricabatterie unico
Stuxnet, il virus informatico più distruttivo della storia
Windows 11, niente update da Windows 7 e 8.1
Falla critica nel sistema di stampa di Windows, e la patch ancora non c'è
Un assaggio del nuovo Office, riprogettato per Windows 11
Giugno 2021
Windows 11, il mio PC riuscirà a eseguirlo?
Windows 11, non abbiate fretta di installarlo
Un blackout informatico molto, molto canadese
Windows 11 sarà più veloce di Windows 10
Windows 11, l'update da Windows 7 e 8 sarà gratis
Windows 11, l'ISO del sistema finisce in Rete
Windows 11, i primi screenshot sfuggono in Rete
Tutti gli indizi che puntano a Windows 11
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 24 luglio


web metrics