L'app per il fitness svela le basi militari segrete in tutto il mondo

Sembra innocua ma è in realtà una minaccia alla sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-02-2018]

strava01

I più attenti alla propria privacy da tempo lamentano il tracciamento continuo che gli smartphone operano nei confronti dei loro utenti.

Generalmente, prese di posizione come questa fanno venire in mente l'uso dei dati personali a fini pubblicitari: non si pensa certo che possano costituire minacce alla sicurezza.

Eppure le forze armate di molti Paesi hanno di recente avuto un piccolo attacco di panico proprio a causa del tracciamento dei soldati da parte di un'apparentemente innocua app per il fitness.

L'app in questione si chiama Strava, si usa in collaborazione con dispositivi indossabili quali il Fitbit e ha da poco pubblicato una 2017 heat map.

Essa mostra le attività di tutti gli utenti del mondo (dove essi corrono, nuotano, passeggiano e via di seguito), segnando con colori via via più caldi i percorsi seguiti più di frequente (da qui il nome di heat map, ossia mappa del calore).

Strava ha agito in buona fede, ma senza volerlo ha rivelato anche quanto non avrebbe dovuto: dato che all'interno del suo miliardo di utenti ci sono anche dei soldati, la mappa contiene anche le posizioni di diverse basi militari sparse nel globo, comprese alcune basi segrete degli Usa.

Sono state così individuate basi militari statunitensi in Afghanistan e Siria e una possibile base della Cia in Somalia, ma anche una base della RAF nelle Falkland e alcune basi russe.

Come ha spiegato l'analista Nathan Ruser, la mappa consente di scoprire i percorsi che i militari usano regolarmente per fare jogging e dedurre le loro abitudini: un potenziale serio problema per la sicurezza.

Secondo un esperto intervistato dal Washington Post, poi, la pubblica disponibilità di questi dati potrebbe addirittura facilitare la pianificazione di «un attacco o di un'imboscata alle truppe americane nelle vicinanze della base, o al suo interno» da parte di forze nemiche.

Altri esperti ritengono che sia possibile anche de-anonimizzare i dati raccolti dall'app, arrivando fino ai nomi dei singoli utenti.

Strava, dal canto proprio, ha tenuto a precisare che esiste una funzione che permette di disattivare il tracciamento, e che l'app può essere impostata per disattivarsi automaticamente nelle aree che l'utente può indicare come private.

strava02

Al di là delle conseguenze sulle operazioni militari, l'incidente è un ottimo promemoria per ogni utente: quando qualcuno afferma che l'uso dei certe app e certi dispositivi consegna al pubblico - potenziali malintenzionati inclusi - informazioni che dovrebbero rimanere riservate non si tratta soltanto di un modo di dire, o di una paranoia.,

Quanto alle forze armate, dovranno presto fare i conti con queste tecnologie, addestrando il personale a custodire maggiormente la propria privacy e forse arrivando a vietare o limitare l'uso di smartphone e dispositivi indossabili in certe zone.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Localizzare uno smartphone anche a GPS spento si può
Gli assistenti vocali per la casa? Ottimi sonar per spiare gli abitanti
Facebook traccerà gli utenti quando entreranno nei negozi degli inserzionisti
Come i centri commerciali tracciano i movimenti degli utenti
Il tracciamento degli amici anche su Facebook

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Su questo posso solo essere completamente d'accordo. In realtà, però, ho l'impressione che si sia fatto tanto rumore per poco o nulla, ritengo che chi intende preparare attentati o altre azioni contro basi militari o singoli militari in zone "calde" o fredde che siano non abbia bisogno di affidarsi ad un'app ed ai relativi... Leggi tutto
3-2-2018 15:45

Domanda tipica di chi non ha mai usato un software del genere. Innanzitutto è molto comodo il cloud, per i semplici e soliti motivi: copia di backup, nessun bisogno di salvataggi in caso di cambi di dispositivo, ecc. in secundis che io sappia tutte le app del genere (ma io ne ho usate soltanto una manciata, prima di fermarmi: ora uso... Leggi tutto
1-2-2018 14:40

perchè all'utente medio non frega niente di nascondere ad altri da dove parte e che giro fa; ci sono stati casi in cui gente aggiungeva tra gli amici atleti a caso solo per vedere dove abitavano e andare a fregargli la bici da corsa da 10.000 euro.. da qui è nata l'impostazione della zona di privacy (che in genere coincide con la... Leggi tutto
1-2-2018 14:38

Per il fatto di monitorare le attività fisiche, che bisogno c'è di farlo nel Cloud? Non basta avere i dati offline per valutare i progressi? Riguardo l'app (non solo strava...); perché certe opzioni, specialmente quelle sulla privacy, sono attivate di default anziché farle attivare volutamente dall'utente/utonto? Leggi tutto
1-2-2018 14:04

Dariuzzo non hai risposto alla domanda dell'altro utente, a cosa serve far sapere al resto del mondo dove si corre? Mica è obbligatorio farlo per avere i servizi di cui parli!
1-2-2018 12:25

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (329 voti)
Novembre 2018
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Il bug di Windows 10 Pro che spinge gli utenti a passare alla versione Home
Il primo ibrido smartphone-tablet che si piega davvero
Microsoft abolisce il servizio Hotfix per Windows
Visita 9.000 siti a luci rosse dall'ufficio e infetta l'intera rete aziendale
Google si allea con iRobot per mappare le case degli utenti
Surriscaldamento globale entro 15 anni, per colpa dei Bitcoin
Ottobre 2018
IBM compra Red Hat Linux per 34 miliardi di dollari
La SIM che si connette direttamente a TOR
Adottando uno smart meter si può far calare la bolletta del 20 per cento
Ladri rubano una Tesla Model S armati soltanto di tablet e smartphone
Giovanissimi in fuga da Facebook
Tutti gli Arretrati


web metrics