macOS 10.14 Mojave è più vicino a iOS: funzionano anche le app per iPhone

Arriva il dark mode, per usare il sistema in condizioni di luce scarsa.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 06-06-2018]

MacOS Mojave

Si chiama Mojave, come il deserto della California, la nuova versione di macOS che Apple ha presentato in occasione della Worldwide Developers Conference e che porta il numero 10.14.

Tim Cook, Ceo di Apple, ha presentato macOS 10.14 come un'edizione che porta novità per tutti, sia gli utenti domestici che quelli professionali. Non si tratta necessariamente di grandi cambiamenti: in alcuni casi sono piuttosto piccole migliorie.

Per esempio, la dimostrazione s'è aperta con una piccola comodità attesa da tempo: il dark mode, un tema ufficiale a colori scuri che rende l'intero sistema più adatto all'uso in condizioni di luce scarsa, come quelle in cui si trova a lavorare chi preferisce sedere davanti al Pc di notte.

Un altro cambiamento dell'interfaccia è la possibilità di organizzare le icone sul desktop in più livelli sovrapposti (Desktop Stacks) anche in modo automatico, come per esempio per tipo di documento, o per data.

Il Finder guadagna una nuova modalità di visualizzazione chiamata Galleria, che permette di mostrare a tutta finestra il file selezionato: è in questo modo possibile vedere l'anteprima di una fotografia o un documento, con i metadati mostrati a fianco.

Sebbene, come non molto tempo fa Tim Cook ha pubblicamente dichiarato, macOS e iOS non siano destinati nel breve periodo a fondersi in un'unica, nuova creatura, Mojave compie comunque qualche passo in direzione di iOS.

mojave dark mode
La modalità notturna

Con questa versione, infatti, macOS ottiene diverse app che finora erano assenti sui desktop ma invece erano presenti su iPhone e iPad, come Apple News, Stocks, Memo Vocali e Home, che permette di integrare il Mac nei sistemi di domotica di Apple.

Dal punto di vista della sicurezza, Craig Federighi, vicepresidente di Apple, ha spiegato che molti elementi del sistema sono stati migliorati al fine di garantire agli utenti maggiore controllo sui loro dati e sul modo in cui questi sono utilizzati dalle applicazioni.

mojave desktop stacks
I "desktop stacks"

Sempre sullo stesso versante, Safari ora dispone di nuove misure per proteggere dal tracking online che, nelle parole di Federighi, promettono di porre fine per sempre a questa pratica grazie al blocco degli script intrusivi.

Vengono inoltre automaticamente limitate le informazioni che i siti possono richiedere ai browser, evitando in tal modo che dai dati recuperati da Safari si possa ottenere un profilo preciso dell'utente: a guadagnarne è quindi l'anonimato.

Sondaggio
Quanto sei disposto a pagare per l'acquisto di prodotti per la ''casa intelligente'' nei prossimi 12 mesi?
Fino a 150 euro
Fino a 250 euro
Fino a 500 euro
Fino a 1000 euro
Oltre 1000 euro
Non sono sicuro

Mostra i risultati (720 voti)
Leggi i commenti (6)

Un ulteriore punto in cui si evidenzia una certa convergenza tra mondo desktop e mondo mobile è l'App Store: il Mac App Store è stato aggiornato sia nell'aspetto che nelle funzionalità, arrivando ad assomigliare all'App Store di iOS.

La presentazione si chiude con la domanda che tutti, a quel punto, si stavano facendo: «Fonderete iOS a macOS?». La risposta è un chiaro «No» anche da parte di Federighi.

L'idea è invece che a un certo punto le app di iOS possano funzionare anche su macOS (ma quel momento non è ancora arrivato) grazie alle fondamenta simili dei due sistemi, che tuttavia resteranno separati.

Mojave è ora disponibile in versione beta per gli sviluppatori. La data di lancio al grande pubblico non è stata ancora indicata, mentre si sa che nel 2019 verranno forniti gli strumenti necessari a portare le app di iOS verso macOS.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
E' corretto utilizzare i social network in ufficio?
Sì, perché offrono numerose occasioni per migliorare la propria produttività.
Sì, perché sono strumenti validi per condividere opinioni lavorative con amici e colleghi.
Sì ma con moderazione: una pausa di cinque minuti ogni tanto allenta la tensione e migliora la produttività.
No, perché la commistione tra aspetti privati e professionali generata dall'utilizzo di questi strumenti potrebbe causare problemi sul posto di lavoro.
No, perché non è corretto scambiare opinioni relative a questioni lavorative attraverso i social media.
No, perché hanno un impatto negativo sulla produttività.
Non saprei.

Mostra i risultati (1841 voti)
Dicembre 2018
Italia, carta d'identità obbligatoria per iscriversi ai social network
Mail di porno-estorsione, versione italiana: siamo ai saldi
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale 24 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tutti gli Arretrati


web metrics