Bug in Facebook rende pubblici i post privati di 14 milioni di utenti

Correte a ricontrollare i vecchi post.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2018]

facebook bug post pubblici privati

È bastato un piccolo bug e i post di 14 milioni di utenti di Facebook da privati sono diventati pubblici.

Il problema s'è verificato tra il 18 e il 27 maggio scorsi, mentre il social network stava testando un nuovo sistema di condivisione dei contenuti.

Ebbene i post creati in quel periodo da milioni di utenti sono stati erroneamente contrassegnati come pubblici anche quand'erano privati, o destinati a una cerchia ristretta di amici.

È stata Erin Egan, responsabile dalla privacy di Facebook, ad annunciare la scoperta del bug e le conseguenze che ha avuto sui contenuti di milioni di persone, alle quali in queste ore Facebook sta recapitando un messaggio personalizzato per spiegare quanto accaduto.

«Ogni volta che condividete qualcosa su Facebook» - spiega Egan - «vi mostriamo un selettore di pubblico per permettervi di decidere chi potrà vedere quel post. Esso si basa sulle persone con le quali è stata attivata la condivisione l'ultima volta che qualcosa è stato postato».

Sondaggio
Sei mai stato escluso da una bacheca Facebook di un amico?
No, mai.
S, da un mio ex partner.
S, da una donna o da un uomo che ho corteggiato insistentemente.
S, per le mie idee in politica.
S, per un commento relativo al calcio.
S, per una critica.
S, senza un motivo apparente.
Non uso Facebook.

Mostra i risultati (1359 voti)
Leggi i commenti (28)

In pratica, se tutto funziona come dovrebbe, quando si crea un nuovo post Facebook va a guardare con quanta gente era stato condiviso quello precedente: se era privato, allora anche quello nuovo sarà contrassegnato come privato. Se era invece pubblico, allora anche quello nuovo sarà pubblico, a meno di un intervento manuale da parte dell'utente.

«Il bug» - continua Erin Egan - «si è verificato mentre stavamo realizzando un nuovo sistema per condividere i contenuti in evidenza presenti sul profilo, come una fotografia. Dato che questi contenuti sono pubblici, il suggerimento per tutti i nuovi post - e non solo quelli con quei contenuti - è stato impostato a "pubblico"».

Il bug è stato ora individuato e corretto, e le impostazioni di condivisione indicate dagli utenti sono state ripristinate al modo in cui sarebbero dovute essere sin dal principio, ma «eccedendo in cautela» il sito in blu invita gli utenti a controllare le impostazioni di condivisione per tutti i post inseriti tra il 18 e il 27 maggio 2018.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Lo strano bug di Android che visualizza gli Sms quando si fanno ricerche nel web
Il bug in WhatsApp che permette agli utenti bloccati di importunarci
Manderesti le tue foto osé a Facebook per prevenire il revenge porn?
Facebook cancella stage a studente che segnalò grave problema di privacy
Scopre un bug in Facebook e viola l'account di Zuckerberg
Facebook, un bug diffonde i dati di sei milioni di utenti
Facebook e il bug che pubblica i messaggi privati
Bug di Facebook, foto private accessibili con un trucco
Bug in Facebook, dati personali pubblici per anni
Bug in Facebook rende pubbliche le chat

Commenti all'articolo (2)

Pubblicare notizie dei fail di FB non mi sembra una crociata contro FB... :wink: Eppoi se anche fosse avrebbe il mio plauso. :lol:
11-6-2018 18:48

Vabe'...si capito Zeusnews ha iniziato una crociata anti Facebook :D
11-6-2018 13:24

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual il tuo browser preferito?
Internet Explorer
Firefox
Chrome
Safari
Opera
Un altro

Mostra i risultati (11275 voti)
Giugno 2018
Non tutti i cybercriminali sono dei geni del male
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Come si riconosce un video Deepfake? A occhio
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Lo smartphone pieghevole di Samsung con doppio display
Pseudoscienza al potere oggi: Sud Africa, Spagna, Stati Uniti
Windows 10, il 50% degli utenti ha dovuto pagare un tecnico per i problemi dell'aggiornamento
Ubisoft: ''Le console sono destinate a sparire: ancora una generazione e poi basta''
Bug in Facebook rende pubblici i post privati di 14 milioni di utenti
Microsoft affonda i datacenter per tenerli freschi
L'auto volante di Larry Page: si impara a guidare in meno di un'ora
Microsoft compra GitHub e i programmatori scappano
Il primo attacco informatico della storia... nel 1834?
Medico fa causa a paziente per una recensione negativa online
L'attacco sonico che manda in crash il sistema e rovina gli hard disk
Tutti gli Arretrati


web metrics