Agraloop trasforma gli avanzi di cibo in fibre tessili

Bucce di banana e foglie d'ananas diventano vestiti.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 04-07-2018]

agraloop

Meno di sessant'anni fa, il 97% delle fibre usate per produrre i vestiti era di origine naturale. Oggi, con l'adozione sempre più vasta delle fibre artificiali, tale porzione è scesa al 35%.

Circular Systems è un'azienda che si occupa di sviluppare nuovi materiali e che si è resa conto di come andare avanti a utilizzare fibre artificiali non sia, sul lungo periodo, sostenibile, né per l'ambiente né dal punto di vista economico.

Gli scienziati di Circular hanno quindi pensato a individuare una nuova fonte che permetta di produrre fibre in abbondanza senza incidere negativamente sull'ecologia, e l'hanno trovata nei rifiuti organici.

È nata così Agraloop Bio-Refinery, una tecnologia che trasforma gli avanzi di cibo e i residui delle coltivazioni - dalle buccce di banana agli steli della canapa, passando per le foglie di ananas e altro ancora - in fibre naturali che possono essere poi tessute per creare vestiti.

«Vogliamo che le colture alimentari diventino la nostra fonte primaria di fibre» spiega Isaa Nichelson, co-fondatore e Ceo di Circular Systems.

Sondaggio
La cosiddetta green economy genera nuova ricchezza e aumenta sempre di più. Secondo te:
E' un sintomo di vera innovazione.
Significa che bisogna ripensare il concetto di sviluppo.
Lo sviluppo economico non può fare a meno dello sfruttamento ambientale.
E' la prova che economia e ambiente possono andare di pari passo.
E' solo una speculazione temporanea.

Mostra i risultati (3441 voti)
Leggi i commenti (6)

Secondo i calcoli condotti dall'azienda, l'utilizzo dei materiali di scarto citati, uniti a zucchero di canna e steli di lino, può consentire di produrre fino a 250 milioni di tonnellate di fibre ogni anno tramite Agraloop. Si tratta di due volte e mezzo la domanda mondiale di fibre per la tessitura.

L'idea è che ogni agricoltore possa dotarsi di un sistema Agraloop e trasformare direttamente gli scarti in fibre sostenibili, ottenendo in tal modo anche un guadagno da ciò che altrimenti andrebbe buttato.

La tecnologia Agraloop - spiega ancora Nichelson - «è un sistema rigenerativo che usa la chimica delle piante e energia derivata dalle piante per potenziare le fibre, arricchendo allo stesso tempo le comunità locali e creando un nuovo sistema economico».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La centrale elettrica che brucia vestiti H&M
La lavatrice che fa il bucato in cinque minuti netti, senza elettricità
Il tessuto che genera elettricità col vento e col sole
Il giubbotto a energia solare che si autoriscalda
La tecnologia ha creato più posti di lavoro di quanti ne ha distrutti
La lavatrice a pedali
Drumpants 2.0 per tamburellare sui pantaloni
I vestiti che bloccano la ricezione dei telefonini
La maglietta che tiene sott'occhio battito cardiaco, calorie e stress
I vestiti indistruttibili antistupro

Commenti all'articolo (3)

Dopo l'abbuffata dei derivati del petrolio la riscoperta di canapa & Co. A quando quella dell'acqua calda? :roll:
7-7-2018 14:23

già avevamo in tempi passati i tessuti di fibra vegetale e tante altre cose, - le vele delle navi - le gomene delle navi - le corde - le famose divise delle Giacche Blu Nordiste USA - la stessa carta di Dichiarazione d'indipendenza degli Stati Uniti d'America - la carta moneta appunto fatta con carta speciale etc etc qual'era ed è... Leggi tutto
7-7-2018 12:53

Ottimo titolo clicbait :evil: Leggi tutto
6-7-2018 14:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale di questi grandi trend dominerà maggiormente il mercato dell'Information & Communication Technology nei prossimi due anni?
Cloud Computing
Mobility
Virtualizzazione
Sicurezza e Risk Management
Energy Efficiency
Business Intelligence
Big Data

Mostra i risultati (1229 voti)
Luglio 2018
Adesso che si fa? Strategie mitiganti
Bollette di 30 giorni, ma a vincere sono sempre i gestori telefonici
L'industria petrolifera semina disinformazione sulle auto elettriche
The Firefox Monitor ti svela se i tuoi dati sono stati hackerati
Giugno 2018
Facebook, un brevetto per attivare i microfoni degli smartphone a tradimento
Usare la batteria dello smartphone per rubare i dati
Bug in Windows 7, Microsoft si arrende e toglie il supporto alle vecchie CPU
PeerTube: come YouTube, ma senza censura e basato su BitTorrent
Come si fa a leggere i messaggi cifrati di WhatsApp e Telegram? Non è difficile
Come sarebbe Windows 7 se fosse nato nel 2018?
Il malware che infetta Windows 10 e scatta foto del desktop
Come si riconosce un video Deepfake? A occhio
Lucchetto ''smart'' annuncia a tutti la propria password
Lo smartphone pieghevole di Samsung con doppio display
Pseudoscienza al potere oggi: Sud Africa, Spagna, Stati Uniti
Tutti gli Arretrati


web metrics