Lo strano caso della patch per le CPU Intel che vieta di pubblicare benchmark

Forse perché dopo l'installazione le prestazioni precipitano?



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 27-08-2018]

intel patch spectre foreshadow benchmark silenzio

Da quando Meltdown e Spectre hanno iniziato a funestare i processori Intel, periodicamente il gigante dei chip rilascia aggiornamenti al microcodice delle Cpu per impedire gli attacchi che via via vengono sviluppati a partire da quelle falle (e da quelle, a esse legate, scoperte in seguito).

L'ultimo aggiornamento, rilasciato per contrastare la falla nota come Foreshadow (o L1TF), contiene però un problema. Non tanto nel codice in sé, che fa il suo mestiere, ma nella licenza che l'accompagna.

In essa si legge infatti: «Non potete né permetterete ad alcun soggetto di terze parti di pubblicare o fornire alcun benchmark software o risultati di test comparativi».

Insomma, Intel non vuole che dopo l'applicazione della patch vengano rese note informazioni sulle prestazioni dei processori. Il che porta immediatamente a pensare che la patch abbia un effetto nefasto proprio sulle prestazioni, anche perché implica la disattivazione dell'HyperThreading.

Già così, non appena la voce ha iniziato a circolare, tutti si sono improvvisamente interessati alle politiche di rilascio del microcodice Intel, un effetto Streisand che forse il gigante di Santa Clara non aveva previsto.

Poi però la faccenda è diventata anche più nota perché, davanti a a una clausola del genere, Debian Linux s'è trovata impossibilitata a inserire la correzione nella propria distribuzione.

A quel punto è entrata in scena Red Hat che - forse non avendo letto la clausola in questione - ha tranquillamente reso noti i risultati dei benchmark.

«L'impatto sulle prestazioni della disattivazione dell'HyyperThreading dipende da molti fattori. L'impatto rilevato varia da un guadagno del 30% a una perdita del 50% e oltre. La maggior parte dei test HT, in ogni caso, ha mostrato perdite tra lo 0 e il 30%» ha scritto Red Hat.

Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3687 voti)
Leggi i commenti (20)

È facile immaginare come la pubblicazione di tali risultati abbia sollevato nuove critiche, finché Lucas Holt, capo del progetto MidnightBSD, ha affermato senza mezzi termini: «Le prestazioni sono così basse dopo l'installazione dell'ultima patch per Spectre che Intel ha vietato di pubblicare i benchmark».

A questo punto l'imbarazzo presso Intel doveva essere palpabile: aveva ottenuto esattamente l'effetto opposto a quello che desiderava. E così ha rivisto i termini dela licenza.

«Abbiamo semplificato la licenza Intel per rendere più semplice la distribuzione degli aggiornamenti al microcodice della CPU e abbiamo pubblicato qui la nuova versione» ha spiegato Imad Sousou, vicepresidente di Intel, via Twitter.

La variazione? I benchmark non sono più vietati.

Anche Bruce Perens, ex leader del progetto Debian, ora è soddisfatto: la distribuzione può tornare a distribuire il microcodice catalogandolo tra il software non-free.

Quanto alla figuraccia di Intel, Perens ritiene che chi abbia scritto la clausola non avesse idea di come il microcodice viene adoperato, e quali conseguenze la sua decisione avrebbe avuto.

«Non ci si può aspettare che ogni avvocato capisca i processori. A volte bisogna chiacchierare approfonditamente con i tecnici».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Intel, il CEO si dimette. Ma non per i motivi che ci si aspetterebbe
La tecnica che renderà impossibili le falle nei processori
Otto nuove falle come Spectre nei processori Intel. E la patch ancora non c'è
Meltdown e Spectre, la conferma: niente patch per i processori più vecchi
Intel riprogetta i Core di ottava generazione per chiudere la partita con Meltdown e Spectre
13 nuove falle nei processori Amd. Ma forse i ricercatori non la raccontano giusta
Intel: ''Non installate le patch per Meltdown e Spectre''
Bug processori, il rimedio di Microsoft è peggiore del male: la patch blocca i Pc con Amd
Linus Torvalds insulta Intel per il bug nelle Cpu
Meltdown e Spectre, il commento di Kaspersky

Commenti all'articolo (0)


La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è la politica della tua azienda nei confronti dei dispositivi mobili dei dipendenti? Bring Your Own Device oppure Corporate Owned, Personally Enabled?
BYOD
COPE
Non c'è una policy dominante, dipende dagli utenti
Non lo so
Non lavoro in un'azienda

Mostra i risultati (841 voti)
Aprile 2020
Il Dns di Cloudflare guadagna il parental control
Vulnerabilità in Zoom, a rischio le password di Windows
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Tutti gli Arretrati


web metrics