Project xCloud, il gioco in streaming secondo Microsoft



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-10-2018]

microsoft project xcloud

Creare servizi per giocare in streaming sembra davvero essere la moda del momento: dopo il Project Stream di Google ecco che Microsoft lancia Project xCloud.

«Troppo spesso» - affermano a Redmond - «le esperienze di gioco risultano frammentate e confinate all'interno delle potenzialità e dei limiti offerti dai dispostivi utilizzati».

Usando le risorse di Microsoft Azure, invece, si può offrire a chiunque la possibilità di videogiocare senza dipendere dall'hardware a sua disposizione (sia esso console o Pc, ma anche dispositivi mobili), grazie allo streaming.

Al di là delle belle parole, l'idea di fondo è sempre la stessa: trasferire l'elaborazione su dei server remoti e usare i dispositivi degli utenti semplicemente come client "stupidi", contando sulla disponibilità di una banda molto larga dato che il quantitativo di dati da trasmettere per garantire un gioco fluido è tutt'altro che secondario.

Project xCloud è attualmente in fase di test su dispositivi collegati via Bluetooth a un Xbox Wireless Controller.

Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (689 voti)
Leggi i commenti (5)

Perché tutto ciò si trasformi in realtà occorrerà tempo: Microsoft stessa parla di un lavoro «pluriennale». Per iniziare, nel 2019 inizieranno i test pubblici, che consentiranno a Microsoft di mettere alla prova il servizio con volumi e posizioni geografiche differenti.

È comunque sicuro che, considerato lo sviluppo della concorrenza, Microsoft non può permettersi di impiegare troppo tempo: chi fornirà un servizio di qualità in tempi celeri potrà godere di un buon vantaggio per conquistare gli utenti.

Qui sotto, il video di presentazione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google lancia i videogiochi in streaming con Project Stream

Commenti all'articolo (2)

Quoto! Questa è senza dubbio la strada tracciata e già piuttosto ben definita!
13-10-2018 11:42

{THX1138}
Credo che sia ben più della "moda del momento". E' abbastanza chiaro che Google e Microsoft stanno facendo da apripista per portare sistemi operativi e programmi sul cloud, facendo diventare i computer, tablet e quant'altro dei terminali intelligenti. Niente più "pirateria", completo controllo... Leggi tutto
10-10-2018 15:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per cosa soprattutto ti sono utili i social media, sul lavoro?
Per prendermi una pausa dal lavoro
Per comunicare con gli amici e la famiglia mentre sono al lavoro
Per comunicare con i miei contatti professionali
Per trovare informazioni che mi aiutino a risolvere problemi di lavoro
Per costruire o rinforzare relazioni personali con i colleghi o i miei contatti di lavoro
Per scoprire cose sulle persone con cui lavoro
Per porre domande relative al lavoro a persone fuori dalla mia azienda
Per porre domande relative al lavoro a persone dentro la mia azienda

Mostra i risultati (422 voti)
Giugno 2019
Libra, la criptovaluta di Facebook, ufficialmente al via con il wallet Calibra
Se anche Sky usa i sottotitoli pirata
Il CERN lascia Microsoft e passa all'open source
VLC, corrette 33 falle grazie alle ricompense UE
EmuParadise violato, rubati i dati di 1,1 milioni di utenti
Google cambia la ricerca: i siti non appariranno più di due volte
Google Maps, arriva il tachimetro in tempo reale
La visione di Microsoft per un sistema operativo davvero moderno
Microsoft implora gli utenti: installate la patch prima di un altro WannaCry
Il malware che sfugge a ogni individuazione
Maggio 2019
Windows 10, l'aggiornamento di maggio fa cadere la connessione Wi-Fi
Huawei, microSD addio: l'azienda è stata esclusa dalla SD Association
Windows 10, ecco l'aggiornamento di maggio
Gmail, una pagina segreta tiene traccia di tutti gli acquisti fatti
Sedicenne si uccide dopo sondaggio su Instagram
Tutti gli Arretrati


web metrics