Gli occhiali da sole che profumano di caffè e si trasformano in fertilizzante



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 25-10-2018]

21

Sono nati da un'idea del designer Max Gavrilenko gli Ochis Coffee i primi occhiali biodegradabili realizzati con caffè e lino.

Figlio di un ottico, Gavrilenko ha deciso di seguire le orme del padre in maniera però un po' diversa: in luogo dei materiali tradizionali ha deciso di utilizzare, per la montatura, un biopolimero a base di fondi di caffè, polvere di lino e colla naturale ottenuta dalla soia. L'articolo continua qui sotto.

Sondaggio
I sacchetti biodegradabili sono più innovazione o più ecobufala?
Innovazione: faranno risparmiare petrolio e calare l'inquinamento.
Ecobufala: costano di più e per l'ambiente non cambia niente.

Mostra i risultati (3263 voti)
Leggi i commenti (20)
Il risultato è un paio di occhiali che mantiene un percepibile profumo di caffè e la cui montatura è in grado di decomporsi completamente in 10 anni, trasformandosi in fertilizzante per le piante.

Per quanto riguarda le lenti bisogna invece restare a materiali più comuni, ma gli Ochis Coffee, quando saranno in vendita, potranno essere ordinati sia in versione da sole che da vista, in base alle specifiche del cliente.

Perché questi occhiali diventino realtà partirà a breve una raccolta fondi su Kickstarter. I prezzi dei vari modelli andranno poi dai 69 ai 120 dollari.

ochis 1
22

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Le scarpe impermeabili fatte coi fondi di caffè
Gli occhiali che donano la visione del colore ai daltonici
La falsa vendita di beneficienza di Ray-Ban
Arrivano gli occhiali 3D biodegradabili

Commenti all'articolo (1)

Come mossa di marketing mi sembra interessante, mi lascia perplesso il fatto che la montatura mantenga l'odore del caffè...
26-10-2018 18:28

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Se Internet potesse migliorare la tua vita, che cosa vorresti?
Conoscere amici e comunicare
Risparmiare sugli acquisti
Innamorarti
Guadagnare tanti soldi
Imparare (lingue, culture, cucinare, suonare, ecc.)
Lavorare di meno
Altro

Mostra i risultati (3280 voti)
Gennaio 2020
Windows 10: e adesso la pubblicità
Batterie al grafene, ormai ci siamo
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Tutti gli Arretrati


web metrics