Facebook, rubati per colpa del bug i dati personali di 15 milioni di utenti

Le conseguenze sono più gravi di quanto sembrasse inizialmente.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-10-2018]

facebook bug 14 milioni utenti

Sono 15 milioni gli utenti interessati dall'ultima violazione subita da Facebook, conseguenza di quella falla nella funzionalità Visualizza come che aveva consentito di ottenere i token di accesso di 50 milioni di account.

Sebbene il numero di persone coinvolto sia questa volta minore, il problema è più serio: gli hacker sono infatti riusciti a entrare in possesso dei nomi e dei contatti degli utenti, e per 14 milioni di essi i dati rubati contengono anche il nome utente, la situazione relazionale, la religione, il luogo e la data di di nascita, i luoghi frequentati e le ricerche più recenti.

La violazione è stata ammessa da Facebook stesso in un post in cui si precisa che di soltanto 30 milioni di utenti - dei 50 milioni di utenti interessati inizialmente dal bug - è stato effettivamente utilizzato il toke di accesso. Ma per 15 milioni di essi le conseguenze sono state quelle appena elencate.

Nei prossimi giorni Facebook contatterà direttamente tutti i 30 milioni di utenti colpiti al fine di «spiegare a quali informazioni gli autori dell'attacco possono aver avuto accesso e anche quali azioni compiere per proteggersi, compresa la difesa da email, messaggi di testo e chiamate sospette».

Il problema sta nel fatto che i dati ottenuti non soltanto sono dati personali, ma sono dati che possono essere utilizzati per impersonare con successo l'identità a essi collegata e per portare a termine gli attacchi condotti con tecniche di ingegneria sociale.

Sondaggio
In che modo salvi informazioni importanti affinché nessuno le possa vedere sul tuo computer?
Salvo tutti i dati più importanti in una cartella protetta da password
Nessuno accede al mio computer
Il mio dispositivo è protetto da una password
I dati più importanti sono protetti da crittografia
Proteggo i miei dati quando presto il computer a un'altra persona
Elimino tutti i dati che non voglio che nessuno veda
Non ho dati importanti da proteggere

Mostra i risultati (1373 voti)
Leggi i commenti (7)

Per verificare se si è tra le vittime del furto di dati, Facebook ha predisposto una pagina - da visitare dopo aver fatto login nel social network - in fondo alla quale un messaggio informa circa la situazione dell'account.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I dati rubati a Facebook sono già in vendita nel dark web, a prezzi stracciati
Facebook, dopo i 50 milioni di account violati ora c'è il rischio di una super-multa

Commenti all'articolo (4)

Non solo che li hanno ottenuti senza pagare ma anche il fatto che ci lucreranno sopra senza alcuna possibilità per FB di ottenerne una fetta... :wink:
17-10-2018 19:10

{utente anonimo}
ma se fb vende già qualunque dato a cani e porci, compreso il numero di cellulare per l’autenticazione a due fattori, non vedo quale sia il problema. :D Che li hanno ottenuti senza pagare? :p
16-10-2018 19:17

{leo}
"rubati per colpa del bug i dati personali di 15 milioni di utenti". La colpa non è del bug, ma di Facebook. E nessuno dovrebbe avere un potere tale che un suo errore si ripercuote su milioni di persone.
16-10-2018 17:20

{buondi}
Questo ha ricadute anche sui milioni di "persone poco sagge" che si loggano in altri siti utilizzando facebook. Ed avrà ricadute anche su amici, parenti e colleghi di lavoro degli hackerati, i quali si vedranno recapitare mail convincenti che sembreranno provenire da loro e che daranno origine ad altri hackeraggi.... Leggi tutto
16-10-2018 16:59

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Per via delle leggi sulla condivisione di file e delle nuove forme di protezione anti-copia introdotte sui suporti digitali, i consumatori si trovano sempre più in difficoltà nella fruizione del materiale a cui sono interessati. Come andrà a finire?
I consumatori si rassegneranno a rispettare le leggi, per quanto assurde siano.
Le leggi diventeranno più tolleranti e le case saranno più rispettose dei diritti dei consumatori.
Assisteremo a uno scontro con arresti, processi penali e sfide all'ultimo crack tra chi applica il DRM e gli hacker.
Niente di tutto questo, le leggi rimarranno ma non verranno applicate.

Mostra i risultati (3277 voti)
Dicembre 2018
L'open Internet rischia di chiudersi
Robot di Amazon manda all'ospedale oltre 20 dipendenti
Le aziende si preparano a sostituire il Wi-Fi con reti 5G private
Lo smartphone con Linux e KDE che non è un telefono cellulare
Hacker viola 50.000 stampanti per invitare tutti su un canale Youtube
Novembre 2018
Facebook e il caso dei messaggi zombie
Malware nei portatili Lenovo, utenti risarciti con 7,3 milioni di dollari
Gioca dal vivo a PUBG e uccide l'amico
Amazon, nomi e indirizzi email degli utenti rivelati per errore
Bethesda e la patch da quasi 50 gigabyte per Fallout 76
Sai che cos'è il phishing? Allora hai più probabilità di cascarci
Il Garante privacy boccia la fattura elettronica
Windows 10, ritorna l'October Update
Tim in piena tempesta: sfiduciato l'amministratore delegato Genish
Windows 10, aggiornamento problematico: non ricorda le associazioni dei file
Tutti gli Arretrati


web metrics