Non ci siamo liberati di Mirai

I dispositivi IoT sono il principale target degli hacker.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 15-01-2019]

Figure 2

Questo è un articolo su più pagine: ti invitiamo a leggere la pagina iniziale
I dispositivi IoT sono il principale target degli hacker

Un'altra osservazione interessante è come si sia registrata solo una leggera diminuzione dell'impatto globale di Mirai, che è la ThingBot più potente ad avere mai lanciato un attacco.

Anche se il numero dei sistemi Mirai scanner in tutto il mondo è leggermente diminuito, l'Europa rimane l'unica regione in cui le infezioni Mirai scanner sono rimaste relativamente stabili da dicembre 2017 a giugno 2018.

Non solo la minaccia del bot originale è ancora presente con forza, ma ci sono almeno altre 10 diramazioni di Mirai da considerare (Annie, Satori / Okiru, Persirai, Masuta, Pure Masuta, OMG, SORA, OWARI, Omni e Wicked). Inoltre, i cloni di Mirai sono in grado di fare molto di più che lanciare attacchi DDoS e possono distribuire server proxy, estrarre le cripto-valute e installare altre bot.

"È molto preoccupante: abbiamo a che fare con oltre 8 miliardi di dispositivi IoT in tutto il mondo che, nella maggior parte dei casi, privilegiano la facilità di accesso alla sicurezza", spiega David Warburton di F5 Networks.

"Le organizzazioni devono prepararsi all'impatto che questi avranno, perché le opportunità di attacco dell'IoT sono praticamente infinite e il processo per creare le Thingbot è sempre più diffuso. Sfortunatamente, prima che vengano raggiunti significativi progressi dal punto di vista della sicurezza, ci troveremo ad affrontare sostanziali perdite di guadagno per i produttori di dispositivi IoT o costi significativi per le organizzazioni che implementano questi dispositivi".

Sondaggio
Quale di questi consigli ritieni più importante per una vacanza all'insegna della sicurezza?
Aggiornare il sistema operativo, i programmi installati e le applicazioni, eliminando così eventuali falle di sicurezza già scoperte.
Evitare di usare WLAN pubbliche (in hotel, Internet Café, aeroporto...): solitamente sono protette in maniera inadeguata e i dati possono essere spiati. Meglio utilizzare una connessione mobile UMTS.
Evitare di fare online banking in vacanza e non scaricare o salvare dati personali e sensibili su Pc pubblici.
Creare un indirizzo ad hoc per inviare cartoline elettroniche via email, da disattivare al rientro qualora venisse compromesso.
Impostare una password all'accensione su smartphone e tablet e un PIN per lo sblocco della tastiera.
Fare il backup del notebook o del netbook che si porta in vacanza, crittografando i dati per limitare i danni in caso di furto.

Mostra i risultati (1715 voti)
Leggi i commenti (10)

"Nel frattempo, è essenziale disporre di controlli di sicurezza in grado di rilevare e scalare in base alla portata dell'attacco delle Thingbot. Come sempre, avere una difesa dalle bot al livello del perimetro dell'applicazione è fondamentale, così come adottare una soluzione DDoS scalabile".

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il malware che sfugge a ogni individuazione

Commenti all'articolo (5)


{itto ogami}
Wow attacchi telnet!!! che figata!!! e gli attacchi ftp quando li facciamo? Sarebbe bello un attacco ssh ma non ne parla mai nessuno...
28-12-2018 21:40

@Cesco67 Stesso dubbio mio...
22-12-2018 14:42

Da quando i router sono dispositivi IoT? Leggi tutto
22-12-2018 11:13

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Preferisci utilizzare Facebook, Twitter o Google+?
Prevalentemente Facebook
Prevalentemente Twitter
Prevalentemente Google+
Facebook e Twitter
Twitter e Google+
Google+ e Facebook
Tutti e tre
Nessuno dei tre

Mostra i risultati (2523 voti)
Marzo 2020
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Come provare Windows 10X in anteprima, gratis
Tutti gli Arretrati


web metrics