Arrestati i cinque pirati più incapaci del web

Se ti dai al crimine, devi avere un minimo di furbizia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 24-12-2018]

pirati incapaci

Lo scorso 12 dicembre cinque uomini in quattro Paesi sono stati arrestati per pirateria e un gran giurì li ha rinviati a processo: sono accusati di aver distribuito illegalmente centinaia di film e show televisivi ancora prima che fossero disponibili sui canali leciti.

Se la storia fosse tutta qui, non ci sarebbe molto da dire. Non si tratta del singolo ragazzino che scarica l'ultimo videogioco o la più recente stagione di una serie di Netflix: sono invece quattro uomini adulti che hanno cercato di costruire un business commerciando in proprietà intellettuali altrui in spregio alle leggi sul copyright.

Il bello arriva se si va un po' a fondo e si leggono i documenti con cui il Dipartimento di Giustizia ha reso noto il caso: anche se nessuno degli imputati ha ancora affrontato il processo, la loro dabbenaggine lascia intravvedere poche speranze per loro.

Ai cinque "pirati" è mancato infatti quel minimo di savoir faire indispensabile in questi casi, soprattutto per quanto riguarda il mantenimento dell'anonimato.

Tanto per iniziare dalle basi: chi si dà al crimine non dovrebbe presentarsi col proprio vero nome. I cinque hanno intuito il concetto, ma non l'hanno afferrato per bene, e così si sono inventati degli pseudonimi praticamente identici ai loro nomi.

Sam Nhance - spiega il Dipartimento di Giustizia - si faceva chiamara Sam NhaNc3; Jitesh Jadhav, invece, si nascondeva dietro il misterioso nickname Jadhav.

L'incompetenza però non finisce qui e, anzi, dimostra di essere persino maggiore quando si considera l'aspetto finanziario della vicenda.

In un mondo in cui pressoché tutti sanno che cosa siano i Bitcoin, i cinque si facevano pagare i loro rilasci esclusivi di film e serie TV su un conto PayPal condiviso tra tutti ma intestato a uno di loro.

Non solo: lo stesso account veniva usato per pagare le spese per il server usato per condurre l'attività e veniva ricaricato con soldi provenienti dai conti bancari dei cinque complici.

Sondaggio
Qual è il client torrent che utilizzi di più?
µTorrent
Vuze
Opera
Transmission
BitTorrent
Ktorrent
Shareaza
Tixati
MediaGet
qBittorrent
Deluge

Mostra i risultati (2863 voti)
Leggi i commenti (10)

Così il procuratori ha avuto gioco facilissimo nel seguire il denaro e ottenere un elenco di tutti i bonifici per la ricarica del conto fatti dai pirati per i pagamenti.

Tramite PayPal è anche stato possibile ricostruire i trasferimenti di denaro dall'account condiviso a quelli dei singoli uomini, sui quali venivano accreditate le parti del "bottino" che spettavano a ciascuno in seguito alle vendite.

La raccolta delle prove è stata semplicissima, grazie a questa gestione tutt'altro che professionale (dal punto di vista criminale, almeno) della parte economica: gli investigatori sulle tracce dei pirati hanno effettuato acquisti come parte dell'indagine e, a volte, si sono addirittura trovati a versare pagamenti sugli account dei singoli.

L'intera operazione, insomma, è stata un disastro per gli aspiranti pirati: in pratica, è come se si fossero ammanettati da soli.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (5)

Se i criminali fossero tutti così sprovveduti si starebbe decisamente meglio al mondo...
28-12-2018 13:53

Inceve e' utile, io per natale ho regalato un Dipartimento di Giustizia proprio sfruttando il link Leggi tutto
27-12-2018 18:31

Amazon sarà frastornata a vedere tutta la gente che entra cliccando i link di Zeusnews cercando "dipartimento di giustizia", "savoir fare", "conti bancari", "unibody" o "il tegame di su mà"
27-12-2018 16:09

Suppongo che ad arrestarli sia arrrivato il commissario Bassettoni da Paperopoli!
27-12-2018 06:01

Suppongo che ad arrestarli sia arrrivato il commissario Bassettoni da Paperopoli!Non
27-12-2018 06:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (2109 voti)
Agosto 2022
WhatsApp, arriva il blocco degli screenshot
Le chiavi dell'auto? Al sicuro nel microonde
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 15 agosto


web metrics