Studio rivela: la pirateria fa bene a tutti, utenti e creatori di contenuti



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-01-2019]

pirateria fa bene economia

Mentre i detentori del copyright per lo più si affannano a chiedere pene sempre più dure verso chi fa copie pirata delle opere audiovisive, di tanto in tanto emerge uno studio che segnala come, in realtà, la pirateria faccia bene all'intero ecosistema economico.

L'ultima analisi di questo tipo è stata condotta da Antino Kim, ricercatore dell'Università dell'Indiana, e sostiene una tesi che sembrerebbe paradossale: chiudere un occhio di fronte alla pirateria fa bene sia ai produttori che ai consumatori.

Lo studio valuta l'impatto economico della pirateria «sulla filiera dei prodotti dell'informazione» e ha portato l'autore a concludere che «quando i beni dell'informazione sono venduti ai consumatori attraverso un rivenditore, in certi casi, un livello moderato di pirateria sembra avere un effetto sorprendentemente positivo sui profitti del produttore e del rivenditore aumentando, allo stesso tempo, il benessere del consumatore».

Cuore della tesi sta nel potere che ha la pirateria di limitare i margini di manovra di produttori e rivenditori quando si tratta di decidere il prezzo di un bene: essa riduce infatti l'impatto della cosiddetta doppia marginalizzazione.

Detto molto semplicemente, la doppia marginalizzazione funziona così: per cedere il bene al rivenditore, il produttore stabilisce un prezzo, che comprende una quota necessaria per rientrare delle spese sostenute per la produzione e un margine di guadagno. Il rivenditore, a sua volta, aggiunge una certa cifra a quel prezzo quando si appresta a vendere lo stesso bene al pubblico: anch'egli deve infatti guadagnare e coprire le spese.

A questo punto interviene la pirateria: mettendo in circolazione il medesimo bene a costo zero, costringe produttori e rivenditori a non alzare troppo il prezzo affinché la loro offerta possa restare competitiva e interessante per chi deve scegliere se ottenere illegalmente il prodotto oppure passare per i canali legali.

In questo modo i prezzi non crescono mai tanto da scoraggiare gli acquirenti, che spesso finiscono con l'acquistare i beni che potrebbero piratare, e il margine di guadagno per produttori e rivenditori finisce per essere maggiore di quello che avrebbero se il prezzo fosse superiore.

L'esempio concreto portato per illustrare questo fenomeno è Il trono di spade, noto per essere la serie televisiva più piratata di sempre.

C'è un motivo se HBO, produttrice della serie, non interviene pesantemente contro la pirateria: questa la costringe infatti a tenere basso il prezzo dell'abbonamento, e in forza di tale prezzo favorevole acquista più clienti di quanti ne potrebbe avere praticando prezzi superiori.

Sondaggio
Dove guardi le tue serie Tv preferite?
Alla TV
Sul PC
Sul tablet
Sullo smartphone

Mostra i risultati (2234 voti)
Leggi i commenti (12)

In sostanza - spiega l'autore dello studio - autori e rivenditori non devono necessariamente incoraggiare la pirateria in sé: se però di tanto in tanto fingono di non vedere, tutti ne beneficiano.

«Ciò semplicemente implica che, nel mondo reale, produttori e rivenditori debbano riconoscere che un certo livello di pirateria - o una minaccia di pirateria - sia in grado di fare del bene. Perciò, essi dovrebbero moderare i propri sforzi antipirateria» scrive Antino Kim.

Lo studio precisa però anche che quello analizzato, e che ha mostrato i vantaggi della pirateria, è uno scenario preciso: quello che vede in azione produttori e rivenditori. Se il modello di distribuzione cambia, allora non è detto che l'effetto della pirateria sia ancora benefico.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Arrestati i cinque pirati più incapaci del web
Il pirata accusato ingiustamente adesso vuole i danni
''La pirateria musicale fa bene alle vendite, ma solo per i gruppi emergenti''
Lo studio sulla pirateria insabbiato dalla Commissione Europea
Studio UE: la pirateria aumenta le vendite di videogiochi
Mpaa: bisogna educare i bambini italiani a odiare la pirateria
''Gestori siti pirata sono come spacciatori di droga''
UE: la pirateria danneggia le vendite, ma non sempre
Neuropsichiatri scoprono perché i pirati dell'Internet non si sentono colpevoli

Commenti all'articolo (5)

Non credo proprio che fa bene a tutti! E come possa fare bene - e una cosina molto dispiacente, che non stimola a fare niente, solo sfruttare qualcuno o qualcosa
12-3-2019 12:11

... e in forza di tale prezzo favorevole le acquista più clienti... questo favorevole le credo abbia un "le" di troppo. A parte qualche piccolo errore siete sempre fonte di notizie interessanti e gradite in quanto difficilmente reperibili se non dopo ricerche mirate non sempre attuabili, nel mio caso :-) Grazie e Buon Lavoro
7-2-2019 11:11

Eh, lo so. L'Italiano medio sa usare solo gli occhi e guarda solo video e film perché non sono da filtrare con il cervello. Comunque qualcosa c'è link[/url] Grazie ad Arturo Di Corinto [url=http://forum.zeusnews.com/link/641658]link Grazie alla Blender Foundation Si potrebbe tentare la strada del crowdfunding posto il costo di... Leggi tutto
31-1-2019 14:36

Pullulano i film distribuiti in creative commons... Leggi tutto
30-1-2019 23:08

Io temo non faccia un gran bene a nessuno. Copiare contenuti figli del copyright ergo di "regime" appiattisce e omologa. Meglio sarebbe creare, chi è in grado, e diffondere, chi non è in grado di creare, contenuti liberi distribuiti con licenze tipo creative commons o addirittura rilasciati come di pubblico dominio.
30-1-2019 20:29

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quale mezzo di trasporto pubblico sostituirà quelli attuali nel giro dei prossimi 50 anni?
Evacuated Tube Transport: l'evoluzione dei treni a levitazione magnetica; questi veicoli sono in grado di raggiungere i 6.500 km/h perché viaggiano all'interno di tunnel in cui è creato il vuoto.
String Transport System: cabine sospese fino a 30 metri dal suolo che corrono su binari di acciaio e cemento a oltre 500 km/h.
Tubular Rails: i treni viaggiano a 240 km/h all'interno di anelli sollevati dal suolo che contengono i motori e le ruote, mentre le carrozze ospitano i binari.
I bus viaggiano al di sopra del traffico automobilistico, il quale scorre sotto di loro, usando piccole rotaie poste ai lati della strada.
Shweeb: monorotaia monoposto sospesa e a pedali che permette di raggiungere i 45 km/h.
SolarBullet: il treno ad alta velocità (354 km/h) alimentato a energia solare attualmente allo studio in Arizona (USA).
Treni elettrici che non necessitano di binari perché viaggiano su strada e ricevono l'energia dal sistema contactless installato al di sotto dell'asfalto.
SARTRE: le automobili viaggiano in convogli gestiti dall'intelligenza artificiale; si uniscono i vantaggi del trasporto pubblico alla flessibilità del trasporto privato.
Startram, il maglev orbitale: gli ultimi 20 chilometri del tracciato (di oltre 1.600 km) puntano verso l'alto per portare in orbita i treni.
Ascensore spaziale: una stazione posta a quasi 100.000 km da terra e collegata al suolo da cavi costituiti da nanotubi di carbonio, per portare in orbita uomini e materiali con costi relativamente contenuti.

Mostra i risultati (2676 voti)
Aprile 2019
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
Tutti gli Arretrati


web metrics