Microsoft: Non c'è bisogno di installare subito le patch

Uno studio smonta la necessità di applicare subito gli aggiornamenti di sicurezza.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 11-02-2019]

windows 10 patch

Chiunque abbia a che fare con il mondo informatico ha, da tempo, interiorizzato l'idea che la pratica migliore sia installare una patch non appena essa viene rilasciata.

Certamente ciò espone a dei rischi: come certi aggiornamenti di Windows confermano, è possibile che la patch introduca dei malfunzionamenti prima inesistenti.

Tuttavia, generalmente si tende a pensare che sia meglio sopportare una certa instabilità ma chiudere la falla nota piuttosto che continuare a utilizzare un sistema stabile che però contiene un problema di sicurezza del quale tutti sono a conoscenza.

Uno studio condotto da Microsoft e presentato all'ultima Blue Hat Conference smonta completamente questa tesi: probabilmente essa era vera anni fa, ma il panorama di oggi mostra che la corsa all'ultima patch non è più la mossa migliore.

I dati dimostrano innanzitutto che, a fronte di un raddoppio del numero di exploit (ossia di modi per sfruttare una data falla) scoperti negli ultimi cinque anni, il numero degli exploit effettivamente adoperati si è dimezzato nello stesso periodo di tempo.

Matt Miller, che ha presentato la ricerca, ha poi spiegato che gli hacker di oggi preferiscono concentrarsi sulle falle zero day, quelle appena scoperte e per le quali ancora non esiste una patch, piuttosto che su quelle note da più tempo e per le quali le correzioni sono state rilasciate.

Lo scenario dipinto da Miller è in pratica questo: una vulnerabilità è pericolosa (e desiderabile per gli hacker) soltanto fino a che una patch per essa non viene creata. In seguito, quando la patch viene distribuita, la pericolosità della falla scende praticamente a zero, indipendentemente dal fatto che gli utenti abbiano installato la correzione o meno.

Semplicemente, i criminali informatici a quel punto smettono di puntare su di essa perché l'esistenza stessa di una correzione rende poco conveniente tentare un attacco basato su quella specifica debolezza del sistema: è molto più remunerativo scoprire e sfruttare al massimo una falla ancora non turata.

Sondaggio
Ci sono degli aggiornamenti del sistema operativo da scaricare e installare. Cosa fai?
Non installo nulla perché incide sulla velocità di Internet e sulle prestazioni del computer
Accetto l'installazione. Possono essere aggiornamenti importanti
Forse installerò gli aggiornamenti più tardi
Non vedo notifiche provenienti dal sistema operativo

Mostra i risultati (2325 voti)
Leggi i commenti (6)

I numeri raccolti da Microsoft parlano chiaro: negli ultimi anni, soltanto il 2% - 3% delle falle per le quali esista una correzione viene attivamente sfruttato per creare un exploit entro un mese dal rilascio della patch.

«Ormai è inconsueto assistere alla pubblicazione di un exploit entro 30 giorni dalla disponibilità di una patch» ha affermato Miller. «Se una vulnerabilità viene sfruttata, è molto più probabile che ciò accada quando si trova nella fase zero-day».

Insomma, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, il consiglio di Microsoft oggi è: prima o poi le patch andranno installate, ma non è proprio necessario farlo non appena sono disponibili. Forse anche per questo motivo prossimamente pure gli utenti di Windows 10 Home potranno ritardare l'installazione degli aggiornamenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Gli utenti di Windows 10 Home potranno mettere in pausa gli aggiornamenti
Windows 10, nuova patch per rimettere sui binari l'October Update

Commenti all'articolo (4)

Stanno preparando il terreno per dirci, fra un pò, che le patch le faranno solo virtuali così non fanno danni e nessuno le sfrutterà tanto tutti crederanno che i bug siano stati risolti...
16-2-2019 15:24

La prossima scoperta di Miscrosoft sarà "Microsoft: Non c'è bisogno di realizzare subito le patch" tanto le fanno sbagliate.
14-2-2019 18:03

Un fenomeno! Così tornano appetibili anche le falle per cui esisterebbe già la patch. :thanks:
11-2-2019 21:02

{utente anonimo}
Divertente (si fa per dire) come M$ si inventi delle evidenti stupidate per giustificare la propria inettitudine, che porta al rilascio di patch più pericolose del problema che vanno a correggere. Al posto di fare della puerile ingegneria sociale e prenderci tutti per stupidi massificati (il 3 percento... quante vititme sono?),... Leggi tutto
11-2-2019 17:00

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te quale di questi scienziati avrebbe meritato il premio Nobel?
Andrew Benson, per la scoperta del Ciclo di Calvin della fotosintesi clorofilliana.
Dmitri Mendeleev, per l'ideazione della tavola periodica degli elementi.
Fred Hoyle, per gli studi sulla nucleosintesi stellare.
Jocelyn Bell Burnell, per la scoperta delle pulsar.
Nikola Tesla, per i suoi lavori sulla trasmissione delle onde radio.
Albert Schatz, per la scoperta della streptomicina (rimedio contro la tubercolosi).
Chien-Shiung Wu, per i lavori sulla legge di conservazione della parità.
Oswald Avery, per gli studi sulla trasmissione dei caratteri ereditari tramite DNA.
Douglas Prasher, per la scoperta della proteina fluorescente verde.
Lise Meitner, per il contributo ai lavori sulla fissione nucleare.

Mostra i risultati (1506 voti)
Febbraio 2019
Chiavette USB per rilevare eventuali cyberattacchi
Microsoft chiede agli utenti di non usare Internet Explorer
Cassandra Crossing/ Colore viola addio
Microsoft: Non comprate Office 2019
Storia di un attacco informatico a una banca
Lasciate Facebook per un mese: vi farà bene
Windows Update irraggiungibile, ma torna a funzionare cambiando i DNS
Prosecco italiano sotto accusa: distrugge le colline da cui nasce
Gennaio 2019
Cassandra Crossing/ Truffati o indotti in errore?
La lavastoviglie compatta che lava i piatti in 10 minuti
Microsoft azzoppa Windows Media Player in Windows 7
Facebook vuole unificare Instagram, Messenger e WhatsApp
Windows Lite farà piazza pulita delle ''piastrelle'' nel menu Start
I dipendenti del social network sanno tutto. E se la ridono
Il sito Torrent distribuito e impossibile da censurare
Tutti gli Arretrati


web metrics