Mark Zuckerberg: servono nuove leggi per regolamentare Internet



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 01-04-2019]

zuckerberg leggi internet

Non è da oggi che Mark Zuckerberg sta cercando di ripulire un po' la reputazione di Facebook, asserendo di volersi concentrare sulla protezione della privacy degli utenti e nel rendere la piattaforma un luogo "più sicuro".

L'ultimo intervento della serie serve ad alzare il tiro: dopo aver riconosciuto l'importanza della tecnologia nella vita quotidiana di tutti, Zuckerberg si spinge a dire che è ora che i governi intervengano direttamente per regolamentare la Rete.

Al fondatore di Facebook non bastano le leggi già esistenti e applicabili anche alla vita digitale: vuole che i governi abbiano «un ruolo più attivo» per «aggiornare le regole di Internet» al fine di «conservare ciò che c'è di buono - la libertà di esprimersi per le persone e di costruire cose nuove per gli imprenditori - proteggendo allo stesso tempo la società da danni più vasti».

Sono quattro le aree individuate da Zuckerberg e su cui ritiene che siano necessarie nuove regole: i contenuti dannosi, l'integrità delle elezioni, la privacy e la portabilità dei dati.

Sono tutti ambiti che, di volta in volta, sono diventati argomento di discussione sia in quanto tali sia perché su di essi si ritiene che i social network possano avere un'influenza pesante.

Basta pensare a certi successi elettorali attribuiti alla «potenza dei social», in grado di spostare l'opinione di milioni di elettori, o ai vari incidenti causati dal trattamento un po' troppo allegro dei dati personali degli utenti, o ancora al discusso equilibrio tra la libertà d'espressione e la possibilità di pubblicare contenuti «che istigano all'odio», con l'ovvio corollario che riguarda chi debba decidere ciò che è un «discorso d'odio» e ciò che non lo è.

Per gestire tutte queste questioni, Zuckerberg si augura per esempio la creazione di «enti terzi che stabiliscano degli standard da applicare alla distribuzione dei contenuti pericolosi e valutino le aziende in relazione a detti standard».

Sondaggio
Per quale motivo NON sei (più) sul social network più famoso?
Facebook mi ha stufato. Preferisco godermi Internet.
Non voglio che gli altri si facciano i fatti miei.
Ho da fare. Facebook mi fa perdere tempo.
Amo di più la vita reale.
Non voglio che si sappiano in giro i miei segreti.
Non ho testa per Facebook in questo momento.
A mia moglie (marito, fidanzat*, ragazz*) dà fastidio che io sia su Facebook.
Facebook vende i nostri dati e non rispetta la privacy.
Mi sono accorto che iniziavo a farmi sempre di più i fatti degli altri.
Facebook è morto. Io adesso uso Twitter (o Google+, Pinterest ecc.)

Mostra i risultati (3805 voti)
Leggi i commenti (46)

Allo stesso modo, vuole leggi che indicare chiaramente il modo in cui vengono gestiti gli interventi politici a favore o contro i vari candidati, e l'introduzione degli USA di una legislazione simile all'europea GDPR, che si possa poi magari estendere su scala mondiale.

Se fosse italiano, insomma, forse Zuckerberg ricorrerebbe immediatamente a qualche frase fatta chiedendo che il web «non si tramuti in un far west». Dato che però è americano, si limita a ribadire continuamente di quanto sia necessario «stabilire degli standard comuni».

Da un altro punto di vista, si può dire anche che Zuckerberg stia sostanzialmente cercando di alleggerire la responsabilità - vera o percepita - di Facebook per tutti i problemi sorti negli anni nei quattro ambiti indicati.

Nulla infatti vieta al social network in blu di mettere già in campo tutte quelle pratiche che il suo fondatore si augura diventino presto parte di una nuova legislazione: spostando però il problema dall'incapacità mostrata finora da Facebook di tutelare i quattro ambiti alla mancanza di norme, Zuckerberg pare più che altro voler dire «non è colpa nostra: sono le leggi che mancano».

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Facebook, le password di centinaia di milioni di utenti salvate in chiaro: cambiatele
Facebook, arriva il pulsante per cancellare la cronologia
Tim Berners-Lee: ''Web minacciato da digital divide e strapotere dei social''
25 anni di World Wide Web, serve una ''carta dei diritti''

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 13)

Di leggi ne basta una di un solo articolo: Da oggi e per sempre sono proibiti tutti i social network e simili, quelli esistenti devono essere chiusi con effetto immediato. Questo è ancora più sociopatico di Musk e Bezos... :incupito:
13-4-2019 13:43

Magari! :wink: Leggi tutto
13-4-2019 13:40

Intanto cominciamo a rispettare le leggi esistenti. Leggi tutto
4-4-2019 16:35

All'indecenza come all'ignoranza non c'è limite purtroppo. :cry: Leggi tutto
2-4-2019 20:21

:malol: :malol: :malol: Leggi tutto
2-4-2019 20:19

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'uomo presto ritornerà sulla Luna, ci si prepara all'esplorazione umana di Marte, la stazione spaziale internazionale sta per essere completata. Cosa pensi degli elevati costi che tale tipo di ricerca comporta?
La natura umana ci spinge a conoscere ed esplorare. Non ci sono costi troppo alti quando questi sono gli obiettivi.
L'esplorazione spaziale (come ogni altra forma di ricerca scientifica) ha i suoi costi, ma le ricadute tecnologiche e quindi i benefici di tali investimenti possono essere enormi.
Può certamente essere interessante sapere se qualche millennio fa c'erano forme di vita unicellulare su Marte, ma la Terra e i suoi abitanti hanno problemi ben più seri che necessitano di tutta l'attenzione e i fondi possibili.
Secondo me non siamo neanche stati sulla Luna, quindi...

Mostra i risultati (3652 voti)
Aprile 2019
È possibile rilevare telecamere nascoste in una camera d'albergo?
La falla in IE che vi ruba i dati anche se non lo usate
Windows, gli aggiornamenti di aprile bloccano i PC con Avast e Sophos
Arrestato Assange, il commento di Paolo Attivissimo
Assange arrestato: ecco cosa rischia
Windows XP, anche l'ultima versione supportata getta la spugna
Nessuno usa la rimozione sicura USB: cambia la policy di Windows
La VPN per chi non sa che cosa sia una VPN
Facebook, i dati di mezzo miliardo di utenti accessibili pubblicamente
Anche Nokia ha il suo smartphone col buco
Asus, utenti attaccati tramite aggiornamenti di sistema
Marzo 2019
L'estensione che ripristina i risultati censurati da Google
UE, approvata la riforma del diritto d'autore, compresi gli articoli 11 e 13
Tecnico IT licenziato si vendica cancellando 23 server
Facebook, le password di centinaia di milioni di utenti salvate in chiaro: cambiatele
Tutti gli Arretrati


web metrics