Red Hat e Lenovo scommettono sui portatili con processore ARM e sistema Linux



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-04-2019]

arm linux redhat lenovo fedora

Arriveranno «molto presto» i primi portatili con processore ARM e sistema operativo Linux.

Così almeno promette Peter Robinson di Red Hat, una delle più note distribuzioni del sistema del pinguino, annunciando su Twitter la collaborazione tra Red Hat stessa, Fedora (la versione community di Red Hat) e Lenovo.

Della possibilità di computer portatili basati non sulla tradizionale architettura x86/x64 - e quindi tipicamente dotati di processori Intel o AMD - si parla da tempo, per lo meno sin da quando il successo degli smartphone ha dimostrato come i processori ARM siano in grado di fornire una potenza di calcolo di tutto rispetto e, allo stesso tempo, avere un impatto sulla batteria meno pesante rispetto a quello della concorrenza.

In questo panorama già da un paio d'anni Microsoft si sta muovendo con l'iniziativa Windows 10 on ARM, che ha portato alla realizzazione di alcuni prodotti e tuttavia sta soffrendo di ritardi forse anche per l'opposizione di Intel, che chiaramente vedrebbe minacciato dalle soluzioni ARM il proprio "quasi-monopolio" nella fornitura di CPU per laptop.

Red Hat sembra ora voler approfittare di queste lungaggini per proporre un'alternativa all'accoppiata Windows/ARM, favorendo naturalmente la soluzione Linux/ARM.

Se riuscisse a vincere la resistenza degli utenti, che diffidano di Linux in quanto sostengono che sia "difficile", potrebbe mostrare dei prodotti con una larghissima autonomia e che permettono di lavorare quotidianamente senza sentire la mancanza di Windows, soprattutto se si conta sul fatto che oggigiorno buona parte dei servizi viene sfruttata attraverso il Web, una piattaforma che sostanzialmente ignora il sistema operativo dell'utente.

Sondaggio
Hai ricevuto un messaggio da un amico su un social network. Il tuo amico ti invita a fare click su un link e a mettere ''mi piace'' ad alcune foto. Cosa fai?
Certo! Me lo chiede un amico
Gli chiedo di darmi qualche informazione in più sulle foto. Se mi risponde, faccio click sul link
Sposto il messaggio nella cartella spam e blocco il mio amico

Mostra i risultati (1048 voti)
Leggi i commenti (12)

Il lavoro condotto da Red Hat e Lenovo ha portato a concentrarsi inizialmente sui SoC Snapdragon 850, usati per esempio in laptop quali il Lenovo Yoga c360 (mostrato all'IFA 2018 con Windows 10 e in grado di offrire 25 ore di autonomia in condizioni ideali) ma con l'intenzione di allargare il campo ad altri processori, tra cui lo Snapdragon 8cx, costruito a 7 nanometri.

Quello di cui ancora Red Hat non ha parlato è la compatibilità con i software per Linux esistenti ma, dato che il debutto dovrebbe avvenire «molto presto», aspettiamoci delle novità a breve.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Il Surface Go doveva avere un processore ARM. Ma poi Intel s'è opposta
Windows 10 su Arm? Intel non ci sta
Microsoft e Qualcomm portano Windows 10 su ARM

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 18)

Tieni conto che sono video "vecchi" (2015/2016, se non ricordo male) e si riferiscono alle prime avvisaglie dell'utilizzo di systemd. Il fatto che si riferiscano esclusivamente a Devuan, è relativo. Io li ho trovati sufficientemente dettagliati e semplici in merito ai "contro" alla presenza di systemd nelle nuove... Leggi tutto
9-5-2019 10:56

Grazie dei link! (E non è retorica) mi torneranno buoni. Comunque #Devuan è una tra le alcune senza systemd. L'ho usata prima che mi facessero saltare l'hard disk è ottima anche se esteticamente non è il massimo e purtroppo non ha un supporto harware a 360 gradi, ad esempio non ha i driver per la dvbsky usb DVBT/T2 (ricevitori per tv... Leggi tutto
7-5-2019 19:53

[video]https://youtu.be/ANGXh63coHU[/video] Devuan Q&A by Franco Lanza @ Dip.to Informatica - 2 ottobre 2015 Durata, circa 1h e 45 minuti. Ben presentato.
5-5-2019 18:21

Per tornare in topic [video]https://youtu.be/6OIvm4XtCM0[/video] Un video (in italiano) che presenta la distro Devuan[/url], una derivata da [url=http://forum.zeusnews.com/link/653730]Debian senza systemd. E spiega perché è meglio evitare le distro con systemd.
5-5-2019 18:00

Quindi, come normodotato, ti sembra giusto scrivere: nei confronti di una persona che, potenzialmente, non ha compreso la risposta? Non era sufficiente ripetere in quote il messaggio precedente, magari dettagliandolo ulteriormente? Va bene, chiudiamola qui. Per il futuro evita, semplicemente, di denigrare o offendere chi non la pensa... Leggi tutto
5-5-2019 11:45

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3613 voti)
Agosto 2019
Bug negli iPhone, ritorna il jailbreaking
Windows 10, errori nel patch Tuesday di agosto
Il cavo USB che permette di violare qualsiasi iPhone
Matteo Salvini condannato per violazione del diritto d'autore
Falla nelle fotocamere digitali, si rischia un'epidemia di malware
iPhone, cambiare la batteria diventa ancora più difficile
Datadrifter: motore di ricerca per bucket di Google Cloud trova dati privati a palate
Lo smartphone senza Android di Huawei arriverà entro la fine dell'anno
Facebook cambia nome a Instagram e WhatsApp
L'85% di tutti i Bitcoin è già stato generato
La carta di credito di Apple debutta in agosto
Luglio 2019
Windows 10, arriva il ripristino via Internet
Il condizionatore portatile di Sony da indossare sotto i vestiti
5G, miti da smontare e paure pilotate
VLC, panico nel Web per una falla estremamente grave
Tutti gli Arretrati


web metrics