Banditi della blockchain rubano oltre 50 milioni di dollari

Indovinando le password troppo facili.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 30-04-2019]

bitcoin

È un caso classico: c'è sempre l'utente che usa una password assurdamente semplice pensando "nessuno immaginerà mai che ho una password così semplice". E c'è sempre quello che invece lo immagina e lo frega.

Wired racconta una versione estrema di questo comportamento: gente che ha protetto il proprio wallet di criptovalute usando come "password" (più propriamente, come chiave privata) il numero 1. E che puntualmente si è fatta derubare, per un totale di oltre 50 milioni di dollari.

La blockchain delle criptovalute è pubblica e quindi si presta ad analisi come quella svolta dal ricercatore di sicurezza Adrian Bednarek alcuni mesi fa. Bednarek ha cercato wallet che avevano chiavi private assolutamente banali, come appunto "1" al posto della sequenza di 78 cifre che di solito protegge i wallet Ethereum, e con sua sorpresa ne ha trovati oltre 700. Tutti vuotati.

Estendendo la propria analisi alle transazioni (che sono anch'esse pubbliche), ha scoperto non solo che parecchi utenti avevano protetto (per così dire) i propri soldi virtuali con chiavi private assolutamente banali, ma che esistono dei veri e propri "banditi della blockchain", ossia ladri specializzati nell'approfittare delle chiavi private troppo facili scelte dagli utenti.

C'è, per esempio, un account Ethereum che con questa tecnica ha raccattato 45.000 ether, per un valore di circa 50 milioni di dollari all'epoca del furto (oggi varrebbero "solo" circa 7 milioni di dollari).

Sondaggio
Pensi che i bitcoin possano funzionare come valuta?
Certamente! Ci ho anche investito.
Sì, purché vengano sottoposti a regolamentazione.
Forse in futuro.
No.
Non ho ancora capito che cosa sia un bitcoin esattamente.

Mostra i risultati (2044 voti)

Bednarek ha scoperto che questi ladri usano un sistema automatico: ha infatti provato a versare l'equivalente di un dollaro in vari wallet protetti da chiavi private debolissime e già saccheggiati in passato, e ha visto che in pochi secondi il denaro è stato rubato. A volte il ricercatore ha visto che più di un ladro si è avventato sul wallet-esca: ha vinto quello che è arrivato qualche millisecondo prima degli altri.

Va detto che in alcuni casi la colpa non è degli utenti ma del software di gestione dei wallet, che a volte contiene errori di programmazione che gli fanno generare chiavi private insicure. Ma spesso è l'utente a voler usare delle chiavi facili da ricordare, per esempio tre o quattro parole in sequenza.

Normalmente una sequenza del genere è una protezione sufficiente, per esempio per un account social o di mail, ma se un wallet contiene tanti soldi i ladri investiranno molto tempo e molta potenza di calcolo per scardinarlo. Per le criptovalute conviene quindi usare chiavi private davvero complesse e software affidabile. Utente avvisato, meno depredato.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
 

Paolo Attivissimo

(C) by Paolo Attivissimo - www.attivissimo.net.
Distribuzione libera, purché sia inclusa la presente dicitura.

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 12)

E or ora abbiamo anche la dimostrazione che Prof. Sconvolto[/url] ci vede lungo. Casualmente è stata una pessima settimana in borsa e tra ieri e oggi stanno pompando il bitcoin come pazzi, hanno un disperato bisogno di polli che caccino soldi veri in cambio di niente. Se non riescono a spennare polli la prossima settimana gli salta... Leggi tutto
12-5-2019 08:15

Senza alcun dubbio!
11-5-2019 16:04

Chiedo venia. :hail: I Turkeys sono infinitamente meno evoluti delle scimmie e ora ne ho la prova definitiva. Leggi tutto
5-5-2019 21:46

Eddai, non offendere le scimmie che sono certamente più evolute della maggior parte dei Turkeys odierni...
5-5-2019 15:38

E il Prof. non è che sia uno scienziato è uno come me e te quindi se così poche persone ci arrivano... siamo all'involuzione della specie, al ritorno alla scimmia, altro che evoluzione. :cry: Leggi tutto
4-5-2019 20:09

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Qual è l'ambiente Linux che preferisci?
Gnome
Kde
Unity
Xfce
Lxde
Cinnamon
Mate
Un altro
Non uso Linux

Mostra i risultati (4756 voti)
Maggio 2019
Gmail, una pagina segreta tiene traccia di tutti gli acquisti fatti
Sedicenne si uccide dopo sondaggio su Instagram
Falla in WhatsApp: basta una telefonata per ritrovarsi uno spyware sul telefono
Il primo processore completamente inviolabile
Il ransomware che ti regala l'antivirus (mentre cripta i file)
Windows 10 disporrà di un vero kernel Linux
Apple beccata a barare sulla durata delle batterie (ma non è la sola)
Ricaricate lo smartphone di notte? La batteria durerà meno
Programmatore autodidatta risolve puzzle del MIT con 15 anni d'anticipo
Aprile 2019
Windows 10, aumentano i requisiti minimi di sistema
Mark Zuckerberg: entro cinque anni avremo due Facebook
Windows, si allunga la lista di antivirus che bloccano il Pc
Aspen, il browser per navigare in sicurezza secondo Avast
Ex studente distrugge i computer della scuola con un USB killer
Galaxy Fold, lo schermo pieghevole si rompe quasi subito
Tutti gli Arretrati


web metrics