L'assistente Amazon registrerà ogni conversazione, anche senza pronunciare 'Alexa'



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 28-05-2019]

amazon echo brevetto registra conversazioni

Al di là della percepita comodità, dovrebbe ormai essere chiaro a tutti che possedere un assistente vocale equivale a tenersi in casa un microfono sempre aperto, sia per progettazione che per eventuale malfunzionamento.

A oggi, in teoria, i momenti in cui questi apparecchi sempre in ascolto registrano effettivamente quanto viene detto loro sono limitati: tale funzione, che prelude all'interpretazione dei comandi, va infatti attivata tramite una precisa parola chiave.

Se si vuole impartire un comando ad Amazon Echo, per esempio, è necessario attirare l'attenzione dell'apparecchio dicendo «Alexa» e solo in seguito si può dare l'istruzione. O ancora, chi possiede uno smartphone con Android sa che deve dire «Ok, Google» prima di chiedere le previsioni del tempo per la settimana.

Un brevetto recentemente richiesto da Amazon descrive però uno scenario diverso, in cui in pratica la registrazione di quanto avviene intorno all'assistente è sempre in funzione.

L'obiettivo della tecnologia descritta è infatti consentire ad Alexa di rispondere a un comando anche quando l'ordine viene impartito in una maniera che oggi non è corretta.

Sondaggio
In che modo salvi informazioni importanti affinché nessuno le possa vedere sul tuo computer?
Salvo tutti i dati più importanti in una cartella protetta da password
Nessuno accede al mio computer
Il mio dispositivo è protetto da una password
I dati più importanti sono protetti da crittografia
Proteggo i miei dati quando presto il computer a un'altra persona
Elimino tutti i dati che non voglio che nessuno veda
Non ho dati importanti da proteggere

Mostra i risultati (1515 voti)
Leggi i commenti (7)

Se per esempio allo stato attuale occorre dire «Alexa, accendi le luci», quando verrà introdotta la tecnologia brevettata si potrà dire anche «Accendi le luci, Alexa»: l'Echo si attiverà sempre alla parola «Alexa» ma saprà andare "a ritroso", e per fare ciò dovrà per forza captare ogni conversazione e conservarla, almeno per un po'.

Renderà più facile e naturale l'interazione con gli assistenti? Certamente. Però indebolirà ulteriormente la privacy, anche se il brevetto si premura di precisare che le registrazioni non adoperate saranno presto cancellate e che nessuna parte di queste sarà inviata ai server di Amazon.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Google ammette: ascoltiamo le conversazioni captate da Google Assistant
Quanta gente può consultare quello che si dice ad Alexa?
Se parlate con Alexa, i dipendenti di Amazon sanno dove vivete
Alexa, ecco come disabilitare l'ascolto
Amazon, migliaia di dipendenti ascoltano le registrazioni di Alexa
Alexa, voci captate in casa e inviate a uno sconosciuto
Amazon Echo cattura e invia conversazione privata
Amazon Echo modificato diventa microspia
Google Home Mini: mettersi un microfono aperto in casa

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Leggi tutto
5-6-2019 18:57

E' che non mi sembrano furbi furbi :roll: Che chi compra certa roba sia meno furbo addirittura di chi la produce? :shock: :lol: Leggi tutto
2-6-2019 00:09

Non so se faranno in tempo :D [img:f5317a5133]http://pclinux.eu/images/Cap_Dead.png[/img:f5317a5133] E se lo dice un Repubblicano (Il partito di Trump) conservatore.... Anche se ora dopo qualche post del Prof. su Plurk hanno "proditoriamente" cambiato il titolo e rivisitato i contenuti. :malol: Leggi tutto
2-6-2019 00:06

Per ora no, mica si vuol far scoprire subito in modo così ingenuo. :wink: Leggi tutto
1-6-2019 15:17

Le minoranze sono destinate prima alle riserve - come i nativi d'America - poi all'estinzione così si avranno, finalmente, tutte marionette massificate ed adeguatamente addestrate a credere, obbedire e comprare. Leggi tutto
1-6-2019 15:17

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Quali sono i rischi maggiori del cloud computing?
Distributed Denial of Service (DDoS): cresce l'impatto dei tempi di indisponibilità di un sito web, che possono costare perdite di milioni di euro in termini di introiti, produttività e immagine aziendale.
Frode: perpetrata da malintenzionati con l'obiettivo di trafugare i dati di un sito e creare storefront illegittimi, o da truffatori che intendono impadronirsi di numeri di carte di credito, la frode tende a colpire - prima o poi - tutte le aziende.
Violazione dei dati: le aziende tendono a consolidare i dati nelle applicazioni web (dati delle carte di credito ma anche di intellectual property, ad esempio); gli attacchi informatici bersagliano i siti e le infrastrutture che le supportano.
Malware del desktop: un malintenzionato riesce ad accedere a un desktop aziendale, approfittandone per attaccare i fornitori o le risorse interne o per visualizzare dati protetti. Come il trojan Zeus, che prende il controllo del browser dell'utente.
Tecnologie dirompenti: pur non essendo minacce nel senso stretto del termine, tecnologie come le applicazioni mobile e il trend del BYOD (bring-your-own-device) stanno cambiando le regole a cui le aziende si sono attenute sino a oggi.

Mostra i risultati (1229 voti)
Gennaio 2020
Edge è morto, viva Edge (Chromium)
Il giorno della morte di Windows 7
The New Facebook, il social network cambia pelle
Samsung fa un balzo in avanti con il Galaxy S20
Dicembre 2019
Le peggiori password del 2019
Il chip che realizza la crittografia perfetta a prova di hacker
Apple al lavoro sull'iPhone satellitare
Il water inclinato che impedisce ai dipendenti di stare troppo in bagno
Se i poliziotti vendono nel dark web l'accesso alle telecamere di sicurezza
Il preservativo per i dispositivi USB
Il motorino elettrico di Xiaomi che costa come uno smartphone
Il ransomware che riavvia il PC in modalità provvisoria
Il malware fileless che attacca i Mac
Il software per ricevere gli update di Windows 7 senza pagare
Plex sfida Netflix con migliaia di film e serie TV gratis per tutti
Tutti gli Arretrati


web metrics