La NSA: fate come dice Microsoft e installate la patch per EternalBlue

Il rischio di un altro WannaCry spaventa l'Agenzia.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 10-06-2019]

nsa microsoft eternalblue

Quando si tratta di consigli per la sicurezza informatica, l'Agenzia per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti non gode esattamente di fiducia: la scoperta delle sue attività spionistiche fatto da Wikileaks ha prodotto come conseguenza il fatto che, se la NSA consiglia di fare qualcosa, ciascuno si sente tentato di fare l'opposto.

Ciò nonostante, la NSA ha deciso di unirsi a Microsoft per convincere gli utenti a correre al più presto ai ripari e installare la patch che risolve la falla EternalBlue.

EternalBlue riguarda le versioni più vecchie di Windows, è una vulnerabilità presente nei Remote Desktop Services e può dar vita a infezioni che si propagano autonomamente tramite worm come fu in passato per WannaCry.

Forse proprio il richiamo a WannaCry ha fatto sentire un po' in colpa la NSA, dato che se quel pericoloso malware è riuscito a fare disastri il motivo è che esso si diffondeva tramite una vulnerabilità individuata per prima dalla NSA stessa e poi tenuta segreta: se l'Agenzia si fosse comportata in maniera responsabile ed avesse avvisato Microsoft non ci sarebbe stata alcuna epidemia.

Microsoft, dal canto proprio, è seriamente preoccupata. Simon Pope, del Security Response Center dell'azienda, spiega di essere certo che esista già un exploit per EternalBlue che sta venendo attivamente utilizzato per trovare e violare i sistemi ancora vulnerabili a quasi 60 giorni dal rilascio della patch.

Sondaggio
I bambini sempre più spesso entrano in contatto con la tecnologia a una tenera età (per giocare, comunicare e cercare informazioni), anche grazie alla diffusione di smartphone e tablet. Quale dovrebbe essere la maggiore preoccupazione dei genitori?
Potrebbero visionare materiale inappropriato o visitare siti inopportuni.
Potrebbero comunicare con sconosciuti o persone non ritenute affidabili.
Potrebbero essere vittime di cyberbullismo, sui social network o altrove.
Potrebbero spendere denaro online senza che i genitori lo sappiano, anche a causa delle app che richiedono acquisti online durante i giochi.
Potrebbero diffondere dati personali (compresi foto e filmati) senza essere coscienti dei rischi.
Potrebbero incorrere in difficoltà a relazionarsi con amici dal vivo, nascondendosi dietro relazioni disintermediate dal mezzo informatico.

Mostra i risultati (1316 voti)
Leggi i commenti (13)

La corale raccomandazione è quindi sempre la stessa: installate la patch. E - aggiunge la NSA - se siete amministratori di rete magari disattivate i Remote Desktop Services se sono inutilizzati e bloccate la porta TCP 3389.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Falla in Windows, un altro WannaCry in arrivo?
Microsoft implora gli utenti: installate la patch prima di un altro WannaCry
NSA, lo spionaggio istituzionalizzato non conviene più
WannaCry/WanaCryptor, attacco ransomware planetario

Commenti all'articolo (2)

Non è che stavolta, invece di tacere per sfruttare la falla, NSA ci ha messo una bella backdoor dentro, alla patch intendo, e adesso fa si che tutti la installino sfruttando l'ennesima psicosi del bug? :umpf: Leggi tutto
13-6-2019 19:08

Dopo... l'hanno detto al telegiornale l'ha detto Google siamo al l'ha detto la NSA :malol: per me la NSA può andare a farsi :inc: insieme al suo GNU/Linux[/url] viste le [url=http://forum.zeusnews.com/link/658124]recensioni di chi l'ha provato. Anche se casualmente pure la NSA evita systemd. Sarà un caso? :lol:
9-6-2019 20:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Negli ultimi 12 mesi hai danneggiato accidentalmente un oggetto tecnologico portatile? (per esempio smartphone, fotocamera, notebook, tablet, ebook reader)
Sì, mi è caduto a terra.
Sì, mi è caduto in acqua (o ci ho versato dei liquidi).
Sì, ci ho lasciato giocare un bambino.
Sì, mi ci sono seduto sopra.
Sì, mentre lo lanciavo a un amico (o sulla scrivania).
No.

Mostra i risultati (2178 voti)
Marzo 2020
Oltre un milione di e-book gratis sull'Internet Archive
La truffa della chiavetta Usb che arriva per posta
Windows 10, Pannello di Controllo verso la pensione
Windows 10, in un video un assaggio delle novità
Cellulari, app e privacy ai tempi della pandemia
Coronavirus Challenge, leccare una toilette per notorietà
Windows 10, patch di emergenza per evitare il nuovo WannaCry
L'open source contro il coronavirus
Windows 10, l'update KB4535996 mina le prestazioni
L'Unione Europea vuole un proprio sistema operativo
Addio, Dada.it
Febbraio 2020
Smartphone, la UE rivuole le batterie rimovibili
Il ransomware che prende di mira gli italiani
Il browser per navigare sempre in incognito
Equo compenso, raffica di aumenti per Pc, smartphone e schede Sd
Tutti gli Arretrati


web metrics