Falla nel software Dell di supporto, milioni di PC a rischio



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 23-06-2019]

fall dell supportassist pc doctor

Non c'è pace per i possessori di computer Dell: SupportAssist, software preinstallato che già lo scorso maggio finì al centro dell'attenzione a causa dei problemi scoperti in esso, ora presenta una nuova vulnerabilità di sicurezza.

La falla è presente nel componente Hardware Support Service prodotto da PC Doctor, che è inserito come componente di terze parti in SupportAssist.

Essa è stata individuata da SafeBreach, che afferma che i computer affetti sono oltre 100 milioni; sono così tanti perché PC Doctor concede in licenza il proprio software anche ad altri assemblatori: pertanto, non solo i PC Dell sono potenzialmente vulnerabili.

Secondo quanto rivelato da SafeBreach, «è possibile sfruttare questa vulnerabilità per caricare una DLL non firmata in un servizio che gira come System, ottenendo un sorpasso delle autorizzazioni (privilege escalation) e persistenza».

Le versioni di SupportAssist vulnerabili sono la 2.0 e precedenti se si usa Dell SupportAssist for Business PCs e la 3.2.1 e precedenti se si usa Dell SupportAssist for Home PCs. Un aggiornamento è già stato rilasciato ed è bene provvedere subito alla sua installazione.

Sondaggio
Per quale servizio collegato a un prodotto per la smart home saresti più disposto a pagare fino a 15 euro al mese?
Lo scongiurare dei guasti dei prodotti smart, per esempio lavastoviglie, connettendoli ai fabbricanti, in modo da identificarli e anticiparne qualsiasi problema.
Collegamento alla compagnia assicuratrice che interviene in caso di allagamento, intrusione o allarme quando non sono in casa.
Assistenza nella vita di tutti i giorni per gli anziani.
Collegamento dei dati relativi alla salute al medico o al reparto ospedaliero per il monitoraggio dei parametri vitali chiave.
Collegamento alla società di sicurezza che intervenga quando l'allarme si spegne.
Nessuno di questi

Mostra i risultati (960 voti)
Leggi i commenti (8)

Chi non usa un computer Dell deve invece verificare se in esecuzione ci sia una versione di PC Doctor Toolbox, un programma che può prendere nomi diversi tra cui Corsair One Diagnostics, Corsair Diagnostics, Staples Easy Tech Diagnostics, Tobii I-Series Diagnostic Tool e Tobii Dynavox Diagnostic Tool.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Dell, falla critica nel software preinstallato

Commenti all'articolo (2)

{ice}
E' vero. La psicologia del proprietario dei device influisce parecchio: e' sempre l'intelligenza umana che qualifica chi si fa fregare . Comunque il rischio 0 non esiste.....purtroppo...
25-6-2019 18:30

{zung}
Da quando mi occupo di informatica ho scoperto che invece è la psicologia che la fa da padrona, anche se pochi se ne accorgono. Arrivismo, narcisismo, incompetenza, superficialità, insensibilità, manipolazione, ipocrisia, perfezionismo, ristrettezza di idee... e tanto altro. I clienti sono la palestra in cui tutti i... Leggi tutto
24-6-2019 12:48

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
A quali condizioni lavoreresti da casa anziché in ufficio?
Accetterei uno stipendio inferiore perché risparmierei sui trasporti e in tempo.
Vorrei uno stipendio maggiore perché l'azienda risparmierebbe su locali, strumenti, sicurezza.
Allo stesso stipendio.
Non rinuncerei al lavoro in ufficio per nulla al mondo.

Mostra i risultati (2385 voti)
Settembre 2019
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Il bug di Windows 10 che tinge di rosso gli screenshot
Antibufala: le foto di raggi spaziali che causano incendi nei boschi
Lo smartphone etico attento alle persone e al pianeta
Storie di hacker, campeggi e libertà
USB 4 è ufficiale e raggiunge i 40 Gbit/s
5 consigli (più uno) per non farsi lasciare a piedi dal PC
La lotta al ransomware procede silenziosa ma con successo
La maledizione dei connettori USB
Agosto 2019
GIMP è un insulto: sviluppatori ribelli fondano il fork Glimpse
Sextortion, il malware che registra davvero chi guarda video a luci rosse
Misteriosa malattia colpisce i fumatori di sigarette elettroniche
L'analisi del sangue che predice quando moriremo
Tutti gli Arretrati


web metrics