Disney e Apple: se Steve Jobs fosse vivo saremmo una cosa sola



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 20-09-2019]

iger jobs
Bob Iger e Steve Jobs

Apple e Disney sono due colossi americani che hanno in comune certi interessi e, fino a poco fa, anche alcune persone chiave: Bob Iger, CEO di Disney, faceva parte del Consiglio di Amministrazione di Apple.

S'è dimesso dopo l'annuncio di TV+, il servizio di streaming concorrente diretto di Disney+: due piattaforme che presto inizieranno a competere l'una contro l'altra.

Se però certi avvenimenti del passato non fossero accaduti, oggi Apple e Disney non si troverebbero su fronti contrapposti nell'arena dell'intrattenimento; anzi, magari sarebbero una cosa sola.

Lo ha ipotizzato Bob Iger stesso in un'intervista a Vanity Fair, concessa per il lancio della sua autobiografia. Iger ha spiegato che secondo lui, se Steve Jobs fosse ancora vivo, forse le due aziende si sarebbero già fuse, o sarebbero sul punto di farlo.

Iger ha speso buona parte dell'intervista parlando di Jobs e ricordando l'amicizia che correva tra i due: «Per ogni successo che la sua azienda ha avuto sin da quando è morto, c'è sempre stato un momento in cui ho pensato "Mi piacerebbe che Steve fosse qui". Credo che se Steve fosse vivo avremmo unito le nostre aziende, o almeno ne avremmo discusso molto seriamente la possibilità».

Sondaggio
Utilizzi le licenze Creative Commons per i tuoi lavori?
Sì: le Creative Commons mi aiutano a diffondere il mio lavoro gratuitamente e ottenendone il credito.
No: non ho motivo di utilizzarle perché esiste già una legge sul copyright.
Sì: le Creative Commons mi consentono di diffondere il mio lavoro e di ottenere dei guadagni.
No: necessito di ricavare dei soldi dal mio lavoro, e le Creative Commons non mi aiutano in tal senso.

Mostra i risultati (410 voti)
Leggi i commenti

Forse non è un caso che Iger abbia deciso di parlarne proprio adesso: l'idea di fondere Disney, un'azienda valutata 300 miliardi di dollari, e Apple, il cui valore è addirittura di 1 bilione di dollari, è ancora nella sua mente, ma le difficoltà sono numerose.

Le autorità antitrust americane si sono fatte più vigili, di questi ultimi tempi, e hanno preso a considerare come estremamente anticompetitive le fusioni tra i colossi della tecnologia: Apple e Disney sono decisamente troppo grandi per poter ottenere il via libera a una fusione.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
I film della Disney su YouTube
Apple, inizia l'era del dopo-Jobs
YouTube si accorda con Disney

Commenti all'articolo (4)

Mi sa che entrambi avevano una specialità: :inc: il prossimo. Quello ancora vivo ovviamente non ha perso questa sua capacità e la utilizza comunque ancora piuttosto bene.
23-9-2019 19:18

{ieger}
Bob Iger è un furbone che sa fare bene una cosa: iniettare nel cervello della gente le idee che vuole lui, usando ogni mezzo possibile. Se Steve Jobs fosse vivo sarebbe quel genietto che è sempre stato, e farebbe cose che una persona molto in gamba ma non geniale non potrebbe prevedere.
22-9-2019 18:16

Forse per trasformare in monopolio indiscusso quello che che oggi è un oligopolio già molto forte nei rispetti campi di business?
21-9-2019 15:47

{Ruzzolo}
Mah, dipende che si intende per "fusione". Disney sa produrre bene contenuti multimediali, Apple sa produrre bene dispositivi per la fruizione di contenuti ... entrambi hanno altissimi margini e possono concentrarsi sulla qualita' (quando vogliono). Entrambi hanno riserve di capitale sufficenti a comprare una buona parte... Leggi tutto
20-9-2019 10:56

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Stai installando un'applicazione. Cosa fai quanto compare il contratto di licenza?
Lo leggo attentamente e poi faccio click su “Accetto”
Do un sguardo al testo e poi accetto
Dipende dall'applicazione. A volte leggo il contratto di licenza
Non leggo mai il contratto di licenza. È davvero indispensabile?
Leggo il contratto di licenza dopo aver installato l'applicazione

Mostra i risultati (1422 voti)
Gennaio 2023
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Windows 7 e Windows 8: Microsoft annuncia la fine del supporto
Telefonia, inizia l'era degli aumenti infiniti
La settimana lavorativa di quattro giorni è un successo
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 30 gennaio


web metrics