Il fumetto di Google che insegna il machine learning



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 12-10-2019]

machine learning

Se vi interessate di programmazione ma non siete al passo con le ultime tendenze, in particolare con l'apprendimento automatico (generalmente indicato con l'espressione machine learning), Google ha ideato un modo divertente per tenervi al passo.

Ha ideato e pubblicato un fumetto che illustra i concetti di base di questa tecnologia in maniera comprensibile praticamente a chiunque, cercando di far sì che il lettore riesca a imparare qualocsa mentre trascorre alcuni minuti piacevoli.

Per ora è stata pubblicata una sola, lunga puntata, con la promessa che presto ci sarà un seguito, nel quale si tratterà di un altro vasto argomento: le reti neurali.

Il fumetto ospita per ora quattro personaggi principali: Martha, programmatrice oberata di lavoro; Mel, «il peggior capo del mondo»; il gatto Flip; e Bit, uno strano robottino che ha l'aria di essere il figlio illegittimo di Clippy, l'assistente di Office.

La vera domanda, naturalmente, è: perché mai Google dovrebbe fare tutto ciò? Non per puro spirito di condivisione della conoscenza: l'obiettivo finale, nemmeno troppo nascosto, è convincere ad adottare i servizi di machine learning offerti da Google. Ma almeno è un modo abbatanza piacevole di farsi pubblicità.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti all'articolo (3)

@etabeta Sì me lo ero perso... e, dopo averlo visto, credo di poterlo classificare anche peggio dei fumetti di Google... se possibile! :roll:
9-11-2019 14:10

@Gladiator Questo te lo sei perso? :D Leggi tutto
3-11-2019 18:59

Ci mancavano solo i fumetti pubblicitari di Google... :roll:
21-10-2019 19:14

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Secondo te, come nascono la maggior parte delle bufale che girano su Internet?
Come scherzi rivolti esclusivamente ad amici e conoscenti (che poi involontariamente li propagano in giro)
Dalla "buona volontà" di persone che credono di fare un favore al mondo diffondendo dicerie e stranezze dandole automaticamente per buone
Dalla curiosità di vedere se una propria invenzione possa diventare "famosa" sulla rete, ma anche quanta gente ci arriverà a credere e con che velocità si propagherà
Dalla volontà di creare disinformazione su determinati argomenti
Altro (specificare)

Mostra i risultati (2337 voti)
Febbraio 2023
L'Internet Archive adesso ospita anche le calcolatrici scientifiche
Facebook e Messenger scaricano intenzionalmente la batteria dello smartphone
Gennaio 2023
Windows 11, tre metodi per aggirare l'account Microsoft
Libero e Virgilio Mail offline da giorni, verso la risoluzione
Pesci da compagnia fanno acquisti sulla Switch all'insaputa del padrone
Il ritorno del Walkman
Invecchiare al tempo della Rete
Apache contro Apache
Cessa il supporto a Windows 7. Microsoft: “Non passate a Windows 10”
Lo smartphone con schermo e-ink da 6,1 pollici
Dicembre 2022
WhatsApp dal nuovo anno non funzionerà più su 47 smartphone
LastPass, la violazione è molto più grave del previsto
Netflix, giro di vite sulla condivisione delle password
Digitale terrestre: si spegne la TV in definizione standard
Disorganizzazione informatica fa desistere i cybercriminali
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 5 febbraio


web metrics