La prima clinica specializzata nel curare la dipendenza da videogiochi



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2019]

clinica dipendenza videogioco

Aprirà a Londra il prossimo novembre la prima clinica specializzata nell'aiutare bambini e giovani a liberarsi della dipendenza da videogiochi, recentemente riconosciuta dall'OMS come una vera e proprio malattia.

La clinica è sovvenzionata dal servizio sanitario nazionale inglese (NHS England) e si rivolge a tutte le persone residenti in Inghilterra tra i 13 e i 25 anni: costoro possono rivolgersi al proprio medico di base, il quale provvederà a indirizzarli verso la nuova struttura.

«Questo servizio è una risposta a un problema in crescita, come parte della pressione crescente cui bambini e giovani sono esposti oggigiorno» ha spiegato il NHS, il quale ha però delle rimostranze da fare a quanti ritiene essere i primi responsabili di questa situazione.

«Il Servizio Sanitario Nazionale non dovrebbe essere lasciato solo a raccogliere i cocci: le aziende di Internet e quelle che si occupano di gioco d'azzardo sono responsabili verso i loro utenti tanto quanto lo sono verso i loro azionisti e dovrebbero fare tutto ciò che possono per prevenire i comportamenti ossessivi o dannosi, anziché trarne profitto».

Per chi è affetto dalla dipendenza da videogiochi come definita dall'OMS, non si tratta semplicemente di passare molto tempo ogni giorno davanti al PC o alla console.

Queste persone sono invece arrivate a un punto tale per cui una «priorità crescente [viene] assegnata al gioco al punto tale che il gioco stesso ha la precedenza su interessi vitali e attività quotidiane» con conseguenze negative negli ambiti «personale, familiare, sociale, educativo, occupazionale» di cui però la persona affetta non s'avvede oppure non si cura.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Smartphone ai bambini, i potenziali effetti sullo sviluppo cerebrale
Cassandra crossing/ Overload informativo, overload sociale
OMS: La dipendenza da videogiochi è ufficialmente una malattia
Dipendenza da iPhone? No, è amore vero
Internet, i giovani non sono dipendenti
Dipendenza da Facebook? Ecco chi la cura
La "dipendenza da Internet" è ufficialmente una malattia
Il meeting dei net-dipendenti, email addicted e workaholic

Commenti all'articolo (4)

lo avevo notato il nuovo avatar, decisamente caratteristico! A dirla tutta non lo definirei simpatico per paura che si offenda... :wink:
12-10-2019 15:31

Ok, allora la prenoterò. Dopo che sarò andata nella clinica che mi avrà guarito dalla schiavitù delle sigarette (vedasi nuovo avatar: è una sigaretta che fuma dentro al divieto e dal nervoso lo distrugge a mitragliate).
11-10-2019 21:51

Più sì che no... :wink:
11-10-2019 18:55

:-k :-k :-k 7000 ore a rincorrere pokemon saranno da clinica?
10-10-2019 00:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Sei favorevole all'utilizzo dei tablet al posto dei libri di scuola?
Sì. L'iPad con i libri multimediali è una figata.
No. È una spesa in più a carico delle famiglie.
Sì. Salviamo gli alberi e inquiniamo con l'e-garbage.
No. I tablet hanno un'obsolescenza tecnologica che galoppa: dopo cinque anni, usati tutti i giorni, sarebbero completamente da buttare.
Sì. Cambia la forma ma non la sostanza e la qualità dell'insegnamento.
No. Gli studenti non imparerebbero più a prendere appunti su carta, a scrivere e a fare i conti a mente.
Sì, ma dalle scuole medie in avanti: alle elementari un bambino dovrebbe imparare a leggere su libri veri. Dovrebbe imparare a consultare l'indice in fondo al libro e a cercare dei documenti in una biblioteca vera e organizzarli, non a fare copia e incolla da internet.
No. Gli stessi docenti, in molti casi, non avrebbero la più pallida idea di come utilizzarli. Per non parlare del Ministero che dovrebbe decidere quali programmi si devono o non si devono usare.

Mostra i risultati (2435 voti)
Ottobre 2019
Il sistema operativo per sopravvivere all'Apocalisse
Pegasus, la nuova interfaccia di Windows 10
Dal papà di Android uno smartphone radicalmente diverso
Otto mesi di carcere per chi rivelò gli stipendi d'oro sindacali
Windows, l'aggiornamento impedisce di stampare
Antibufala: la Tesla della polizia rimasta a secco durante un inseguimento
Esplode lo smartphone in carica, muore ragazzina
Settembre 2019
Windows, l'aggiornamento di ottobre mette il turbo al Pc
Tutta la verità sul caso del dominio Italia Viva
Ecco perché gli aggiornamenti Windows hanno così tanti bug
A che età dare lo smartphone ai propri figli?
Usa NULL come targa pensando di beffare il sistema informatico delle multe
Gli USA scaricano Huawei e sui portatili arriva Linux Deepin
Falla nelle SIM, vulnerabili 1 miliardo di telefoni
La Francia non vuole Libra in Europa
Tutti gli Arretrati


web metrics