La prima clinica specializzata nel curare la dipendenza da videogiochi



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 07-10-2019]

clinica dipendenza videogioco

Aprirà a Londra il prossimo novembre la prima clinica specializzata nell'aiutare bambini e giovani a liberarsi della dipendenza da videogiochi, recentemente riconosciuta dall'OMS come una vera e proprio malattia.

La clinica è sovvenzionata dal servizio sanitario nazionale inglese (NHS England) e si rivolge a tutte le persone residenti in Inghilterra tra i 13 e i 25 anni: costoro possono rivolgersi al proprio medico di base, il quale provvederà a indirizzarli verso la nuova struttura.

«Questo servizio è una risposta a un problema in crescita, come parte della pressione crescente cui bambini e giovani sono esposti oggigiorno» ha spiegato il NHS, il quale ha però delle rimostranze da fare a quanti ritiene essere i primi responsabili di questa situazione.

«Il Servizio Sanitario Nazionale non dovrebbe essere lasciato solo a raccogliere i cocci: le aziende di Internet e quelle che si occupano di gioco d'azzardo sono responsabili verso i loro utenti tanto quanto lo sono verso i loro azionisti e dovrebbero fare tutto ciò che possono per prevenire i comportamenti ossessivi o dannosi, anziché trarne profitto».

Per chi è affetto dalla dipendenza da videogiochi come definita dall'OMS, non si tratta semplicemente di passare molto tempo ogni giorno davanti al PC o alla console.

Queste persone sono invece arrivate a un punto tale per cui una «priorità crescente [viene] assegnata al gioco al punto tale che il gioco stesso ha la precedenza su interessi vitali e attività quotidiane» con conseguenze negative negli ambiti «personale, familiare, sociale, educativo, occupazionale» di cui però la persona affetta non s'avvede oppure non si cura.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
La "dipendenza da Internet" è ufficialmente una malattia
Il meeting dei net-dipendenti, email addicted e workaholic

Commenti all'articolo (4)

lo avevo notato il nuovo avatar, decisamente caratteristico! A dirla tutta non lo definirei simpatico per paura che si offenda... :wink:
12-10-2019 15:31

Ok, allora la prenoterò. Dopo che sarò andata nella clinica che mi avrà guarito dalla schiavitù delle sigarette (vedasi nuovo avatar: è una sigaretta che fuma dentro al divieto e dal nervoso lo distrugge a mitragliate).
11-10-2019 21:51

Più sì che no... :wink:
11-10-2019 18:55

:-k :-k :-k 7000 ore a rincorrere pokemon saranno da clinica?
10-10-2019 00:02

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
Una donna è stata querelata per una recensione negativa di un ristorante scritta su Trip Advisor. Quale di queste affermazioni trovi più vicina al tuo pensiero?
Non è giusto che un'opinione scritta su Internet sia considerata pari a un articolo su un giornale. Bisogna rivedere al più presto le leggi sulla difesa dell'onore e sulla diffamazione.
E' giusto che anche sui forum o su Facebook o sui siti di recensioni si applichino le leggi relative alla diffamazione. Un'opinione negativa può rovinare la reputazione di un locale.
Gli utenti devono poter esprimere con la massima libertà la propria opinione su ristoranti, alberghi, ma anche prodotti o servizi acquistati. Un'opinione negativa non dovrebbe essere considerata diffamazione.
Trovo che oggi più che mai sia necessario prestare la massima attenzione a quello che si scrive online.
Le recensioni su Internet sono in gran parte inaffidabili: quelle positive sono scritte dai proprietari, quelle negative dalla concorrenza. In ogni caso l'opinione dei pochi singoli onesti non è significativa.
Vorrei dire la mia sul forum di Zeus News ma temo che prima dovrei procurarmi un buon avvocato, non si sa mai.

Mostra i risultati (3967 voti)
Agosto 2022
Intel, 5 miliardi per costruire uno stabilimento in Italia
E Spot prese il fucile
Gmail, la nuova interfaccia adesso è per tutti
Luglio 2022
Istruzioni per il voto: la busta
Il Tribunale di Milano ordina a Cloudflare di censurare tre siti
Microsoft, un nuovo Windows ogni tre anni
TIM: 9.000 esuberi e un ultimatum al Governo
L'algoritmo che predice i crimini con una settimana d'anticipo
Alexa fa parlare i morti
Giugno 2022
Tesla e la batteria che dura 100 anni
Cosa succede alle password se cambio o perdo il mio dispositivo?
Il sistema operativo open source che ridà vita ai vecchi smartphone
Adobe, prove di Photoshop gratuito per tutti
15 giugno, finisce l'era di Internet Explorer
Grave falla in Windows, occhio ai documenti di Word
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 8 agosto


web metrics