Il malware che si nasconde nei file audio

Sembra un file innocuo, invece nasconde un generatore di criptovalute.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 17-10-2019]

malware wave audio file

Sono davvero lontani i tempi in cui chi voleva proteggersi da virus e affini doveva stare attento quasi solamente ai file eseguibili. Oggi invece le minacce possono nascondersi ovunque, anche nei file audio.

BlackBerry Cylance ha scoperto che negli ultimi tempi sta andando diffondendosi la pratica di nascondere il codice malevolo all'interno dei file WAV, sfruttando tecniche di steganografia.

Con il termine steganografia si intende l'arte di nascondere uno specifico messaggio all'interno di qualcos'altro: una comunicazione, un'immagine, o anche - come in questo caso - un file sonoro.

Chi prova ad ascoltare il file WAV al cui interno si nasconde il malware segnalato da BlackBerry si ritrova sul proprio PC il cryptominer XMRig ma subisce anche l'apertura di una backdoor che consente all'autore del malware di controllare da remoto il computer e installare software come Metasploit.

Secondo JOsh Lemos, vicepresidente della divisione Cylance, si tratta della prima volta che un cryptominer viene diffuso sfruttando la steganografia, anche se è già da qualche mese che l'utilizzo di file audio viene adoperato per diffondere malware.

Lo scorso giugno, per esempio, un gruppo di hacker russi usava file WAV per trasferire dei file dai propri server a computer già infetti senza destare sospetti. In questo caso, invece, l'obiettivo è infettare più macchine possibile al fine di generare criptovalute.

Ciò che gli utenti possono fare, oltre ad affidarsi a un buon software di sicurezza, è diffidare di qualsiasi file provenga da fonti che non siano più che sicure: anche un'innocua canzoncina - o, se è per questo, una fotografia - può celare un pericolo.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Nascosto ma non troppo: la minaccia occulta della steganografia
Da Cascade per MS Dos del 1980 al ramsonware e ai trojan odierni
Stegano, il malware nascosto nelle immagini
Secretbook, come nascondere messaggi nelle immagini di Facebook
Messaggi nascosti nei silenzi di Skype
Nuove tecniche per steganografare dati sull'hard disk

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 20)

{Paolo}
Esempi di codecs: link Leggi tutto
6-11-2019 14:17

:ola: Leggi tutto
25-10-2019 19:04

{Paolo}
Ma evitare di render attivo *.js sul browser troppa cosa usare IceCatMobile senza js? Paolo Del Bene
22-10-2019 14:22

Vero, ma un js aperto in un popunder di dimensione minima, magari ridotto ad icona può comunque scaricare il wav, estrarre il contenuto steganografato all'interno ed eseguirlo. Questo contenuto può essere un altro js che non è stato controllato dall'antivirus e che utilizza la cpu [e quindi l'elettricità] della vittima per minare... Leggi tutto
20-10-2019 15:27

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'app che permette di noleggiare un'autovettura direttamente dallo smartphone è molto contestata dai tassisti.
Non è necessario introdurre nuove regole per l'app. I tassisti hanno torto, perché il mondo si evolve ma loro ragionano come se Internet non esistesse, difendendo ciecamente la loro casta (che ha goduto di fin troppi privilegi negli ultimi anni).
I tassisti dovranno adeguarsi e mandare giù il boccone amaro, anche se un minimo di regolamentazione per l'app è necessaria.
L'app non va vietata del tutto, ma va limitata in modo pesante così da poter salvaguardare le esigenze dei tassisti.
L'app va completamente vietata: i tassisti hanno ragione a protestare, perché Uber minaccia il loro lavoro e viola leggi e regolamenti.
Non saprei.

Mostra i risultati (1938 voti)
Dicembre 2019
Aggiornare gratis a Windows 10 si può ancora, ecco come
Scovare il Product Key di Windows usando solo il sistema operativo
Novembre 2019
WhatsApp, arrivano i messaggi che si autodistruggono
Skimmer virtuali sempre più diffusi, a rischio i dati delle carte di credito
Il pickup elettrico di Tesla debutta con una figuraccia
Falla nell'app fotocamera di Android, milioni di smartphone a rischio
Windows 10, iniziano gli aggiornamenti forzati
Facebook attiva di nascosto la fotocamera dell'iPhone
Apple, deciso in una riunione segreta il dispositivo che sostituirà l'iPhone
Bug in Firefox, truffatori già all'opera
Quattordicenne risolve il problema dei punti ciechi nelle auto
Ottobre 2019
Il grande database della cacca cerca volontari
Google, i domini .new diventano scorciatoie
Wind Tre, con l'anno nuovo aumentano le bollette
Omessa custodia del cellulare, sanzionata l'insegnante del post anti-Arma
Tutti gli Arretrati


web metrics