Apple, utenti obbligati ad aggiornare l'iPhone

Chi non accetterà l'update perderà email, web browser e App Store.



[ZEUS News - www.zeusnews.it - 29-10-2019]

iphone5 aggiornamento obbligatorio

Da quando s'è scoperto - per ammissione diretta di Apple - che le nuove versioni di iOS davvero rallentano gli iPhone più vecchi, gli utenti dei prodotti della Mela morsicata non sempre sono così entusiasti di aggiornare il proprio dispositivo, soprattutto se fanno parte di quella cerchia di persone che non vuole cambiare smartphone ogni anno.

Ciò ha portato a situazioni come quella attuale, in cui ci sono in circolazione ancora diversi iPhone 5, un'edizione introdotta nel 2012 quando l'ultima versione di iOS era la numero sei, che non sono mai stati aggiornati a un sistema operativo più recente (ossia iOS 10.3.4, l'ultimo supportato da questo modello).

Apple ha ora deciso che questa situazione non è più sostenibile, e ha stabilito un ultimatum: chi non aggiornerà il proprio iPhone 5 a iOS 10.3.4 entro il prossimo 3 novembre si vedrà disabilitare alcune funzioni chiave, quali l'email, la navigazione nel web, l'App Store e iCloud.

Giustizia vuole però che non si addossi tutta la colpa a Apple per questa mossa: l'aggiornamento è motivato dalla necessità di conformarsi all'ultimo rollover del GPS, avvenuto lo scorso aprile.

Il rollover è un fenomeno che avviene periodicamente e riguarda il numero a 10 bit usato dal sistema GPS per la trasmissione di data e ora, e contiene il numero della settimana attuale contato a partire da 0.

Trattandosi di soli 10 bit, ci sono a disposizione 1024 settimane: poi è necessario ripartire, avendo cura che tutto continui a funzionare senza che gli apparecchi credano di essere tornati indietro nel tempo.

Per rendere compatibili gli iPhone più vecchi con l'ultimo rollover è quindi necessario l'update: ciò garantirà che sia il GPS che la gestione di data e ora funzionino correttamente. Chi non si adeguerà, si ritroverà uno smartphone menomato.

L'aggiornamento andrà quindi installato prima del 3 novembre. Non farla e poi pentirsene comporta il dover collegare l'iPhone a un computer per eseguire il ripristino.

action required iphone 5

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato con Zeus News ti consigliamo di iscriverti alla Newsletter gratuita. Inoltre puoi consigliare l'articolo utilizzando uno dei pulsanti qui sotto, inserire un commento (anche anonimo) o segnalare un refuso.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Approfondimenti
Apple, tutte le novità della WWDC 2021
Apple ammette: ''Rallentiamo i vecchi iPhone di proposito''

Commenti all'articolo (ultimi 5 di 7)

Se l'aggiornamento obbligatorio si limita a risolvere problemi di sicurezza e migliora le funzionalità è sacrosanto e benvenuto, il problema è che sovente, e non so se sia anche questo il caso, l'aggiornamento obbligatorio di sicurezza sovraccarica inutilmente i dispositivi con oltre 2/3 anni di età rendendoli praticamente... Leggi tutto
9-11-2019 15:54

E chi li butta?? Io ho ancora il Microtac II e il Microtac 8700 con imballo originale :D Comunque non è essere alternativi, è essere più furbi, perché devo spendere 700€ per comperare un cinese taroccato e strapagarlo quando con 80€ posso comperare un cinese originale? Sarei scemo! :roll: Facciamo 1+1 Gli iPhone 5 nel 2012... Leggi tutto
5-11-2019 14:33

{utente anonimo}
Ma perché un aggiornamento obbligatorio che serva solo a migliorare funzionamento e sicurezza dovrebbe mai essere un problema? Invece se insozziamo il pianeta buttando cellulari cinesi ogni 3-4 anni è essere alternativi?
4-11-2019 02:01

89€ Nokia2 dual sim anche se sono comunque fuori budget anche se dura 5 anni. :roll: Per spese non indispensabili a budget ho 1centesimo/giorno :oops: 89€/1825giorni=0,04centesimi/giorno. :( Leggi tutto
3-11-2019 18:09

Fra aggiornamenti non disponibili nell'ecosistema Android (dopo 2/3 anni non ci sono più aggiornamenti) e aggiornamenti obbligatori nel mondo Apple, tutto con il chiaro obiettivo di indurre gli utenti a cambiare smartphone ancora perfettamente funzionanti, l'unica è tornare al vecchio telefono cellulare o comprarsi dispositivi da meno di... Leggi tutto
3-11-2019 16:10

La liberta' di parola e' un diritto inviolabile, ma nei forum di Zeus News vige un regolamento che impone delle restrizioni e che l'utente e' tenuto a rispettare. I moderatori si riservano il diritto di cancellare o modificare i commenti inseriti dagli utenti, senza dover fornire giustificazione alcuna. Gli utenti non registrati al forum inoltre sono sottoposti a moderazione preventiva. La responsabilita' dei commenti ricade esclusivamente sui rispettivi autori. I principali consigli: rimani sempre in argomento; evita commenti offensivi, volgari, violenti o che inneggiano all'illegalita'; non inserire dati personali, link inutili o spam in generale.
E' VIETATA la riproduzione dei testi e delle immagini senza l'espressa autorizzazione scritta di Zeus News. Tutti i marchi e i marchi registrati citati sono di proprietà delle rispettive società. Informativa sulla privacy. I tuoi suggerimenti sono di vitale importanza per Zeus News. Contatta la redazione e contribuisci anche tu a migliorare il sito: pubblicheremo sui forum le lettere piu' interessanti.
Sondaggio
L'Italia e gli italiani sono pronti per il (video)gioco online?
I giocatori sarebbero anche pronti, ma il problema è il digital divide. Senza una connessione broadband il gioco online è una chimera.
In Italia più che in altri paesi ha ampia diffusione la pirateria. Il fatto che buona parte dei giocatori utilizzi prodotti contraffatti limiterà la crescita dell'online gaming.
Barriere linguistiche e ritardi nella diffusione di giochi e tecnologie online ci hanno penalizzato nel passato, ma oggi le possibilità di sviluppo sono rosee.
Non ci sono barriere tecniche, ma solo culturali. Il videogioco è tradizionalmente visto come un prodotto da fruire individualmente o in compagnia di amici.
La comunità di giocatori online italiana non ha nulla da invidiare per qualità e quantità a quelle degli altri paesi.

Mostra i risultati (768 voti)
Gennaio 2022
Video porno interrompe convegno online del Senato
Amazon introduce la consegna con la password
Parchimetri e pagamenti via codice QR, la truffa è servita
Norton e Avira generano criptovalute coi PC degli utenti
Chiude per sempre Popcorn Time, il netflix dei pirati
Digitale terrestre, riparte il balletto delle frequenze
BlackBerry addio, stavolta per davvero
Dicembre 2021
Windows 11 sbaglia a mostrare i colori
L'app che “sgonfia” Windows 10 e 11
Il CEO di Vivaldi: “Microsoft è disperata”
Gli AirTag? Ottimi per rubare le auto
Microsoft ammette: SSD più lenti con Windows 11
Smart working: dall'emergenza alla normalità
Perché Intel accumula hardware obsoleto in Costa Rica?
Antitrust, 30 aziende contro Microsoft per colpa di OneDrive
Tutti gli Arretrati
Accadde oggi - 23 gennaio


web metrics